Qatar: Fifa 2022, washing e diritti civili. E Giammetti che si presenta come compagno di Valentino

Abbracciare la complessità delle battaglie dei diritti significa scendere nell'arena e portare i colori dell'arcobaleno proprio laddove le nubi della repressione oscurano le vite delle persone.

ascolta:
0:00
-
0:00
qatar giammetti valentino fifa 2022
qatar giammetti valentino fifa 2022
4 min. di lettura

A Doha, in Qatar, Giancarlo Giammetti, storico partner di Valentino Garavani, si è presentato ai media come suo compagno di vita e di lavoro. Il carismatico e vulcanico Giammetti ha ritirato il premio alla carriera assegnato a Garavani dal Fashion Trust Arabia, al cospetto di tv e giornali locali e internazionali.

Il co-fondatore del marchio romano, oggi controllato da Mayhoola for Investments LLC, fondo di investimento del Qatar, ha raccontato il proprio vissuto di compagno di una vita di Garavani ai giornali locali. Una storia di amore e complicità professionale di due persone omosessuali è stata così rappresentata in quel paese arabo che tra poche settimane ospiterà i controversi mondiali di calcio.

“Io e Valentino molti anni fa siamo stati tra i primi a sdoganare l’amore tra noi. E oggi siamo molto orgogliosi di questo e molti giovani ci ringraziano” ha commentato Giammetti, che è stato attaccato sui social perché – a detta di alcunə attivistə – non avrebbe dovuto accettare un premio da un paese nel quale l’omosessualità è ancora formalmente illegale.

Gli attacchi, a detta di Giammetti intrisi di odio, sono stati oggetto di un post di risposta pubblicato da Giammetti stesso, nel quale l’uomo ha così replicato a chi lo accusa di connivenza con un regime oppressivo verso donne e persone LGBTQIA+:

Sto ricevendo molti commenti negativi e anche di odio, solo perché sono andato a ricevere un premio in Qatar per Valentino. Lì ho incontrato solo persone sensibili, coppie gay felici di viverci senza pregiudizi o difficoltà. Spero che il tempo abbia cambiato idee e leggi di qualsiasi paese.. nel mio intervento nell’accettare il premio ho parlato dell’Amore e del Rispetto alla base del mio lavoro con Valentino, e nessuno ha reagito o criticato. L’amore è al di sopra delle leggi e al di sopra dell’odio, dobbiamo lavorare per rendere questo messaggio universale“.

In Qatar il tema dei diritti umani si fa urgente, soprattutto in vista della Fifa World Cup prevista tra poche settimane. Il campionato del mondo di calcio è in verità l’occasione per aprire una breccia nel mondo islamico: grazie infatti a un evento sportivo e mediatico capace di convogliare l’attenzione di miliardi di persone, il tema dei diritti delle persone LGBTQIA+ nei paese islamici è continuamente sulle cronache dei giornali di mezzo mondo.

Pochi giorni fa l’attivista Peter Tatchel è stato arrestato per aver organizzato proprio in Qatar la prima protesta LGBTQI+ in uno Stato del Golfo Arabico. Al contempo il Ministro britannico per gli Affari e Commerci esteri James Cleverly ha invitato alla prudenza e a rispettare il paese ospitante: una raccomandazione irricevibile da parte delle associazioni LGBTQIA+ internazionali che premono affinché il livello di attenzione e di critica resti alto, possibilmente altissimo.

Secondo “Human Rights Watch” ci sono stati casi di persone LGBTQ+ detenute e sottoposte a “maltrattamenti” in Qatar fino al mese scorso, e almeno sei casi di percosse gravi e ripetute, e cinque casi di molestie sessuali, ai danni di persone LGBTQ+ detenute in custodia dalla polizia, tra il 2019 e il 2022. L’organizzazione internazionale sottolinea i passi in avanti formali compiuti dal Qatar sui diritti dei lavoratori, ma il bilancio di HRW sui diritti civili nel paese arabo è ancora molto pesante.

“Nonostante il controllo globale portato dalla Coppa del Mondo FIFA 2022, i lavoratori migranti continuano a subire abusi salariali e tasse di reclutamento esorbitanti. Le morti dei lavoratori migranti non vengono indagate e alle loro famiglie non vengono fornite riparazioni. Continuano alcune politiche di tutela maschile e leggi discriminatorie contro le donne. Le persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender continuano a subire discriminazioni.” (Humans Right Watch)

Travolto dalle polemiche anche David Beckham, da tempo testimone dei Campionati del Mondo di Calcio in Qatar. Critiche sono piovute anche su Robbie Williams, i Maroon Five e Post Malone, dopo l’annuncio delle performance che svolgeranno nel paese arabo durante Fifa 2022.

Alla luce del dibattito aperto sui media di tutto il mondo proprio grazie ai Mondiali di Calcio, ci si chiede se non sia proprio grazie a Fifa 2022 che i diritti civili del Qatar siano oggi sotto i riflettori. Se non ci fossero stati i mondiali, saremmo qui a parlarne con tale insistenza e attenzione? Il governo qatarino si sarebbe mai sentito sotto pressione su questo argomento?

I grandi movimenti di denaro che girano intorno al calcio – e all’industria moda – possono essere cavalcati per far emergere contraddizioni in quei paesi ed esercitare pressione sui governi. È importante infatti evidenziare le gravi violazioni in atto in quel paese, condannarle ed esporle all’attenzione del mondo intero.

Giammetti nel suo post ha parlato di “coppie gay felici” – ma bisognerebbe capire quali coppie gay Giammetti ha potuto incontrare a Doha: ha incontrato anche i lavoratori omosessuali che operano nei cantieri? -, ma soprattutto ha condiviso una testimonianza di vita e d’amore con Valentino Garavani, davanti a un pubblico che solitamente vede oscurata qualsiasi rappresentazione dell’amore omosessuale e che invece questa volta ha premiato proprio un omosessuale come Giammetti. Al netto delle legittime sollevazioni di ong e attivistə al regime, e in attesa che in Qatar si arrivi un giorno a narrare anche le vite di coppie gay di lavoratori nei cantieri (che dovrebbero essere, e ad oggi non sono, tutelati sia nei diritti civili, sia nei diritti del lavoratore), ci chiediamo: Fifa 2022, così come le parole di Giammetti, possono essere tacciati semplicemente di washing?

“Dal 2008, quando è uscito il film ‘Valentino, The Last Emperor‘, in tanti nel mondo quando ci incontravano ci ringraziavano: la nostra coppia ha prodotto un cambiamento importante in tanti ambienti. Ci dicono anche oggi: grazie per la bellezza degli abiti ma anche per la sincerità, per non aver nascosto i vostri sentimenti e l’amore tra persone dello stesso sesso. Voi ci avete dato coraggio per parlare coi nostri genitori, per non vergognarci e per non nasconderci.” (Giancarlo Giammetti alla stampa del Qatar)

Intanto è proprio grazie a Fifa 2022 che davanti a miliardi di telespettatori di tutto il mondo, per la prima volta in un paese arabo, sventoleranno con orgoglio le bandiere arcobaleno negli stadi. Non solo. Alcuni calciatori hanno annunciato il gesto importante di indossare la fascia con cuore rainbow OneLove durante le partite. Harry Kane, capitano dell’Inghilterra, e i capitani di altre nazionali, come Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Svizzera, Paesi Bassi e Galles, indosseranno la fascia OneLove durante l’intera manifestazione.

Abbracciare la complessità delle battaglie dei diritti significa scendere nell’arena e portare i colori dell’arcobaleno proprio laddove le nubi della repressione oscurano le vite delle persone. Il washing è certamente un pericolo da monitorare, ma la storia ci sta dicendo che è giunto il momento di utilizzare il denaro “discutibile” di taluni regimi per fare luce proprio sulle loro oppressioni. E aiutare i popoli a superarle.

Compiremo molti errori, ma non possiamo restare fermi per timore di sbagliare.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Thomas Hitzlsperger e i 10 anni dal suo coming out: "Rifarei tutto esattamente nello stesso modo" - Thomas Hitzlsperger - Gay.it

Thomas Hitzlsperger e i 10 anni dal suo coming out: “Rifarei tutto esattamente nello stesso modo”

Corpi - Redazione 14.2.24
Polemiche per la richiesta del Barcelona di non esporre bandiere rainbow in Arabia Saudita - nella foto Joao Felix (dal profilo IG @fcbarcelona)

“No bandiere rainbow e manifestazioni di affetto in Arabia Saudita”, la richiesta del Barcelona ai suoi tifosi

Corpi - Federico Boni 10.1.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Rubén García, il calciatore spagnolo contro l'omofobia dell'Arabia Saudita: "Mi lascia a bocca aperta" - Ruben Garcia foto - Gay.it

Rubén García, il calciatore spagnolo contro l’omofobia dell’Arabia Saudita: “Mi lascia a bocca aperta”

Corpi - Redazione 17.1.24
Cristóbal Balenciaga, il primo trailer della serie che esploderà l'identità queer dello stilista - Balenciaga - Gay.it

Cristóbal Balenciaga, il primo trailer della serie che esploderà l’identità queer dello stilista

Serie Tv - Redazione 18.12.23
Ex manager della British Airways arrestato in Qatar perché gay: "Negati i farmaci antiretrovirali, è tortura" - Manuel Guerrero Avina - Gay.it

Ex manager della British Airways arrestato in Qatar perché gay: “Negati i farmaci antiretrovirali, è tortura”

News - Redazione 1.3.24
Mahmood Nei letti degli altri esce il 16 Febbraio . Annunciata la data del 21 Ottobre al Forum di Assago

Mahmood sconfitto e vincitore: ‘Tuta gold’ la più trasmessa in radio e la più streammata al mondo

Musica - Redazione Milano 11.2.24
Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: "Il calcio non è da fr*ci" - Matt Turner e Vinicius - Gay.it

Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: “Il calcio non è da fr*ci”

News - Redazione 27.3.24