Pro Vita difende le terapie riparative: “Se vuoi diventare LGBT puoi chiedere aiuto, ma non per tornare etero”

Pro Vita & Famiglia all'attacco persino di quei Paesi che hanno vietato le 'terapie riparative'. "Imbavaglia chi desidera chiedere aiuto".

Pro Vita difende le terapie riparative: "Se vuoi diventare LGBT puoi chiedere aiuto, ma non per tornare etero" - Boy Erased home - Gay.it
2 min. di lettura

Pro Vita & Famiglia non si smentisce mai, con la sua ossessione nei confronti della comunità LGBT. Persino dinanzi ad una mostruosità come le cosiddette terapie riparative, che millantano la ‘guarigione’ dall’omosessualità facendo ‘tornare etero’ ragazzi e ragazzi al termine di autentiche torture psico-fisiche, come ampiamente dimostrato da centinaia e centinaia di drammatiche testimonianze, Pro Vita & Famiglia ha da dire la sua. Difendendo queste atrocità.

Nel segnalare il divieto assoluto appena diventato legge in Germania per i minori di 18 anni, Pro Vita & Famiglia tuona: “Vuoi diventare Lgbt? Puoi chiedere sostegno psicologico. Da Lgbt, vuoi tornare etero? È VIETATO CHIEDERE AIUTO‼️ Tutto torna“. Anche solo così, fa tutto fastidiosamente ridere, se non fosse che Pro Vita prosegua: “Questa assurda legge arriva ad imbavagliare completamente anche chi desidera chiedere aiuto, prevedendo fino ad un anno di reclusione e una multa di 30.000 anche per chi risponde alla richiesta volontaria di aiuto da parte di un giovane che voglia combattere certe pulsioni. E la cosa più grave è che ciò vale, non solo per gli psicologi ma persino per i genitori. Insomma siamo all’annientamento completo della potestà genitoriale, da parte di un vero e proprio stato etico che, con una nonchalance da paura, entra anche nelle coscienze dei suoi cittadini e nei rapporti più sacri e intimi, come quelli tra genitori e figli, sbrindellandoli con leggi ad hoc“.

Detto da chi vorrebbe imporre un unico modello di famiglia e di fatto cancellare una consisente parte di società civile, lascia puntualmente interdetti. Senza dimenticare il fatto che il divieto alle ‘terapie riparative’ per i minori nasce proprio per difendere i più giovani da genitori omofobi e accecati dalla paura nei confronti della ‘diversità’, tanto da cedere a ripugnanti pratiche che spesso rischiano di rovinare l’esistenze di questi ragazzi. Quasi il 60% delle persone LGBT d’America che hanno subito terapie riparative hanno poi confessato di aver pensato al suicidio. Ma tutto ciò a Pro Vita non interessa,  tanto dall’attaccare l’ormai fantomatica ‘lobby LGBT’, che a detta di codesti signori sarebbe equiparabile alla temibile Spectre bondiana: “Un’operazione che in tutta Europa procede a pieno ritmo, grazie al sostegno delle lobby LGBT che mirano ormai, con il loro continuo tentativo di relativizzare il concetto di “famiglia”, a scindere i legami biologici familiari partendo proprio dalla distruzione del sacrosanto diritto alla priorità educativa dei genitori sui figli, rendendoli proprietà dello Stato, come nelle peggiori dittature che, per affermarsi, sono sempre partite dalla distruzione della famiglia“.

Se tutto ciò non facesse ridere, nel suo essere così ampiamente ridicolo, ci sarebbe da piangere. Ricordiamo che anche in Albania l’ordine degli psicologi ha ufficialmente vietato le terapie riparative, mentre in Italia è stato condiviso un appello al Governo affinché intervenga, vietandole per legge.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24

Leggere fa bene

sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Colpo di Luna, il nuovo varietà Rai di Virginia Raffaele. Ecco il primo spot tv - Virginia Raffaele - Gay.it

Colpo di Luna, il nuovo varietà Rai di Virginia Raffaele. Ecco il primo spot tv

Culture - Redazione 28.12.23
Marco Mengoni, sanremo 2024

Sanremo 2024, il Festival di Marco Mengoni minuto per minuto: in diretta dall’Ariston

News - Luca Diana 6.2.24
Nicholas Borgogni

Nicholas Borgogni: il suo percorso ad Amici 23

Culture - Luca Diana 30.3.24
Cambiare la rappresentazione: intervista ad Alice Urciuolo - Sessp 26 - Gay.it

Cambiare la rappresentazione: intervista ad Alice Urciuolo

Culture - Federico Colombo 7.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
BigMama a Sanremo 2024

BigMama vittima di body shaming da parte di un giornalista

Musica - Luca Diana 7.2.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della seconda puntata del Serale

Culture - Luca Diana 31.3.24