La poesia, Milano, la primavera: ritratto di Alda Merini

Alda Merini è stata una delle voci più importanti della poesia italiana del Novecento. Ma non fu solo un’autrice: la sua stessa vita si pone al livello della letteratura.

La poesia, Milano, la primavera: ritratto di Alda Merini - merini - Gay.it
4 min. di lettura

Il Paradiso non mi piace perché verosimilmente non ha ossessioni.

Alda Merini (1931-2009) – la “piccola ape furibonda”, come si definì nei suoi versi – nacque a Milano, da una famiglia di modeste condizioni economiche. Visse la sua infanzia in una casa in viale Papiniano, zona del celebre mercato milanese. Si racconta di lei che fu una ragazza sensibile e malinconica, brava a scuola: “perché lo studio fu sempre una mia parte vitale”, disse. Tentò di iscriversi al liceo, ma non superò la prova di italiano. Si dedicò allora allo studio del pianoforte, e ciò non fu forse irrilevante per la formazione della sua sensibilità per il ritmo e la metrica. Esordì come autrice a soli 15 anni, attirando l’attenzione e l’ammirazione di importantissimi scrittori italiani: Manganelli, Quasimodo, Pasolini. Si sposò frettolosamente con il proprietario di alcune panetterie: forse non lo amava, ma gli diede quattro figlie e fu per lei, per molti anni, casa, rifugio, ancora. Passò molti periodi di silenzio e isolamento, a causa della sua fragilità emotiva: fu internata per molti anni nell’ospedale psichiatrico milanese Paolo Pini (tra il ’65 e ’72). Raccontò tante cose nelle sue poesie e anche questo: l’esperienza estrema eppure così densa di umanità del manicomio.

PAROLA

Io trovo i miei versi intingendo il calamaio nel cielo.

Come ogni autentico poeta, Alda Merini aveva il culto della parola. Ma un culto particolare: coerente con il suo spirito indomito e poco convenzionale – disse di sé: “non sono una donna addomesticabile” – componeva i suoi versi oralmente, in modo libero, spesso dettandoli ad amici, magari al telefono. Un rapporto disinvolto e intimo, quotidiano con la poesia e la parola, un rapporto che non aveva bisogno di cornice, di formalità. Alda Merini prediligeva la poesia immediata, intuitiva. Una scrittura nata di getto, sull’onda dell’esperienza, degli eventi. Scelse spesso l’oralità a svantaggio della scrittura, scelse la relazione, il momento vivo, il contatto. Anche per questo i suoi testi col passare del tempo si restrinsero sempre più: divennero singole frasi, incantevoli aforismi.

CORPO

Il monte Sinai qualcuno lo confonde col monte di Venere.

 

L’erotismo è un tema fondamentale nel lavoro di Alda Merini, spesso trasfigurato in rapporto col divino, con Cristo soprattutto. I suoi versi sono un intreccio di temi erotici e mistici, col corpo come punto di incontro, di intersezione tra terreno sacro e terreno profano. La sua poesia è infatti una poesia carnale: il corpo viene caricato simbolicamente, riempito di senso e significati diversi, in una dinamica continua di scambio tra sé e il mondo, in cui la propria dimensione corporea diventa il palcoscenico di questo scambio. I momenti di euforia, eccitazione o sofferenza si manifestano attraverso immagini e presenze sempre vivide, mai astratte. Come ne L’Albatros:

 

Io ero un uccello

dal bianco ventre gentile,

qualcuno mi ha tagliato la gola

per riderci sopra,

non so.

Io ero un albatro grande

e volteggiavo sui mari.

Qualcuno ha fermato il mio viaggio,

senza nessuna carità di suono.

Ma anche distesa per terra

io canto ora per te

le mie canzoni d’amore.

 

 

Lo stesso corpo di Alda Merini – invecchiato, appesantito eppure ancora desideroso di sensualità – divenne in qualche modo iconico, un emblema, un simbolo. La sua immagine divenne molto nota attraverso le tante interviste televisive in cui sedeva pigramente con la sigaretta sempre in mano. Alda Merini fu anche questo certo gusto per l’esibizione: si fece più volte fotografare nuda, rifiutando il moralismo e la dittatura dei canoni estetici.

DOLORE

 

Il dolore non è altro che la sorpresa di non conoscerci.

Uno dei suoi lavori fondamentali è La Terra santa del 1984. 40 poesie sul manicomio, assimilato alla Terra Santa biblica. Ha raccontato anche questo Alda Merini: la spersonalizzazione dell’ospedale psichiatrico, la separazione dalle figlie, l’esperienza dell’elettroshock. Alda Merini riteneva che il dolore psichico fosse una delle cose più sacre, un mistero, qualcosa che viola la logica e il linguaggio e ne rivela però anche la quintessenza. Proprio la sua fragilità emotiva la portò in terre sconosciute ai più: la sua mente diede vita a figure e visioni di realtà sommerse, invisibili. Questo fu uno dei grandi meriti della testimonianza poetica di Alda Merini: aver fornito una misura più umana alla follia. Aver mostrato che non è affatto detto che si riesca sempre a rispondere in modo razionale a contraddizioni, paradossi, conflitti interiori: esistono dolori che non riusciamo a guardare e tanto meno a spiegare.

PRIMAVERA

Sono una piccola ape furibonda.

Alda Merini è nata il 21 marzoil primo giorno di primavera e tutta la stagione primaverile divenne per lei in qualche modo emblematica della sua condizione: la primavera come momento di risveglio, della natura che si ricorda di esistere e dei suoi poteri creativi. Risveglio che può, però, essere anche brusco, doloroso. Una sua famosa poesia celebra proprio attraverso la stagione primaverile la sua condizione di poetessa:

 

Sono nata il ventuno a primavera

ma non sapevo che nascere folle,

aprire le zolle

potesse scatenar tempesta.

Così Proserpina lieve

vede piovere sulle erbe,

sui grossi frumenti gentili

e piange sempre la sera.

Forse è la sua preghiera.

 

CASA

Ci sono notti che non accadono mai.

Di Alda Merini non furono note solo le poesie: fu noto il suo volto, la sua storia e fu nota la sua casa, simulacro spaziale della sua persona, proiezione della sua poetica. Alda Merini abitava a Milano in Ripa di Porta Ticinese 47, nella storica zona dei Navigli, in un piccolo appartamento affollato di cose, oggetti, ricordi di una vita e dalle condizioni igieniche non esattamente convenzionali. Le pareti affrescate di segni e di scritte: scriveva col rossetto sul muro Alda, per appuntarsi le cose, i nomi, parole importanti. Scriveva, sdraiata sul letto, fumava e riempiva il pavimento di mozziconi. Spesso cercava gli amici, li chiamava e dettava loro dei versi. Nel 2010 il Comune di Milano ha apposto una targa proprio sulla facciata di quella casa: “Ad Alda Merini. Nell’intimità dei misteri del mondo”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
La mamma di Elodie si è sposata con Francesco Cramer

Elodie (senza Andrea Iannone) incantevole al matrimonio della mamma. La dedica della cantante nel giorno del “sì”

Musica - Emanuele Corbo 10.6.24
Marco Mengoni Carlo Conti Sanremo 2025 Gay.it

Marco Mengoni sul ritorno di Carlo Conti a Sanremo: “Senza Amadeus sarà diverso”

Culture - Emanuele Corbo 10.6.24
The History of Sound, il film d'amore con Paul Mescal e Josh O'Connor sarà a Venezia? Parla il regista - The History of Sound il film damore con Paul Mescal e Josh OConnor sara a Venezia - Gay.it

The History of Sound, il film d’amore con Paul Mescal e Josh O’Connor sarà a Venezia? Parla il regista

Cinema - Redazione 12.6.24
Mahmood Ra Ta Ta

Mahmood annuncia il singolo estivo “Ra ta ta” e profuma già di hit – ascolta il teaser

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco torna a insultare e conferma l’esclusione cattolica dei seminaristi gay

News - Francesca Di Feo 12.6.24

Hai già letto
queste storie?

5 look perfetti per le feste con Astra Make-Up

Ecco il trucco perfetto ispirato ai film LGBTQIA+ con Astra Make-Up

Lifestyle - Redazione Milano 21.12.23
Università Bocconi, sospesi tre studenti per commenti transfobici sui bagni gender neutral dell'ateneo - bagniinclusivi scaled 1 - Gay.it

Università Bocconi, sospesi tre studenti per commenti transfobici sui bagni gender neutral dell’ateneo

News - Redazione 15.2.24
open-milano-torneo-contro-le-discriminazioni-23-marzo

Lo sport a servizio dell’inclusività: il torneo di calcio Open contro le discriminazioni

Corpi - Francesca Di Feo 16.3.24
Milano Carriera Alias

La carriera alias al Comune di Milano è finalmente realtà, Monica J. Romano “Una vittoria per le persone trans* e non binarie”

News - Giuliano Federico 12.3.24
Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: "3 anni di inferno" - Michele Albiani - Gay.it

Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: “3 anni di inferno”

News - Redazione 21.3.24
Milano, presidio al Consolato russo a sostegno della comunità LGBTQIA+ russa - Milano presidio al Consolato russo in solidarieta della comunita LGBTQIA russa - Gay.it

Milano, presidio al Consolato russo a sostegno della comunità LGBTQIA+ russa

News - Redazione 14.12.23
marciona pride 2024

Marciona Pride 2024: venerdì 21 giugno torna la “marcia in/festa/zione” di Milano

News - Redazione 27.5.24
Meteore Fest, arriva a Roma e a Milano il Festival che vuole ripensare gli ambienti comuni attraverso la scia del pensare queer - plurale framevideoperformance - Gay.it

Meteore Fest, arriva a Roma e a Milano il Festival che vuole ripensare gli ambienti comuni attraverso la scia del pensare queer

Culture - Redazione 20.5.24