Frustò il figlio gay, condannato a 18 mesi. La difesa dell’avvocato: “padre amorevole”

La ridicola difesa del legale dipingeva l'uomo come un padre che dava supporto al figlio gay.

grindr figlio gay professore gay
Padre frusta il figlio gay: stava usando Grindr.
2 min. di lettura

Il ragazzo era stato frustato dal padre (per aver scaricato Grindr) e ora dovrà scontare 18 mesi di carcere. Lo ha deciso il giudice Marcus Pilgerstorfer, dopo aver sentito la testimonianza del ragazzo e la ridicola scusa dell’uomo, secondo il suo legale un “padre amorevole”. Un padre amorevole che però non ci ha pensato due volte, e ha ordinato al figlio gay di spogliarsi e lo ha frustato con un cavo della televisione.

L’uomo, il cui nome è rimasto segreto per proteggere l’identità del figlio gay, aveva chiesto in prestito il cellulare al ragazzo, scoprendo appunto la app e foto di ragazzi. Lo ha affrontato la sera stessa, e la mattina dopo, quando lo ha fustigato chiamandolo “gay” e “donna”.

Solo quando è arrivato a scuola, i professori e gli amici hanno notato che qualcosa non andava. Insistendo, il ragazzo ha raccontato tutto, facendo intervenire la Polizia.

La difesa del padre su quanto fatto al figlio gay

L’ingrato compito di difendere il padre omofobo è capitato a Kevin Hopper. Nella sua difesa, ha tentato di far passare l’uomo come un “padre amorevole”, che ha addirittura sostenuto suo figlio. Ma aveva solo qualche problema con le foto trovate sul cellulare.

Hopper ha continuato, spiegando: “Non sono state le immagini né nient’altro a indurlo a mettere in dubbio la sessualità di suo figlio“. Ma, continua: “Era stato di supporto. Il fatto che ora abbia perso il contatto con suo figlio gli ha spezzato il cuore. Il rimorso che ha mostrato è genuino“.

Ma come può un padre dimostrarsi di supporto ed essere pentito, se solo per un’applicazione ha finito per frustare il proprio figlio? Tutto questo è avvenuto a Plymouth, nel sud-ovest dell’Inghilterra, dove l’omosessualità è ampiamente accettata.

Chara la decisione del giudice: la reazione violenta è nata nel momento in cui l’uomo ha scoperto l’omosessualità/bisessualità del figlio.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Mahmood Matteo Salvini

Salvini di nuovo contro Mahmood, la Lega si oppone al premio Rosa Camuna

Musica - Mandalina Di Biase 24.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: "Il calcio non è da fr*ci" - Matt Turner e Vinicius - Gay.it

Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: “Il calcio non è da fr*ci”

News - Redazione 27.3.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
panchina-arcobaleno-cavirago-reggio-emilia

Panchina arcobaleno imbrattata con svastiche e messaggi di odio: “Comunisti bast*rdi, morite”

News - Francesca Di Feo 6.11.23
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23