Cassazione conferma condanna per un insulto omofobo tra colleghi

Lo spirito scherzoso e il clima cameratesco non sono scusanti per l'offesa omofoba ricevuta.

cassazione
2 min. di lettura

Quel semplice termine, “fin*cchio”, utilizzato anche in presenza degli altri colleghi, era solo uno scherzo. Ma quando si prende in giro una persona per il proprio orientamento sessuale, quello scherzo può costare caro. E’ quanto successo in un’azienda in Puglia, dove un dipendente ha denunciato il collega per l’offesa, seppur ritenuta appunto scherzosa. La Cassazione però non la pensa così, e ha bocciato il ricorso presentato dal responsabile dell’insulto. Il quale ora dovrà dare un maxi risarcimento alla controparte. E’ quanto stabilito dall’ordinanza numero 4815/19, pubblicata ieri dalla sezione lavoro dell’organo.

Secondo i giudici della Cassazione, l’offesa non si può considerare come un atto innocuo, portato avanti in un clima cameratesco. Bensì è da considerare come una profonda mancanza di rispetto nei confronti del lavoratore, il quale si è sento leso nella sua personalità morale. Un danno non patrimoniale, quindi, secondo la legge, ma altrettanto grave e che quindi deve essere punito.

Le motivazioni della Cassazione

Riguardo questo atto omofobo sul luogo di lavoro, già la Corte d’Appello aveva condannato il lavoratore responsabile dei continui insulti, spiegando nella documentazione allegata che “gli specifici episodi descritti non fossero stati dimostrati. Ma come, invece, fosse comprovata la protratta condotta offensiva di parte datoriale, pure allegata dal lavoratore, e relativa alla presunta omosessualità del lavoratore, sistematicamente apostrofato col termine fin*cchio“. Una sentenza che non ha tenuto conto del “carattere scherzoso degli epiteti con cui il legale rappresentante apostrofava il dipendente. Anche in presenza degli altri colleghi e in un clima cameratesco“.

Il lavoratore, impossibilitato a reagire, ha dovuto subire l’offesa, reiterata, arrivando a vedersi ledere la sua dignità e la sua reputazione, dato che gli epiteti erano senza un contegno, all’interno dell’azienda. La Suprema Corte ha anche accolto quanto evidenziato da Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la quale ha ricordato quanto recita l’articolo 2 della Costituzione italiana. Come spiegato da Giovanna D’Agata, il testo interpretato sosterrebbe che “la libertà di espressione, anche della propria identità sessuale è un diritto inviolabile della persona”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

giugno 2021

Trento, violenza omofoba. Due giovani aggrediti e minacciati con un coltello

News - Redazione 3.11.23
dua lipa omofobia transfobia misoginia

Dua Lipa: “Omofobia e transfobia sono parenti della misoginia”

Musica - Redazione Milano 27.8.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
candidati lgbt USA

Le 10 città più e meno LGBTQIA+ friendly d’America

News - Federico Boni 8.11.23