Liverpool, due ragazzi gay accoltellati. Uno di loro è grave

Un preoccupante aumento delle aggressioni a sfondo omofobo nel Regno Unito.

I due ragazzi, entrambi 30enni, stavano percorrendo a piedi Manningham Road, nel distretto di Anfield di Liverpool.  Erano le 21.20 di sabato sera. All’improvviso, un gruppo di tre adolescenti, pare tra i 12 e i 15 anni, avrebbero iniziato a seguire la coppia, insultandoli pesantemente con offese di chiaro stampo omofobo. I due ragazzi hanno cercato di ignorarli, ma questi non volevano semplicemente infastidirli.

Uno dei componenti del gruppo omofobo ha estratto un coltello e ha colpito le vittime, senza una ragione. Il primo ha riportato una ferita alla mano, mentre il suo compagno è stato colpito alla testa e al collo. Sarebbe grave ma comunque non in pericolo di vita. Chiamati i soccorsi, sono stati subito trasportati in ospedale per essere medicati. Dei tre responsabili, invece, non c’è traccia. Sono scappati subito dopo l’aggressione e le vittime hanno fornito un identikit di tutti e 3 alla Polizia, avvertita dall’ospedale.

Violenza non tollerata a Liverpool

L’ispettore Tara Denn, che segue il caso, ha affermato:

Questo è stato un attacco spaventoso e non provocato contro due uomini che stanno semplicemente tornando a casa e noi stiamo lavorando instancabilmente per individuare i responsabili. Due uomini sono rimasti con ferite significative stasera e l’odio e la violenza che è stata loro inflitta è semplicemente inaccettabile e non sarà tollerata per le strade del Merseyside.

La Polizia ha poi chiesto l’aiuto dei cittadini della zona per fornire qualsiasi informazione utile a scoprire i nomi dei responsabili. E di punirli per l’attacco omofobo. Quest’ultima aggressione avviene a pochi giorni da quella di Londra, quando due ragazze lesbiche sono state picchiate per essersi rifiutate di baciarsi, come gli aveva chiesto un uomo.

Lesbiche

Mamma organizza festa a sorpresa per la figlia trans di 6 anni: “Voleva tagliarsi la gola, ora è felice”

La commovente storia vera di Lynn e di sua figlia Avery, a 5 anni appena disperata perché consapevole di essere nata nel corpo sbagliato.

di Federico Boni