Trento: scuola cattolica licenzia docente perché lesbica. Condannata a risarcire 25mila euro

Per la prima volta in Italia una sentenza impone un risarcimento per un licenziamento su base omofobica. I datori di lavoro, anche se religiosi, non possono discriminare.

Trento: scuola cattolica licenzia docente perché lesbica. Condannata a risarcire 25mila euro - suore trento 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Una decisione storica quella presa dal giudice del lavoro di Rovereto (Trentino Alto Adige), che ha condannato per la prima volta in Italia una scuola cattolica paritaria per aver discriminato un’insegnante in base al suo (presunto) orientamento sessuale. L’Istituto Figlie del Sacro Cuore di Gesù di Trento dovrà infatti risarcire con 25 mila euro la docente e con 1.500 euro ciascuna la Cgil del Trentino e l’Associazione radicale Certi diritti, per il danno sociale. Il Tribunale del lavoro di Rovereto ha stabilito che “la presunta omosessualità dell’insegnante nulla aveva a che vedere con la sua adesione o meno al progetto educativo della scuola” e che la docente “ha subito una condotta discriminatoria tanto nella valutazione della professionalità, quanto nella lesione dell’onore”.

Il giudice inoltre ha rilevato una “discriminazione collettiva” perché la condotta della scuola “ha colpito non solo la ricorrente, ma ogni lavoratore potenzialmente interessato all’assunzione presso l’Istituto”. “Finalmente ho avuto giustizia” ha commentato l’insegnante, che per questioni di privacy è rimasta anonima. “Questa decisione fissa un punto chiaro: i datori di lavoro di ispirazione religiosa o filosofica non possono sottoporre i propri lavoratori a interrogatori sulla loro vita privata o discriminarli per le loro scelte di vita”, ha commentato l’avvocato Alexander Schuster che ha rappresentato legalmente la donna.

Il caso risale al luglio 2014 quando l’insegnante fu convocata dall’allora responsabile dell’istituto, suor Eugenia Libratore (ora deceduta), per parlare dell’eventuale rinnovo del contratto. Rinnovo che non si ebbe perché la madre superiore le aveva comunicato di “essere venuta a conoscenza di alcune voci” secondo le quali la docente aveva una compagna con la quale intratteneva una relazione sentimentale. La religiosa le disse che per il bene dei minori che studiavano nel suo istituto non poteva rinnovarle il contratto, perché disse chiaramente “che l’omosessualità è un problema, una malattia o comunque qualcosa che vi è la necessità di curare”.

Tra i passaggi più importanti dell’ordinanza c’è quello in cui il magistrato esclude che si possa applicare alla vicenda in esame la “clausola di salvaguardia” prevista “per le cosiddette organizzazioni di tendenza”, ovvero ad esempio per gli istituti religiosi. La legge italiana infatti prevede che non costituiscono atti di discriminazione le differenze di trattamento basate sulla professione di una determinata religione o di determinate convinzioni personali che siano praticate nell’ambito di enti religiosi o altre organizzazioni pubbliche o private, qualora tale religione o tali convinzioni costituiscano requisito essenziale, legittimo e giustificato ai fini dello svolgimento delle medesime attività. Ma, afferma il Tribunale di Rovereto “nel caso qui in esame è stata perpetrata una discriminazione per orientamento sessuale e non per motivi religiosi” e quindi non vale l’eccezione garantita dalla legge dalla legge “atteso che l’orientamento sessuale di un’insegnante” è «certamente estraneo alla tendenza ideologica dell’Istituto».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24

Leggere fa bene

Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: "Sei gay? Niente affitto" - affitto - Gay.it

Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: “Sei gay? Niente affitto”

News - Redazione 18.9.23
100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+ - 100 anni di Disney Pro Vita e Famiglia protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA - Gay.it

100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+

Culture - Redazione 17.10.23
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
omofobia

Foggia, minacce di morte e botte al figlio gay di 20 anni. Arrestato padre 57enne

News - Redazione 25.9.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
grande fratello anita olivieri froci

Grande Fratello, insulti omofobici? Anita ha detto “fr*ci”?

Culture - Redazione Milano 25.10.23
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23