Tutti contro le terapie riparative: l’appello del principe indiano, ‘curato’ con l’elettroshock

Le terapie riaparative sono una tortura. Lo conferma anche il principe indiano Manvendra Singh Gohil, gay dichiarato, che ne racconta la sofferenza.

Manvendra Singh Gohil terapie riparative
WEST HOLLYWOOD, CA - JUNE 12: Prince Manvendra Singh Gohil attends LA PRIDE Music Festival and Parade 2016 on June 12, 2016 in West Hollywood, California. (Photo by Chelsea Guglielmino/WireImage)
2 min. di lettura

Manvendra Singh Gohil è il principe indiano, figlio del Maharaja di Rajpipla in Gujarat. Apertamente omosessuale, negli anni passati aveva raccontato come i suoi genitori avessero cercato di farlo diventare etero, subito dopo il suo coming out. Neanche il tempo di rivelarsi che venne sottoposto alle terapie riparative. O meglio, alla tortura.

Per il principe Manvendra Singh Gohil sono iniziate delle sessioni di vere e proprie torture. Per prima cosa i suoi genitori hanno utilizzato l’elettroshock. Poi i colloqui con religiosi. E alla fine, farmaci su farmaci e il divieto di incontrare ragazzi. Tutto questo, com’è naturale, non ha funzionato. Il principe Gohil era omosessuale, e lo è tutt’ora. Le torture psicologiche e fisiche che ha dovuto sopportare lo hanno fatto solamente soffrire. I suoi genitori lo hanno fatto soffrire. 

Terapie riparative come torture

Gohil è tornato sull’argomento in una recente intervista a Forbes, durante la quale ha raccontato quello che ha dovuto passare, ma soprattutto per lanciare un appello affinché le terapie riparative vengano dichiarate illegale in India.

Riguardo le terapie di conversione, ha spiegato:

Ero io stesso una vittima della terapia riparative dai miei genitori. Quando sono uscito dall’armadio, la prima cosa che hanno provato a fare è stato convertirmi. Non mi avrebbero accettato come un ragazzo gay. Hanno cercato di chiedere ai dottori di operare su di me. Mi hanno portato dai leader religiosi per chiedere loro di curarmi.

Ed è ancora peggio quando una ragazza è lesbica:

Le lesbiche sono trattate così male. Ho conosciuto casi in cui un membro della famiglia deve violentare il bambino per dimostrare che può fare sesso con un uomo. Ciò dimostra che sei eterosessuale. 

E cliniche di questo genere ce ne sono moltissime, in India.

Vergogna e paura per le famiglie

Il principe ha poi spiegato come le famiglie temono i vicini di casa e in generale la società alla scoperta di un figlio omosessuale. Difatti, nonostante l’omosessualità non è più reato in India dal 2018, la società ancora non vede di buon occhio la comunità LGBT, e anche per questo motivo sono a dozzine le cliniche che praticano le terapie riparative, quando non vengono direttamente sbattuti fuori di casa.

A supportare l’appello del principe Goghil, anche il re indiano Amar Singh. Si è recato in visita a queste cliniche, ha scoperto cosa prevedono le terapie di conversione. E le ha paragonate alle camere a gas dei campi di concentramento.

Ho visitato dozzine di centri di terapia di conversione in India e ho parlato con persone che le gestiscono. Ho tenuto uomini giovani e vecchi tra le mie braccia, piangendo, dopo che sono stati cacciati dalle loro case.

Torture e minacce, spiega il re Singh. Se alla fine della terapia una persona non è “guarita”, i medici iniziano ad avvertire il paziente che se non diverrà etero, la famiglia lo ucciderà.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Leggere fa bene

reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
Morgan: "Devolvo la metà del mio cachet di X Factor a casa di accoglienza LGBTQIA+. Le mie scuse sincere" - Morgan - Gay.it

Morgan: “Devolvo la metà del mio cachet di X Factor a casa di accoglienza LGBTQIA+. Le mie scuse sincere”

News - Redazione 1.9.23
pavia aggressione trans

Pavia, donna trans aggredita in stazione. Presa a pugni al grido “fr**io ti ammazzo”

News - Redazione 26.9.23
Coppia gay Germania Gay.it

Turchia: il 90% delle persone LGBTIQ+ subisce violenza on line

News - Redazione 13.10.23
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

Culture - Redazione Milano 26.10.23
uganda uomo arrestato

Picco di arresti e procedimenti giudiziari contro le persone LGBTQIA+ nel 2023

News - Federico Boni 1.12.23
rischi sunak twitter

Regno Unito, Rishi Sunak vuole cestinare la legge contro le teorie riparative

News - Redazione 27.9.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23