Video

Aggredito Fabrizio Marrazzo, leader del Partito Gay: “Non è intervenuto nessuno” – VIDEO

Marrazzo avrebbe sorpreso uno degli aggressori ad urinare su una parete rainbow dedicata alla comunità LGBTQIA+. Prima gli insulti, poi la violenza e le minacce.

ascolta:
0:00
-
0:00
2 min. di lettura

Una macchina nuova fiammante, ragazzi apparentemente per bene: non certo il volto del degrado. Fabrizio Marrazzo, attivista e leader del Partito Gay, descrive così i suoi aggressori, due giovani sui vent’anni che, qualche giorno fa, lo hanno coperto di insulti per poi aggredirlo fisicamente e minacciarlo.

“Non avrei mai pensato che sarebbero arrivati a mettermi le mani addosso, a minacciarmi, a dirmi che sanno dove abito. Solitamente si fermano agli insulti” racconta la vittima a Gay.it.

Tutto è cominciato quando Marrazzo ha sorpreso e redarguito uno dei due giovani, colto in flagrante mentre stava per urinare sul muro Rainbow dedicato alla comunità LGBTQIA+ in un quartiere di Roma. Da lì, l’aggressione verbale è degenerata rapidamente, con il secondo giovane che si è unito agli insulti, gridando epiteti omofobi e altri improperi irripetibili, per poi passare alla violenza fisica.

Sovrastato dall’aggressione, Marrazzo ha cercato di allontanarsi e di sottrarsi alla situazione. Tuttavia, i due aggressori lo hanno inseguito e minacciato per alcuni metri, fino a quando la vittima non li ha avvertiti di aver registrato la loro targa. Nessuno dei passanti è intervenuto per aiutarlo.

No, non è intervenuto nessuno. La gente guardava, ma si faceva i fatti propri. Qualcuno che ha assistito alla scena magari si è allontanato per paura della reazione. Non so se qualcuno abbia chiamato le forze dell’ordine, ma non mi risulta.

Posso capire che si possa avere paura di intervenire, però quando vedi due persone contro una, almeno chiamare le forze dell’ordine sarebbe il minimo. Invece, ho visto proprio che la gente se ne disinteressava e se ne andava“.

Immediata la denuncia alla polizia, che è giunta prontamente sul posto riuscendo a identificare uno dei due aggressori. Tuttavia, come spiega Marrazzo, il problema appare oggi endemico, e le cause sono ormai ben note.

Sostenere persone come Roberto Vannacci (oggi parlamentare europeo NDR) rafforza chi ci vuole discriminare. La percentuale di chi ci discrimina è sempre la stessa, non cambia nel tempo. Tuttavia, il clima attuale fa sentire queste persone più libere di agire.

In passato si sentivano forse meno libere, mentre ora si sentono autorizzate a fare qualsiasi cosa, arrivando persino a minacciare e intimidire chi osa lamentarsi. Se uno osa lamentarsi del fatto che loro ti urinano su una parete che porta il simbolo della nostra comunità, se non ti stai zitto, ti menano pure,“.

Non è la prima volta che il leader del Partito Gay subisce un’aggressione omobitransfobica, ma oggi parla di una vera e propria impennata di episodi di questo tipo nelle città italiane, fenomeno che ritiene legittimato dalle stesse istituzioni e dall’assenza di una legge che tuteli la comunità LGBTQIA+.

Purtroppo, non è la prima volta che mi succede. Già in passato ho subito un’aggressione da parte di Forza Nuova, in cui la magistratura ha dichiarato che ciò che hanno fatto era una libera esposizione delle loro idee, nonostante ci fosse un video pubblicato su Repubblica che mostrava chiaramente la situazione. Nel video si vede chiaramente come entrino nella sede, mettano tutto a soqquadro e aggrediscano verbalmente con frasi discriminatorie. Tuttavia, in assenza di una legge adeguata, possono fare e dire ciò che vogliono senza conseguenze“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24

Continua a leggere

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
Aggressione omofoba durante il Napoli Pride, trauma cranico per due ragazze - Omofobia 8 - Gay.it

Aggressione omofoba durante il Napoli Pride, trauma cranico per due ragazze

News - Redazione 1.7.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
Cagliari, omofobia la sera del Pride: "Minacciato di morte con un coltello, preso a calci e pugni" (VIDEO) - Andrea Corona omofobia - Gay.it

Cagliari, omofobia la sera del Pride: “Minacciato di morte con un coltello, preso a calci e pugni” (VIDEO)

News - Redazione 1.7.24
Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24