La sua vita in rosa

Nella tragica storia del ragazzo morto suicida c'è solo una certezza: che lui è vittima. Chi siano i carnefici, però, non è ancora possibile dirlo, nonostante qualcuno voglia urlare il loro nome.

La sua vita in rosa - cavoursuicidioBASE 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Rispetto, tatto, approfondimento. In un mondo ideale questi elementi dovrebbero essere sempre presenti prima di giudicare una vicenda tragica come quella del ragazzino quindicenne che la scorsa notte si è tolto la vita. Non sempre, quasi mai, è invece possibile averli. Si fa largo, allora, una reazione di pancia in solidarietà alla vittima che ci porta a individuare istintivamente i suoi carnefici. 
 

La sua vita in rosa - giornalesuicidioF1 - Gay.it

Siamo stati tutti, io per primo, anche se solo per qualche ora, a lanciare accuse, puntare il dito, a urlare che quel ragazzo è stato ucciso dai suoi compagni di classe che lo deridevano e da una scuola che non è stata capace di accoglierlo. Tutto sulla base di una storia raccontata da una sola fonte che forse – sarebbe l’ennesima volta – cercava un po’ di visibilità sui giornali e l’ha trovata dando la vicenda e i suoi teoremi in esclusiva ad un quotidiano nazionale. Se le cose siano andate davvero come le abbiamo lette (pagina facebook, vestiti rosa, insulti) è ancora presto per dirlo e forse tutto è un po’ più complesso di così: la verità ha mille facce e forse la verità vera mai la sapremo. Del resto, quella pagina era stata costruita da lui insieme ai compagni e l’ambiente scolastico, a partire dalla sua insegnante di riferimento, pare fosse tutt’altro che ostile.
 
C’è un bellissimo film francese del 1997, come mi ricordava un amico parigino su Facebook: "La mia vita in rosa". Racconta le vicende di un bambino di 7 anni che sente di essere una bambina e vuole sposare il compagno di banco. Troverà molta dolcezza solo da parte della nonna, sognatrice quanto lui: la famiglia e gli amichetti non sempre si dimostreranno capaci di interpretare la sua vera dimensione, non per cattiveria ma per banale e umanissima ignoranza. Alla fine il ragazzo, nonostante riesca a farsi accettare in qualche modo, non ce la fa. E’ una storia verosimile, specchio della società che dobbiamo e vogliamo cambiare, a volte anche solo riflettendo, anziché urlando. Ma non sappiamo neppure se questa storia è la stessa del quindicenne romano e quali ragioni lo abbiano indotto a non vedere più il suo futuro.

Solo una cosa noi sappiamo: che c’è una vittima. Non sappiamo se è vittima di qualcosa o di qualcuno: se ci sono carnefici davvero è presto per dirlo e di teoremi in nome del nostro sacrosanto diritto a cambiare la società in cui viviamo non ne abbiamo proprio bisogno, anche perché rischiamo – in questo caso come purtroppo anche in altri, chissà come mai sempre a Roma – che ci si ritorcano contro.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Carlotta D'Amico e mamma Erika vincono "Io Canto Family"

Carlotta D’Amico e mamma Erika vincono “Io Canto Family”

Culture - Luca Diana 13.6.24
Break The Code Tour, Nemo arriva in Italia. Ecco dove e quando - Break The Code Tour Nemo arriva in Italia - Gay.it

Break The Code Tour, Nemo arriva in Italia. Ecco dove e quando

Musica - Redazione 13.6.24
Fabio Tuiach assolto in appello dopo l'iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba - Fabio Tuiach a processo - Gay.it

Fabio Tuiach assolto in appello dopo l’iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba

News - Redazione 13.6.24
Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: "Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni" - Pride Croisette 2 - Gay.it

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: “Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni”

News - Federico Boni 12.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco torna a insultare e conferma l’esclusione cattolica dei seminaristi gay

News - Francesca Di Feo 12.6.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Salerno, aggressione omofoba al grido "ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*” - Omofobia 10 - Gay.it

Salerno, aggressione omofoba al grido “ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*”

News - Redazione 3.5.24
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24