Aggressione omofoba a Milano, 5 contro 1: ‘Vediamo se piangi adesso, fr*cio di m*rda’

Ancora un'aggressione. Ancora un branco omofobo contro una sola persona indifesa.

milano
2 min. di lettura

Riconosciuto, seguito. Per poi accerchiarlo, in 5, insultarlo e picchiarlo. Questo quanto accaduto a Milano questo fine settimana. Erano in cinque contro un ragazzo. Un noto attivista LGBT della città. A denunciare il fatto è stata la pagina Facebook “Rete della conoscenza Milano ” che ha raccontato per filo e per segno cos’è successo.

La pagina titola il loro post: La virilità di un’aggressione cinque contro uno. Un messaggio dai fr*ci piagnoni contro squadrismo e patriarcato.

Non si conosce l’identità della vittima. Ma dal post dedicato parlano di un attivista sempre in prima linea, “esponendosi spesso pubblicamente su temi come l’omotransfobia, l’antifascismo, l’educazione sessuale e la mascolinità tossica“. Da quanto si apprende, i 5 fascisti (come indica la pagina) hanno accerchiato l’attivista. Lo hanno insultato schiacciandogli la testa contro il muro. Continuando a offenderlo, gli hanno detto: “Vediamo se piangi adesso, fr*cio di m*rda“. Solo l’arrivo di alcune auto, in una strada poco illuminata, hanno convinto i 5 a fuggire. Lasciando la loro vittima.

La denuncia su Facebook sull’aggressione a Milano

Nella lunga denuncia social la pagina “Rete della conoscenza Milano” spiega:

Non è la prima volta che un episodio del genere avviene nella Milano aperta e “gay friendly”. Non è la prima volta che chi si espone venga attaccato e chissà perché le aggressioni avvengono lontane dai muri arcobaleno della panchina della fermata della metro di Porta Venezia. Ed ecco che bisognerebbe capire che a nulla serve un quartiere ricco del centro trasformato in vetrina per le nostre identità per poter permettere a qualche sponsor di guadagnarci sopra, se poi nelle periferie o semplicemente a qualche passo dal centro diventa pericoloso camminare da soli di notte.

I quartieri sono sempre più dormitori senza luci e inanimati di notte. Dove la lotta alla socialità a colpi di politiche del decoro ha favorito chi lucra sugli affitti per gli studenti e li ha svuotati dei reali strumenti di “sicurezza”. La possibilità da parte delle comunità dei quartieri di poter vivere le strade, aprendo a meccanismi inclusivi e di tutela collettiva. Rifiutiamo inoltre ogni tentativo di spacciare una maggiore presenza delle forze dell’ordine per le strade come forma di sicurezza. Visto che in anni di indulgenza verso i gruppi fascisti da parte dello stato abbiamo assistito alla loro diffusione e non del loro contenimento. Per non parlare dell’umiliazione che troppe volte rappresenta dover esporre denuncia per aggressioni omotransfobiche (figuriamoci per stupro o molestie). Dove non sempre si viene creduti e il più delle volte bisogna pure sopportare risatine e battute sulla propria sessualità.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 18.2.20 - 8:47

Siamo alle solite : ....una lunga denuncia sui "social".... Ma una sana , stringata denuncia alle forze dell'ordine è stata fatta? Magari accompagnati da un avvocaticchio , per spegnere sul nascere sorrisini o commenti. L'estenzione della Legge Mancino all'omotransfobia , è necessaria ma .... durmientibus jura non succurrunt.

Avatar
Renzo Loi 17.2.20 - 19:43

non si conosce il nome della vittima , ne' la denuncia, ma i soliti noti " attivisti "denunciano." ovvero del tipo altra balla x giustificare le parole omofobia e fascismo , tanto evocati ultimamente , guarda caso in TUTTO IL MONDO.FRA POCO si evochera' x l'ennesima volta una legge contro l'omofobia( inesistente).bisogna pur giustificarte le leggi.

Trending

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24
Gianna Nannini: "Carla mi ha salvata, l'unica persona che in tutta la mia vita mi ha sempre sostenuto" - Sei nellanima foto Ralph Palka SNA 491A7764 - Gay.it

Gianna Nannini: “Carla mi ha salvata, l’unica persona che in tutta la mia vita mi ha sempre sostenuto”

Culture - Federico Boni 24.4.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24

Leggere fa bene

Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
Università Bocconi, sospesi tre studenti per commenti transfobici sui bagni gender neutral dell'ateneo - bagniinclusivi scaled 1 - Gay.it

Università Bocconi, sospesi tre studenti per commenti transfobici sui bagni gender neutral dell’ateneo

News - Redazione 15.2.24
Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
andria omofobia 18 anni gay

Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

News - Francesca Di Feo 26.10.23
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24