Megan Rapinoe e altre 40 atlete hanno firmato una lettera contro il divieto sportivo USA alle donne trans

Una nuova legge USA a "protezione delle ragazze e delle donne nello sport" escluderebbe automaticamente tutte le donne e le ragazze transgender e intersessuali dalle competizioni femminili.

ascolta:
0:00
-
0:00
Megan Rapinoe e altre 40 atlete hanno firmato una lettera contro il divieto sportivo USA alle donne trans - Megan Rapinoe - Gay.it
3 min. di lettura

Un gruppo di 40 atlete professioniste, olimpiche e paralimpiche ha preso carta e penna e firmato una lettera di protesta contro i sempre più frequenti e recenti divieti sportivi alle atlete trans.

Tra le firmatarie la diva del calcio Megan Rapinoe, la star del basket Sue Bird e la calciatrice Becky Sauerbrunn. Ma a sostegno della lettera, pensata dal gruppo di difesa LGBTQ Athlete Ally e indirizzata alla Camera dei Rappresentanti, ci sono sportive in arrivo anche varie realtà.

La lettera richiama il “Protection of Girls and Women in Sports Act” proposto dai repubblicani d’America, l’HR 734, che vieterebbe alle ragazze e alle donne transgender e intersessuali di competere negli sport in tutto il Paese. Se il disegno di legge dovesse passare, diventerebbe parte della legislazione del titolo IX, che impedisce la discriminazione basata sul genere. L’amministrazione Biden proprio la scorsa settimana ha proposto nuove linee guida che impedirebbero divieti generalizzati e a titolo definitivo alla partecipazione delle atlete transgender, ma consentirebbero comunque di escludere le donne trans in alcuni scenari specifici.

Le 40 atlete firmatarie hanno sottolineato come il disegno di legge proposto “non proteggerebbe le donne nello sport“, in quanto escluderebbe donne e ragazze dall’ottenere i necessari “benefici per la salute mentale e fisica“.

Noi crediamo che ogni bambino meriti di vedere la propria vita cambiata in meglio, potendo partecipare allo sport che ama“, si legge nella lettera.

Come atlete professionistiche, olimpiche e paralimpiche, abbiamo dedicato la nostra vita allo sport. Lo sport ci ha dato i nostri più grandi amici, ci ha insegnato incredibili lezioni di vita e ci ha dato la fiducia e la spinta per avere successo nel mondo. Quelle di noi che amano lo sport sanno che il suo valore va ben oltre il campo di gioco, per sviluppare un senso di sé e identità e riflettere ciò che apprezziamo come comunità. Lo sport è un formidabile sfogo per la salute fisica e mentale, insegna preziose lezioni sul lavoro di squadra e sulla disciplina e ci ha portato in una comunità che durarà per tutta la vita. Ogni singolo bambino dovrebbe avere accesso al potere salvavita dello sport”.  “Se questo disegno di legge dovesse passare, le ragazze e le donne transgender e intersessuali di tutto il paese saranno costrette a sedersi in disparte, lontane dai loro coetanei e dalle loro comunità. Inoltre, il controllo di chi potrà e non potrà praticare sport a scuola porterà molto probabilmente al controllo dei corpi di tutte le ragazze, comprese quelle cisgender. Ciò scoraggerà le ragazze dal praticare sport e creerà ulteriori barriere. Negare ai bambini l’accesso a un luogo in cui possono ottenere significativi benefici per la salute mentale e fisica e imparare lezioni per tutta la vita che derivano dall’essere parte di una squadra e dal lavorare sodo per i propri obiettivi non protegge le donne nello sport”.

Crediamo che l’uguaglianza di genere nello sport sia fondamentale, motivo per cui esortiamo i responsabili politici a rivolgere la loro attenzione e i loro sforzi alle cause che le atlete combattono da decenni, tra cui la parità di retribuzione, la fine di abusi e maltrattamenti, l’applicazione irregolare del Titolo IX e una mancanza di accesso ed equità per le ragazze di colore e le ragazze con disabilità, solo per citarne alcune“, prosegue la lettera. “La nostra speranza più profonda è che i bambini transgender e intersessuali non debbano mai sentire l’isolamento, l’esclusione e tutto quello che la HR 734 sta cercando di sancire nella legge“.

Venti Stati d’America hanno già approvato divieti alla partecipazione delle atlete transgender negli sport tra scuole pubbliche e college. Gli ultimi, in ordine di tempo, sono stati Kansas, Carolina del Sud, Tennessee, Georgia e Oklahoma. Nelle ultime settimane anche World Athletics ha sancito il divieto di partecipazione delle donne trans alle gare di atletica, come già accaduto con nuoto, rugby e ciclismo.

Donald Trump, primo ex presidente della storia incriminato ma ugualmente ricandidato alla Casa Bianca, ha promesso che se dovesse vincere le elezioni del 2024 vieterà la partecipazione sportiva delle atlete trans a livello nazionale.

Firmatari Lettera

Abby Dunkin, giocatrice di basket paralimpica, medaglia d’oro, Team USA

Alison Desir, autrice, attivista e runner

Angela Hucles, dirigente sportiva americana ed ex calciatrice professionista

Becky Sauerbrunn, calciatrice, medaglia d’oro olimpica, Team USA

Bella Bixby, calciatrice

Brad Stuver, calciatrice

Caitlin Cosme, calciatrice

Carly Nelson, calciatrice

Carrie Sheinberg, ex sciatrice alpina, Team USA

CeCe Telfer, prima persona apertamente transgender a vincere un titolo NCAA

Celia Jiménez, calciatrice

Chris Mosier, triatleta

Devin Ibanez, rugbista

Emily Menges, calciatrice

Erika Lawler, ex hockeista su ghiaccio, Team USA

Esther Lofgren, canottiera, Team USA

Grete Eliassen, ex sciatrice freestyle

Gwen Berry, martellista statunitense

Imani Dorsey, calciatrice

JayCee Cooper, Powerlifter

Jessica Mendoza, giocatrice di Softball

Johnny Stanton, calciatrice

Kaiya McCullough, calciatrice

Kaylie Collins, calciatrice

Kendall Chase, canottiera

Layshia Clarendon, giocatrice di basket

Lori Lindsey, calciatrice

Madison Packer, giocatrice di hockey

Meaghan Nally, calciatrice

Megan Rapinoe, calciatrice

Meghan Duggan, giocatrice di hockey

Meghan Klingenberg, calciatrice

Meghan O’Leary, vogatrice olimpica

Mikey Lopez, calciatrice

Naya Tapper, rugbista

Pam Boteler, canoista

Patricio Manuel, Boxer

Sophia Herzog-Gibb, nuotatrice paralimpica

Sue Bird, giocatrice basket

Tziarra King, calciatrice

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24

Continua a leggere

Marlon Wayans di Scary Movie: "Ho un figlio trans, sono così orgoglioso di lui" - marlon wayans figlio trans - Gay.it

Marlon Wayans di Scary Movie: “Ho un figlio trans, sono così orgoglioso di lui”

Culture - Redazione 15.11.23
Francesca Schiavone festeggia San Valentino con l’amata Sileni: “Sempre insieme” - Francesca Schiavone e Sileni 5 - Gay.it

Francesca Schiavone festeggia San Valentino con l’amata Sileni: “Sempre insieme”

Corpi - Redazione 15.2.24
The Dads, 5 padri di figliə trans si raccontano nell'America transfobica di oggi - The Dads - Gay.it

The Dads, 5 padri di figliə trans si raccontano nell’America transfobica di oggi

Serie Tv - Redazione 23.11.23
Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici - Il secondo miglior ospedale della galassia - Gay.it

Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici

Serie Tv - Redazione 7.2.24
Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l'abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel - Echo foto - Gay.it

Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l’abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel

Serie Tv - Redazione 11.1.24
A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in "Oklahoma!" - A un ragazzo trans e stato vietato di interpretare il protagonista maschile in 22Oklahoma22 - Gay.it

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in “Oklahoma!”

Culture - Redazione 9.11.23