Infermiera molestata perché lesbica, condannato l’ospedale

Siamo di fronte alla prima sentenza in Italia che condanna un datore di lavoro per le molestie perpetrate a causa dell’orientamento sessuale della vittima.

Infermiera molestata perché lesbica, condannato l'ospedale - infermiera lesbica molestie - Gay.it
2 min. di lettura

L’azienda socio-sanitaria della Valle Olona è stata condannata dal Tribunale di Busto Arsizio a pagare 10.000 euro nei confronti di una donna vessata dal suo primario e a risarcirla per le molestie subite. A raccontare quando accaduto il Corriere della Sera, a firma Elena Tebano. I fatti risalgono al 2019 e coinvolgono un’infermiera che lavorava come responsabile dell’ambulatorio di ginecologia e ostetricia di una struttura della Asst Valle Olona, e il primario del suo reparto. Dopo aver scoperto l’orientamento sessuale della donna, fidanzata con una dottoressa che lavorava nello stesso ospedale, il primario ha iniziato a fare battute oscene, di chiara matrice omofoba.

«Sono arrivata al punto di prendere le pastiglie per gli attacchi di panico, non riuscivo neppure a pensare di poter andare al lavoro», ha confessato la donna al Corriere. Negli atti del procedimento ci sono frasi irripetibili, con il primario che arriva a chiedere il trasferimento della donna in un’altra struttura. Persino i colleghi si mobilitano, con i dirigenti medici di ginecologia ed ostetricia che inviano una lettera alla dirigenza dell’Asst Valle Olona e al primario per esprimere «il loro dispiacere e I’incredulità» per il trasferimento, sottolineando «le doti professionali, organizzative e di gestione, nonché le doti umane» della donna. Grazie anche alla sua «competenza, preparazione e continua attenzione», continuano i colleghi, «gli ambulatori sono diventati un’eccellenza della nostra attività».

È così scattata la denuncia al giudice del lavoro, che ha riconosciuto le molestie ai danni dell’infermiera e condannato l’Asst Valle Olona a risarcirla. «Da quello che è dato capire dal dispositivo, siamo di fronte alla prima sentenza in Italia che condanna un datore di lavoro per le molestie perpetrate a causa dell’orientamento sessuale della vittima – dice l’avvocato Emiliano Ganzarolli –. È importante perché afferma che una lavoratrice non deve esser costretta a subire in silenzio le battute offensive e ostili del proprio responsabile che, per il suo ruolo, crede di poter trattare i sottoposti in modo svilente».

«Questa omofobia in ambito medico è inaccettabile e non si fa nulla per prevenirla» – ha dichiarato Giovanni Boschini, presidente Arcigay Varese. «Non esistono piani di formazione per il personale medico e a pagarne le spese sono i lavoratori LGBT, lavoratori come tutti gli altri che pagano ancora per un clima profondamente omofobo e che impedisce alle persone di vivere liberamente. Precedenti del genere rischiano di alimentare un clima tossico che impedisce ai dipendenti di parlare della propria vita personale come tutti gli altri e di vedere il luogo di lavoro come un luogo frustrante, in cui autocensurarsi per non incappare in problemi per la propria carriera. È ora che anche le aziende pubbliche prendano posizione in maniera netta ed esplicita contro l’omofobia come accade in molti altri Paesi, organizzando iniziative ad hoc e formazioni per il personale. Un ulteriore silenzio da parte delle ASST significherà solo continuare ad essere complici di odio e pregiudizio».

Giorni fa, a Perugia, un professore è stato condannato per botte e insulti omofobi ad uno studente di 14 anni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24

Leggere fa bene

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo - stella cadente 2 - Gay.it

Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo

News - Redazione Milano 13.11.23
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
gabriele suicidio 13 anni palloncini bianchi

Addio Gabriele, ucciso a 13 anni dal bullismo di Stato

News - Redazione Milano 14.11.23
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23