Monica Cirinnà: ora è possibile approvare una legge contro l’omofobia

Secondo la senatrice dem, ora una legge contro l’omofobia, sul matrimonio egualitario e sulle adozioni sono tutti ddl che potrebbero essere presentati in Parlamento.

Intervistata da La Stampa, la senatrice dem Monica Cirinnà parla del futuro governo giallo-rosso. La madrina della legge sulle unioni civili ha un obiettivo, ovvero quello di portare a casa una legge contro l’omotransfobia. E sottolinea che in Senato, di ddl, ce ne sono ben due. Non sono mai stati discussi, ma sono lì presenti, assieme a quello presentato anni fa da Ivan Scalfarotto, dimenticato in un cassetto di Palazzo Madama e mai più riaperto.

I due disegni di legge a cui si riferisce la senatrice sono stati presentati negli ultimi 15 mesi di governo. Il primo è a firma di Alessandra Maiorino (senatrice del Movimento Cinque Stelle), il secondo riporta invece la firma della stessa Cirinnà. Due testi “largamente sovrapponibili” spiega la senatrice Pd su Facebook, che potrebbero convergere in un testo unico. L’obiettivo sarà quello di inserire nei “delitti contro l’uguaglianza” anche i crimini riguardanti l’omofobia e la transfobia, che andrà quindi a modificare (e a integrare) il Codice Penale. 

Ma anche la Cirinnà ha dei dubbi

Ma la senatrice non può lasciarsi alle spalle alcune giravolte del Movimento Cinque Stelle, come appunto il caos creato all’approvazione finale del ddl sulle unioni civili alla Camera. E afferma:

In questi anni di lavoro parlamentare, ho toccato con mano che il M5S sui diritti ha una posizione complessa e plurale, che alterna posizioni di apertura a chiusure anche brusche.

Per questo motivo, non ripone nei futuri alleati di governo una fiducia totale, ma allo stesso tempo spera che il ddl Pillon sia definitivamente escluso dal calendario dei lavori del nuovo esecutivo. Il testo era già stato rinviato a settembre, quando era ancora salda l’alleanza dei 5s con la Lega. 

Ti suggeriamo anche  Gabriel Garko: "Chiedetemi tutto, ma non di essere quello che non sono!"

Ma il lavoro della Cirinnà non si ferma alla legge contro l’omofobia. Difatti, nel campo dei diritti ci sono anche altri testi da proporre al Parlamento. Adozioni per le coppie LGBT, il matrimonio egualitario e la legalizzazione delle droghe leggere. Tutte proposte complesse, importanti e singolari. Ma perfette per il nuovo governo del cambiamento.