Legge Omotransfobia, Zan e Malpezzi fanno chiarezza: “Ecco perché è slittata la discussione”

Lunga diretta social per smontare le fake news e ribadire l'urgenza del DDL Zan.

Legge Omotransfobia, Zan e Malpezzi fanno chiarezza: "Ecco perché è slittata la discussione" - alessandro zan - Gay.it
3 min. di lettura

Dopo 48 ore di polemiche e fake news, Alessandro Zan e Simona Malpezzi, senatrice del Partito Democratico, hanno provato a fare il punto sulla legge contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo, che tornerà a Palazzo Madama non prima di ottobre. Da destra hanno subito cavalcato l’onda, parlando di “emergenza finita” e Pd in ritirata dinanzi ad un DDL “morto e sepolto”. Ma la verità sta altrove, come da noi spiegato ieri. Molto banalmente, ci sono delle urgenze a pendere sui senatori della Repubblica che hanno la precedenza tecnica su una legge di iniziativa parlamentare come il DDL Zan.

I decreti hanno la precedenza, perché scadono. Hanno 60 giorni di vita ed entro questi 60 giorni il Parlamento deve convertirli in legge. Il DDL Zan non è morto, sono fake news, è nel pieno dell’iter legislativo“, ha tuonato il deputato Pd. “I decreti hanno precedenza nel calendario dei lavori rispetto a tutte le leggi di iniziativa parlamentare. Noi del Pd non molliamo di un millimetro. Anche alla Camera arrivavano i decreti e il DDL slittava. Ma appena si è palesata una finestra temporale dove calendarizzare la legge noi l’abbiamo fatto. Tutti quelli che cercano di far passare l’idea che i partiti di maggioranza hanno mollato la legge sono quelli che in realtà la legge non la vogliono. Utilizzano questa scusa per far passare un messaggio sbagliato. Sono stupidaggini“.

Malpezzi ha puntato il dito contro quelli che nelle ultime 48 ore hanno alimentato la polemica del ‘rinvio’, dopo aver fatto di tutto per affossare il DDL. “Chi polemizza oggi ha proposto il non passaggio agli articoli, con voto segreto, vedi Forza Italia. Tutti i partiti di governo non hanno toccato il tema DDL Zan perché c’è stato richiesto in conferenza dei capigruppo una settimana di lavori in commissione giustizia solo per la riforma del processo civile, il disegno di legge delega sul penale a cui si è aggiunto il decreto crisi di impresa. Quando la commissione ti chiede di poter lavorare ulteriormente per poter rispettare i tempi di approvazione, è chiaro che tu debba darli. Senza polemiche. Questo non significa che il DDL Zan non sia più una priorità, ma è un disegno di legge e come tale arriva dopo i decreti e i pnrr. Oggi non abbiamo la mappatura dei lavori“.

Dinanzi all’intero mese di settembre occupato dall’approvazione dei vari decreti, dai primi di ottobre ci sarà probabilmente la possibilità di trovare uno spazio per il DDL Zan. “Necessario aggiornarsi strada facendo, raccontando quali possano essere le difficoltà di calendario“, ha confessato la senatrice, che ha voluto smontare anche l’immagine di un DDL rinviato. “Non era neanche fissato in calendario”. “Tecnicamente non si poteva calendarizzarlo, non c’è stato nessun rinvio. Capisco la preoccupazione, perché sembra sempre che ci sia altro. Ma noi ci siamo. Non abbiamo cambiato opinione e posizioni su questa legge, da votare così com’è. Ma non dimentichiamoci che quando terminerà la discussione generale, arriverà la richiesta di non passaggio agli articoli, a voto segreto. Bisognerà votare per evitare che la legge torni in discussione“. Richieste firmate Forza Italia e Lega, con il serio rischio che l’intera legge affondi definitivamente, tornando in commissione. “Alla prima finestra utile troveremo una data, possibilmente condivisa“, ha concluso Malpezzi. “Magari la prima settimana di ottobre, quella che parte il 4. Ma non abbiamo ancora parlato di date. Sarebbe anche bello che quella proposta di non passaggio agli articoli venisse ritirata“.

Richiesta utopistica, dinanzi ai barbari leghisti che non vedono l’ora di arrivare al voto segreto, con Zan costretto a smontare anche il mito del DDL rinviato causa imminenti amministrative nelle grandi città. “Non c’entrano niente. Non sono elezioni che riguardano il parlamento. Ci sono decreti in scadenza e il senato deve ratificarli. Vero che i diritti vengono prima di tutto, ma questa è una legge di iniziativa parlamentare”. “Speriamo di avere anche Italia Viva al nostro fianco, che si è sfilata dopo averla votata alla Camera. Per pura coerenza politica“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Argentina, trionfa l'ultradestra di Milei. Chi è la vicepresidente Victoria Villarruel, ultracattolica "anti-gender" - Argentina trionfa lultradestra di Milei. Chi e la vicepresidente Victoria Villarruel 2 - Gay.it

Argentina, trionfa l’ultradestra di Milei. Chi è la vicepresidente Victoria Villarruel, ultracattolica “anti-gender”

News - Federico Boni 20.11.23
Bersani su Vannacci: "Se diamo dell’anormale a un gay, possiamo dare del cogli*ne a un generale?”. Il video è virale - bersani - Gay.it

Bersani su Vannacci: “Se diamo dell’anormale a un gay, possiamo dare del cogli*ne a un generale?”. Il video è virale

News - Redazione 4.9.23
Vannacci è ovunque e continua nei suoi deliri: "Omosessuali ultraprotetti, si sentono intoccabili" - 6D3046CB E0AC 431B 8685 F78A3416FE24 - Gay.it

Vannacci è ovunque e continua nei suoi deliri: “Omosessuali ultraprotetti, si sentono intoccabili”

News - Redazione 25.9.23
Vannacci: "Rivendico il diritto all'odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c'è chi li critica" - VIDEO - vannacci matrimoni gay - Gay.it

Vannacci: “Rivendico il diritto all’odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c’è chi li critica” – VIDEO

News - Federico Boni 31.8.23
Belgrado Pride 2023, migliaia di persone in piazza sfidano l'omobitransfobico presidente Vučić - Belgrado Pride 2023 migliaia di persone in piazza sfidano lomobitransfobico presidente Vucic - Gay.it

Belgrado Pride 2023, migliaia di persone in piazza sfidano l’omobitransfobico presidente Vučić

News - Redazione 12.9.23
Donald Trump e il trionfo in Iowa, cosa succede ora con le primarie repubblicane? - Donald J. Trump - Gay.it

Donald Trump e il trionfo in Iowa, cosa succede ora con le primarie repubblicane?

News - Federico Boni 17.1.24