La Regione Veneto e l’assessora Donazzan hanno responsabilità sul suicidio di Cloe Bianco?

Perché l'assessora Elena Donazzan da poche ore ha deciso di chiudere i proprio social network in forma privata? Quali e di chi sono le responsabilità civili e politiche del gesto estremo di Cloe? Ci sono responsabilità giudiziarie?

ascolta:
0:00
-
0:00
cloe bianco elena donazzan regione veneto luca zaia
cloe bianco elena donazzan regione veneto luca zaia
3 min. di lettura

Sette anni dopo essere stata allontanata dal suo ruolo di insegnante, Cloe Bianco si è suicidata dando fuoco al proprio corpo e lasciando questo messaggio:

“Il possibile d’una donna brutta è talmente stringente da far mancare il fiato, da togliere quasi tutta la vitalità. Si tratta d’esistere sempre sommessamente, nella penombra. In punta di piedi, sempre ai bordi della periferia sociale, dov’è difficile guardare in faccia la realtà. Io sono brutta, decisamente brutta, sono una donna transgenere. Sono un’offesa al mio genere, un’offesa al genere femminile. Non faccio neppure pietà, neppure questo”.

La storia straziante di una donna morta suicida e il suo corpo carbonizzato sono il risultato di una cultura omobitransfobica nel paese il cui Senato della Repubblica ha applaudito il fallimento di una legge di protezione per le persone LGBTQIA+ (il Disegno di Legge Zan).

Ma nella tragedia di Cloe Bianco c’è di più. Non solo il legislatore decide di non promulgare una legge di protezione. Di più. Da un lato le istituzioni regionali mancano di svolgere appieno il proprio ruolo esecutivo nell’applicare linee guida e procedure che favoriscano la convivenza civile di tutte le identità e dall’altro si fanno esse stesse promotrici di sberleffo, gogna, discriminazione. È politicamente accettabile?
È giuridicamente inappuntabile?

Quando nel 2015 Cloe Bianco si presentò in classe ai suoi studenti chiedendo di essere identificata come donna, l’assessora della Regione Veneto Elena Donazzan pubblicò commenti sui social network e definì quel gesto “Una carnevalata”, parlando di “signore vestito da donna”. Alcuni genitori protestarono per il fatto che i figli non erano stati preparati a quel momento. Ne derivò una gogna che portò all’allontanamento di Cloe dal suo ruolo di insegnante di fisica dell’istituto di San Donà di Piave presso cui insegnava.

Dunque le istituzioni italiane da un lato compiono la scelta politica di non tutelare le persone LGBTQIA+, affossando una legge di aggravante per i gesti derivanti da odio omobitransfobico, dall’altro si astengono dall’attuare provvedimenti esecutivi che consentano alle persone LGBTQIA+ di vivere in un clima di piena accettazione delle proprie identità. E non solo: le istituzioni, come è evidente dai post e dall’atteggiamento dell’assessora Donazzan, si prodigano per gettare benzina sul fuoco della gogna pubblica.

 

cloe bianco elena donazzan regione veneto luca zaia
Riposa in pace Cloe Bianco

 

Benzina sul fuoco che da figurativa si è tramutata in fiamme reali, che hanno privato Cloe Bianco della propria vita. Cloe ha scelto liberamente di porre fine alla propria esistenza.

Ma quali e di chi sono le responsabilità politiche e civili che hanno indotto Bianco a compiere il gesto estremo? Ci sono responsabilità giudiziarie?

  • La Regione Veneto e nello specifico l’assessora Donazzan hanno istituito linee guida al fine di favorire un armonioso inserimento di insegnanti transgender o hanno abbandonato studenti e insegnanti a se stessi?
  • Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia non ritiene opportuno ritirare la delega alle Pari Opportunità all’assessora Elena Donazzan per mancato svolgimento del proprio ruolo?
  • Perché l’assessora Elena Donazzan da poche ore ha deciso di chiudere i proprio social network in forma privata?
  • La Regione Veneto e nello specifico l’assessora Donazzan con i suoi post e le sue definizioni “carnevalata”, e “signore vestito da donna” hanno favorito il clima di emarginazione che ha indotto al suicidio Cloe Bianco?
  • Nel paese il cui Senato applaude simbolicamente contro le persone LGBTQIA+, le responsabilità politiche risiedono a Roma e in Parlamento, ma certamente nella tragedia di Cloe Bianco c’è qualcosa in più su cui è necessario andare a fondo. Ci sono responsabilità giudiziarie da parte della Regione Veneto e dell’assessora Donazzan?
  • Gli avvocati di Donazzan hanno consigliato di rendere privati i social network dell’assessora come forma di precauzione legale?

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

meloni orban

L’ascesa delle ultradestre e dei movimenti anti-LGBTQIA+ spiegata in 5 punti fondamentali

News - Francesca Di Feo 29.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Papa Francesco e l’attacco ai seminaristi gay, le reazioni della comunità LGBTQIA+ italiana

News - Redazione 28.5.24
pride di modena, terni e alessandria

Come sono andati i Pride di Alessandria, Terni e Modena il 25 maggio – GALLERY

News - Gio Arcuri 28.5.24
Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

News - Redazione 29.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24

Continua a leggere

Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
Nex Benedict Gay.it

Nex Benedict uccisə dalla transfobia, spunta il video delle sue ultime parole alla polizia in ospedale

News - Redazione Milano 27.2.24
Rimini, il vescovo Nicolò Anselmi partecipa alla Giornata della visibilità transgender: "Dio è padre di tutti" - Nicolo Anselmi Rimini - Gay.it

Rimini, il vescovo Nicolò Anselmi partecipa alla Giornata della visibilità transgender: “Dio è padre di tutti”

News - Redazione 8.4.24
Tommy Dorfman (TIME)

Tommy Dorfman accusa la Delta Air Lines di transfobia

Cinema - Redazione Milano 3.1.24
5 libri antifascisti

5 libri italiani per liberarci dai vecchi e nuovi fascismi

Culture - Federico Colombo 3.5.24
roccella-teoria-del-gender

Roccella e le retoriche di una ‘vecchia femminista’: “La teoria del gender è il nuovo patriarcato”

News - Francesca Di Feo 7.12.23
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
animali-trans

16 specie di animali trans* che fanno tremare i transfobici e le loro argomentazioni

Corpi - Francesca Di Feo 15.4.24