La rabbia di Cloe Bianco brucia ancora, la manifestazione Domenica 18 Giugno

In piazza per non restare mai più nascostə.

ascolta:
0:00
-
0:00
Cloe bianco
cloe bianco
2 min. di lettura

Nella notte tra il 10 e l’11 Giugno 2022, Cloe Bianco si toglieva la vita in una valle delle Dolomiti, tra Auronzo e Misurina.

Era un’ex insegnante di laboratorio dell’istituto Scarpa di San Donà di Piave, e una donna trans di 58 anni discriminata e allontanata dall’insegnamento, relegata alle segreterie scolastiche dopo essersi presentata in aula in abiti femminili e per aver intrapreso il percorso di transizione.

Oggi la mia libera morte, così termina tutto ciò che mi riguarda“ scriveva il suo ultimo post: “Questa semplice festa della fine della mia vita è stata accompagnata dall’ascolto di buona musica… Ciò è il modo più aulico per vivere al meglio la mia vita e concluderla con lo stesso stile. Qui finisce tutto”.

 

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Stati Genderali (@statigenderali)

Sul suo blog Cloe Bianco raccontava la sua solitudine, l’esilio dal posto di lavoro senza alcuna tutela o l’assistenza di un sindacato, perché incarnavaciò che non si deve essere, con le fin troppo ovvie conseguenze di rifiuto date dalle scelte ritenute, dalle altrui persone, scandalose, inaccettabili, non condivisibili“. 

Questa domenica 18 Giugno, in Piazza a San Donà di Piave alle ore 16, ci ricordano che la rabbia di Cloe brucia ancora e che se toccano un3 toccano tutt3. Come scrive un post ufficiale: “Siamo trans, esistiamo, abitiamo le metropoli ma anche le province, lavoriamo nelle fabbriche, nelle strade e anche nelle scuole, studiamo nel sistema di istruzione di questo paese e non siamo più dispost* a nasconderci”.

In collaborazione co la rete di associazioni collettivi e attivist* LGBTQIAP+, Stati Genderali, è una manifestazione che parte dal basso (“organizzata da persone trans, non binarie, e solidali”) con l’obiettivo di rompere il silenzio e abbattere quel muro di violenza sistemica che le persone transgender incontrano in ogni contesto pubblico, completamente normalizzata e alimentata dal nostro governo, tra fantomatiche teorie gender e totale disinformazione (a partire dall’assessora all’istruzione Elena Donazzan –attualmente con l’incarico delle pari opportunità – che continuò a insultare e denigrare il nome di Cloe Bianco, chiamandola con pronomi maschili anche dopo la morte.)

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Stati Genderali (@statigenderali)

Si scende in piazza  per ricordare le parole di Cloe (si leggeranno alcuni suoi scritti) e reclamare a gran voce il rispetto e la dignità che anche le istituzioni scolastiche continuano a negare: dalla carriera alias per tutto il personale della scuola e studentesco (con la possibilità di essere chiamat* e conosciut* con il proprio nome e genere di elezione senza necessità di certificati o procedure giudiziarie) alla costante valutazione e competizione “che erode il benessere e la possibilità di relazione per tutt* ma specialmente per chi in un modo o nell’altro è individuat* come “diverso”.”

Abbiamo scelto di scendere in piazza nella provincia veneta perché vogliamo portare questa giornata nel luogo dove un’insegnante trans è stata stigmatizzata e discriminata a tal punto da far implodere la rabbia scrivono gli Stati Genderali, concludendo “Attenzione: se arriviamo a San Donà di Piave possiamo arrivare ovunque. E ci arriveremo insieme!”

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24

Continua a leggere

Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

Nuova bufera su J.K. Rowling, accusata di negazionismo dell’Olocausto nei confronti delle persone trans

News - Federico Boni 15.3.24
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
Nex Benedict

Nex Benedict, secondo l’autopsia si è toltə la vita dopo l’aggressione transfobica

News - Redazione Milano 14.3.24
grecia-matrimonio-egualitario-proteste

Grecia nel caos omobitransfobico. Weekend di terrore, in 200 aggrediscono coppia trans. Minacce a Kasselakis

News - Federico Boni 12.3.24
HUNTER SCHAFER

Hunter Schafer è stata arrestata per una protesta pro-Palestina

News - Redazione Milano 28.2.24