Educazione sessuale e rispetto minoranze: i 2 temi che il 60% degli studenti vorrebbero affrontare a scuola

Grande interesse in particolare per l'educazione sessuale riguardanti il genere e le minoranze, tra cui i membri della comunità LGBT.

educazione sessuale
2 min. di lettura

Oltre uno studente su due. E se si considerano le studentesse, la percentuale sale al 71%. Questi i primi dati dell’indagine che ha chiesto agli studenti quale argomento gli piacerebbe fosse trattato a scuola. La risposta: il rispetto di genere e verso le minoranze. Tra le minoranze più segnalate, gli studenti hanno inserito quelle religiose, etniche e per l’orientamento sessuale. Lo ha deciso il 60% degli intervistati. Un po’ più sotto, l’educazione sessuale, che si guadagna il secondo posto con il 45% dei maschi e il 51% delle femmine.

Queste rilevazioni sono state ottenute grazie all’indagine denominata “La scuola vista dagli adolescenti“, realizzata su 780 studenti delle scuole di Milano, da Laboratorio Adolescenza e Canale Scuola di Corriere.it. Laboratorio Adolescenza con la partecipazione di Ricerca IARD analizzano anche periodicamente lo stile di vita degli adolescenti su scala nazionale. I dati sono interessanti: l’80% dei giovani che hanno risposto alle domande del centro, pensano che la scuola sia il posto migliore per parlare di educazione sessuale, perché visto come luogo dove avere una formazione adeguata e completa. 

Ma l’educazione sessuale sembra essere un tabù

Sessualità e genitori non vanno d’accordo. Non siamo in Polonia, dove l’educazione sessuale è considerata reato. Ma se non è la legge dello Stato, sono i genitori, di quegli stessi studenti che vogliono parlare dell’argomento. Un tabù che porta i giovani a documentarsi altrove, il più delle volte ricorrendo alla pornografia, che mostra solo il “lato positivo” del rapporto sessuale. E non di malattie sessualmente trasmissibili, HIV e AIDS, protezioni e rischi di gravidanze indesiderate.

Così, con i genitori che si oppongono da una parte, associazioni contrarie poiché temono che si parli anche di coppie omosessuali e gender dall’altra, gli studenti sono quelli che ci rimettono, rimanendo ignoranti su un tema tanto delicato quanto importante.

Ma non è finita qui: perché (alla faccia del gender), al terzo posto dell’indagine gli studenti vorrebbero trattare anche di Costituzione, di diritti civili e di attualità. Questi temi sono ancora più complicati, spiega Rocco Cafarelli, Dirigente di un istituto che ha partecipato alla ricerca e che ha dato la sua opinione al Corriere:

Se parlare di educazione sessuale nella scuola è complicato, parlare di attualità è impossibile. Come farlo evitando ogni riferimento politico? E mai come in questo periodo, in cui vengono contestati dalle famiglie anche i testi di storia, per quanto si possa essere oggettivi non sarebbe mai sufficiente per evitare polemiche di ogni tipo.

Scendendo la lista, si trovano poi la prevenzione alla dipende di alcol, droghe e fumo (28%), e il cyberbullismo (16%) e il tema dei cambiamenti climatici. Tutti punti per i quali non c’è né il tempo né la preparazione giusta per essere affrontati in modo completo. In questa indagine, è bene sottolineare, non si parla di semplici incontri di un’ora alla settimana in aula magna, bensì di una materia come può essere matematica e storia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24

Hai già letto
queste storie?

Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24
Desmond Fambrini

Sei maschio o femmina? Le risposte dellə docente non binary

Lifestyle - Redazione Milano 5.3.24
krystilia hepporn drag queen

Insegnante di giorno, drag queen di sera: intervista a Krystilia Hepporn

Culture - Gio Arcuri 9.5.24
scozia-educazione-affettiva

Educazione affettiva nelle scuole, ecco cosa fanno in Scozia

News - Francesca Di Feo 23.4.24
Annalisa ai Billboard Women in Music

Annalisa e l’influenza delle donne nella musica: “Il meglio deve ancora venire”. Il discorso ai Billboard Women in Music

Musica - Emanuele Corbo 7.3.24
TIM parità di genere - Lo spot di Giuseppe Tornatore

Cosa ne pensate dello spot sulla parità di genere che fa arrabbiare i Fascisti d’Italia?

Culture - Redazione Milano 4.1.24
Rose Villan sulla cover della playlist "Pop Hits Italia"

Alpha, la playlist di Apple Music che celebra il potere delle donne

Musica - Emanuele Corbo 8.3.24
donne del 25 aprile

Le donne del 25 aprile: combattenti mai più dimenticate

Culture - Riccardo Conte 24.4.24