Venezia 2020, a Ferzan Ozpetek il premio SIAE: “ha traghettato il nostro Paese nel nuovo millennio”

"Premiare Özpetek vuol dire premiare quello sguardo inclusivo che ci ha abituati alla famiglia moderna. È l’omaggio a un nuovo classico del cinema italiano".

Venezia 2020, a Ferzan Ozpetek il premio SIAE: "ha traghettato il nostro Paese nel nuovo millennio" - Ferzan Özpetek @Riccardo Ghilardi - Gay.it
4 min. di lettura

Un’annata a dir poco incredibile, quella vissuta da Ferzan Ozpetek. In trionfo tanto in sala quanto ai David e ai Nastri con La Dea Fortuna (uscito al cinema a fine 2019), e campione di vendite in librerie con il suo ultimo romanzo “Come un respiro, il regista sarà al Lido di Venezia per ritirare il Premio SIAE, assegnato ogni anno in occasione delle Giornate degli Autori. Özpetek raccoglierà il testimone di Marco Bellocchio, premiato nel 2019.

Questa la motivazione del premio, che sarà consegnato alle 17.00 del 3 settembre presso Italian Pavilion – Sala conferenze Tropicana (Hotel Excelsior) e in diretta streaming sulla piattaforma www.italianpavilion.it: «Il riconoscimento a Ferzan Özpetek è l’omaggio a un nuovo classico del cinema italiano, a un autore che, attraverso storie intime e con le suggestioni della sua Turchia di provenienza, fotografa il nostro quotidiano da più di vent’anni incarnando quel cinema che si nutre della società che racconta mentre si adopera per migliorarla. Il premio della Società Italiana degli Autori ed Editori vuole anche essere un incoraggiamento a proseguire l’esplorazione dei linguaggi del raccontare: dal riadattamento di celebri opere liriche che, negli ultimi dieci anni, da espressione “solo” colta diventano con Özpetek reinvenzione popolare e moderna, alle collaborazioni con cantautori ed interpreti le cui canzoni entrano nell’immaginario collettivo partendo dai commenti sonori dei suoi film. Non ultimo lo scrittore – ora al suo terzo libro – capace di raccontare la magia di Istanbul, le relazioni familiari, gli incontri, le speranze e i segreti di Roma, quella dei suoi primi anni in Italia e quella di oggi. Premiare Özpetek vuol dire premiare quello sguardo inclusivo che ci ha abituati alla famiglia moderna, ci ha restituito tradizioni dimenticate e spazi altrimenti marginali delle nostre città e, attraverso l’arte, ha traghettato il nostro paese nel nuovo millennio.»

«È un riconoscimento che mi riempie d’orgoglio – ha commentato Ozpetekperché arriva da un ente che rappresenta da sempre gli interessi degli artisti e operatori culturali. Inoltre, ho avuto di recente un proficuo rapporto di collaborazione con SIAE che ha accolto la mia idea di celebrare il prossimo 20 febbraio “la giornata dei camici bianchi” adoperandosi con successo per il suo riconoscimento ufficiale da parte delle massime sedi istituzionali. E per questo voglio ringraziare innanzitutto il presidente Mogol e il Direttore Generale Gaetano Baldini

Dopo la consegna del riconoscimento, accompagnato dal Direttore Generale di SIAE Gaetano Blandini, dal Presidente delle Giornate Andrea Purgatori e dal Delegato Generale Giorgio Gosetti, Ferzan Özpetek incontrerà il pubblico del Lido.

Nato a Istanbul nel 1959, Ferzan Özpetek si trasferisce nel 1976 a Roma per studiare storia del cinema all’università “La Sapienza”. Il suo primo film, Il bagno turco – Hamam (1997), registra da subito un grande successo di critica e di pubblico, tanto da essere selezionato per la Quinzaine des Réalizateurs a Cannes. Due anni dopo, un altro successo con Harem Suaré, presentato al Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard. Le fate ignoranti, affermazione straordinaria del regista, è la commedia sentimentale che si afferma come il più importante film della stagione cinematografica 2001: 4 Nastri d’Argento e 3 Globi D’Oro. Nel 2003 La finestra di fronte fa incetta di premi e riconoscimenti: 5 David di Donatello, 3 Nastri d’Argento, 4 Ciak d’Oro, 3 Globi d’Oro, oltre a 3 premi al Karlovy Vary International Film Festival e 2 al Seattle Film Festival. Cuore sacro (2005) apre un acceso e controverso dibattito tra il pubblico mentre l’anno successivo Saturno contro conquista 1 David di Donatello, 4 Nastri d’Argento, 5 Globi D’Oro e 4 Ciak d’Oro. Alla 65ª Mostra Internazionale del Cinema di Venezia è in concorso con Un giorno perfetto, tratto dall’omonimo romanzo di Melania Mazzucco. Nello stesso anno 2008 il MOMA (Museum Of Modern Art) di New York gli dedica una retrospettiva. Mine vaganti, film del 2010, ottiene un’ottima affermazione sia di pubblico che di critica non solo in Italia. Anche per questo ennesimo lavoro di Özpetek piovono riconoscimenti tra i quali il premio speciale della giuria al Tribeca Film Festival di New York. La nuova sfida artistica per Özpetek è 2012 è l’anno di Magnifica presenza. Il successivo Allacciate le cinture, del 2014, protagonista Kasia Smutniak, si aggiudica 3 Nastri d’Argento, un Globo D’Oro e un Ciak d’Oro. Nel 2011 dirige la sua prima opera lirica, L’Aida di Giuseppe Verdi, uno strepitoso successo replicato l’anno successivo al Teatro San Carlo di Napoli con la Traviata. È del 2013 il suo primo romanzo, Rosso Istanbul edito da Mondadori, una vera e propria dichiarazione d’amore alla sua città natale, alle sue origini e a sua madre. Quattro anni dopo, nel 2017, ne trae il film omonimo, girato interamente nella metropoli turca. Nel 2015 firma il suo secondo romanzo sempre per Mondadori, Sei la mia vita, struggente storia d’amore nella quale emergono anche retroscena reali dai set dei suoi film. Ancora per Mondadori pubblica nel maggio scorso il terzo romanzo Come un respiro, un bestseller che da molte settimane è ai vertici delle classifiche di vendita. Sul finire del 2017 esce Napoli velata, grande successo di box office e critica. A fine anno nelle sale italiane il suo ultimo film La Dea Fortuna interpretato da Stefano Accorsi, Edoardo Leo e Jasmine Trinca. Ad aprile 2019 è di nuovo al San Carlo di Napoli per dirigere Madama Butterfly. A maggio viene invitato alla Biennale d’Arte 2019 con la video installazione Venetika, protagonista Kasia Smutniak, che inaugura il Padiglione Venezia, un’opera che ottiene un eccellente risalto sulla stampa e Media internazionali. A gennaio 2020 dirige la messa in scena teatrale del suo omonimo film Mine vaganti. Tra i numerosi altri riconoscimenti annovera la cittadinanza onoraria di Lecce, Napoli e Palermo, oltre alle Laurea honoris causa all’Università di Perugia e di Palermo. Da anni è membro attivo dell’AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro).

La Mostra del Cinema di Venezia prenderà vita il 2 settembre, con fuori Concorso Luca Guadagnino e Pedro Almodovar. Presidente di giuria Cate Blanchett, Leone d’Oro alla Carriera per Tilda Swinton. Qui il programma completo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Kobieta Z - Woman Of, a Venezia 2023 una storia di Orgoglio Trans nella Polonia omobitransfobica di Duda - kobieta z 1 - Gay.it

Kobieta Z – Woman Of, a Venezia 2023 una storia di Orgoglio Trans nella Polonia omobitransfobica di Duda

Cinema - Federico Boni 8.9.23
Venezia 2023: Bradley Cooper e Caleb Landry Jones, sfida a due per una Coppa Volpi "queer" - Bradley Cooper e Caleb Landry Jones - Gay.it

Venezia 2023: Bradley Cooper e Caleb Landry Jones, sfida a due per una Coppa Volpi “queer”

News - Federico Boni 5.9.23
Life Is Not a Competition, But I’m Winning

Corpi non conformi e sport a Venezia 2023: come Julia Fuhr Man (ri)scrive la storia

Cinema - Redazione Milano 5.9.23
Venezia 80, la famiglia queer di "Domakinstvo za pocetnici" vince il Queer Lion 2023 - domakinstvo za pocetnici - Gay.it

Venezia 80, la famiglia queer di “Domakinstvo za pocetnici” vince il Queer Lion 2023

Cinema - Federico Boni 8.9.23
A Voce Nuda

“A Voce Nuda”, il cortometraggio sulla sextortion con Andrea Delogu e Mr. Rain: guarda il trailer

Cinema - Luca Diana 9.9.23
The Summer With Carmen è la grossa grassa commedia gay greca di Venezia 2023 - The Summer with Carmen - Gay.it

The Summer With Carmen è la grossa grassa commedia gay greca di Venezia 2023

Cinema - Redazione 7.9.23