Salvini e Meloni in piazza contro il DDL Zan, la deputata senza vergogna: “In Italia i gay non sono discriminati”

Davanti Montecitorio manifestazione di Lega, FDI e popolo del Family Day contro il DDL Zan, tra fake news e indecenti dichiarazioni.

Salvini e Meloni in piazza contro il DDL Zan, la deputata senza vergogna: "In Italia i gay non sono discriminati” - salvini meloni - Gay.it
3 min. di lettura

Se in Piazza Santi Apostoli si sono ritrovati per chiedere subito una legge contro l’omotransfobia e la misoginia, a poche centinaia di metri, ovvero davanti Montecitorio, la destra italiana insieme agli organizzatori del Family Day è scesa in piazza per dire no al DDL Zan.

Nel farlo, ancora una volta, hanno spudoratamente mentito, diffondendo fake news. “Una legge liberticida che punta solo ad introdurre un nuovo reato di opinione e a silenziare chi non si piega al pensiero unico”, ha scritto sui social Giorgia Meloni. “Se dico che l’utero in affitto è una barbarie, sto odiando qualcuno? No, è una battaglia che faccio per amore per difendere il diritto di un bambino ad avere un padre e una madre”. Peccato che l’utero in affitto in Italia sia già illegale. E inoltre, come la Meloni ben sa, potrà continuare a definirlo una ‘barbarie’, senza che nessuno le faccia niente. Perché nel DDL Zan non c’è il reato di propaganda, come ripetuto 1000 volte.

Intervistata dai giornalisti presenti, la Meloni ha poi osato dire che “non possiamo dire che oggi, nella realtà italiana, gli omosessuali siano discrimianti. Fatti di violenza, di odio. Guardo l’osservatorio preposto e mi dice che su 1500 casi segnalati negli ultimi 8 anni solo 200 riguardavano la discriminazione di genere. È una realtà ma non è un’escalation”. Solo lo scorso anno, lo ricordiamo, sono stati riportati dai quotidiani nazionali 138 casi di omotransfobia. Punta di un iceberg rispetto all’enorme quantità di violenze fisiche e verbali il più delle volte taciute dalle vittime. Non essendoci un reato ad hoc, continuare a sbandierare dati ‘ufficiali’ dagli osservatori preposti è chiaramente insensato.

Al fianco dell’ex ministro anche il leader leghista Matteo Salvini, che ha molto banalmente snocciolato slogan che nulla hanno a che vedere con il DDL Zan. “Rispetto per la Vita, per la Libertà e per l’Amore di tutti, ma giù le mani dai bambini, dalle mamme e dai papà”. Parole a caso. Intercettato dai giornalisti, l’ex ministro dell’interno ha parlato di una “legge orwelliana, che fa il processo alle intenzioni”.

“Una piazza meravigliosa, rispettosa e libera”, ha proseguito il senatore leghista Simone Pillon. “Il rispetto per tutte le persone è il punto di partenza, questo non si discute e siamo tutti d’accordo. Ma c’è un principio di libertà, se per Zan, Scalfarotto e gli altri è considerato discriminatorio dire che i bambini hanno diritto alla mamma e al papà, eccomi, mi autodenuncio: sono convinto che i bambini debbano crescere con mamma e papà. Sono contro l’utero in affitto, contro l’adozione, il matrimonio gay e l’educazione gender nelle scuole”. Un vero e propro disco rotto, ripetuto fino all’ossesso, in modo da gettare fumo negli occhi e immondizia nelle orecchie degli elettori, bombardati da fake news a ritmo quotidiano. Perché chi è ‘contro’ l’utero in affitto, l’adozione, il matrimonio gay e l’educazione gender nelle scuole potrà continuare ad esserlo. E a dirlo. Ma Pillon finge di non sapere, e insiste.

Dire tutto questo se passerà la legge Zan sarà un reato punibile da un anno e sei mesi e fino a sei anni. Vogliamo essere liberi di pensare che i bambini nascono da mamma e papà e non possono essere comprati con l’utero in affitto. Continueremo a dire che i bambini sono maschi e le bambine sono femmine. Vogliamo essere liberi di rifiutare l’indottrinamento gender nelle scuole. Vogliamo che la Chiesa sia libera di predicare i suoi princìpi: rispettiamo tutti e non discriminiamo nessuno, il nostro è solo buon senso.

Il realtà la loro è solo un’enorme, gigantesca, indigeribile menzogna, condita dai 1000 emendamenti oggi presentati in Commissione Giustizia per fare ostruzionismo al DDL, come denunciato prima da Alessandro Zan e ora da Monica Cirinnà, responsabile Diritti del Partito democratico.

Il vergognoso ostruzionismo di FdI e Lega sul ddl Zan è la replica di un film già visto: quando non si hanno contenuti e proposte costruttive, e non si vuole riconoscere dignità alle persone, è fin troppo facile ricorrere ad un algoritmo per scrivere moltissimi emendamenti senza senso e offensivi. L’ho vissuto durante l’iter di approvazione della legge sulle unioni civili, e so benissimo che questa tattica si rivolge sempre contro chi la mette in pratica. L’approvazione della legge contro omolesbobitransfobia e misoginia è urgente e necessaria: chi parla di legge bavaglio vuole solo rimanere libero di odiare, insultare, istigare alla violenza. Anche Salvini, proprio oggi, getta la maschera quando parla di abrogazione della legge Mancino: non vuole tutelare la libertà di espressione, ma continuare a essere libero di discriminare e seminare odio e violenza, come la sua “Bestia” ci ha dimostrato più e più volte. La legge Mancino non limita la libertà di espressione, ma punisce soltanto le dichiarazioni che istigano al compimento di atti discriminatori e violenti, determinando il concreto pericolo che si verifichino. Il Partito democratico rifiuta ogni strumentalizzazione sulla pelle delle persone: l’Italia deve decidere se escludere o abbracciare le differenze.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby - Roma Lazio il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti in vista del derby - Gay.it

Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby

News - Redazione 5.4.24
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23
Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: "Il calcio non è da fr*ci" - Matt Turner e Vinicius - Gay.it

Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: “Il calcio non è da fr*ci”

News - Redazione 27.3.24
vittorio menozzi gay iti mirko brunetti grande fratello

Grande Fratello, omofobia su Vittorio Menozzi, le battute di Mirko e Marco

Culture - Francesca Di Feo 1.12.23
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24