G7 nell’Italia dell’estrema destra, spariti i diritti LGBTQIA+ che a Hiroshima nel 2023 erano in agenda

Un'omissione "in rispetto" della presenza del Papa. Arcigay: "L'Italia mina la propria credibilità".

ascolta:
0:00
-
0:00
g7-diritti-lgbt
3 min. di lettura

Secondo giorno di un G7 fortemente calmierato nei temi dalla presenza storica del Papa, che per la prima volta partecipa al vertice dei big seven – in svolgimento da ieri e fino a domani a Borgo Egnazia, in Puglia.

Il grande feeling tra la premier italiana di estrema destra Giorgia Meloni ed il pontefice non è sfuggito agli osservatori, così come non è passata inosservata la fragilità delle conclusioni preliminari del vertice per quanto riguarda la tutela dei diritti umani e civili di donne e minoranze.

È di ieri la polemica per l’assenza di riferimenti all’interruzione volontaria di gravidanza nei documenti del summit. Un’ennesima miccia di tensione tra Meloni e il presidente francese, Macron, che in un intervento ha ribadito come la Francia abbia recentemente inserito l’aborto tra i diritti costituzionali, accusando l’Italia di peccare di sensibilità in questo senso, e provocando la reazione stizzita della premier.

Oggi, tuttavia, emerge un altro tema cruciale escluso dalla conversazione: i diritti LGBTQIA+. Alcuni ritengono l’omissione sia ancora una volta attribuibile alla presenza del pontefice.

Se questa notizia dovesse essere confermata e la dichiarazione finale del G7 non includesse alcun riferimento, sarebbe molto preoccupante commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di ArcigayAnche perché se ne era parlato al G7 di Hiroshima dell’anno scorso, quindi sarebbe un chiaro passo indietro. Sicuramente sarebbe una bruttissima figura per il nostro paese. Spero che gli altri Paesi membri si oppongano al tentativo del nostro Governo di alterare valori comuni ormai consolidati e condivisi tra i Paesi alleati. Anche se la presidenza italiana, in qualità di paese ospitante, potrebbe influenzare il coordinamento delle conclusioni finali, posso infatti solo immaginare cosa pensino gli altri capi di Stato su questo tema. L’Italia rischierebbe non solo di apparire come paese ultraconservatore e minare la propria credibilità, ma addirittura desideroso di far fare passi indietro all’intera alleanza del G7.“.

Una differenza abissale infatti tra il vertice di quest’anno e quello del 2023 ad Hiroshima, in cui i diritti umani – compresi quelli LGBTQIA+ – assunsero un ruolo centrale. La promessa di “realizzare una società in cui la diversità, i diritti umani e la dignità siano rispettati, promossi e protetti e in cui tutte le persone possano godere di una vita vivace e libera dalla violenza e dalla discriminazione, indipendentemente dall’identità o dall’espressione di genere o dall’orientamento sessuale” verrebbe quindi lasciata a metà, in un periodo storico dove l’impegno in questo senso dovrebbe invece essere raddoppiato.

Neanche più le belle parole quindi, davanti a una diffusione a macchia d’olio dell’omobitransfobia istituzionale anche nel sicurissimo occidente, tra le leggi anti-trans e l’ascesa del suprematismo bianco negli Stati Uniti e l’innegabile deterioramento dei diritti LGBTQIA+ anche nel blocco occidentale europeo, che in questo momento sperimenta una preoccupante ascesa dei movimenti di estrema destra. Situazione in cui una risposta forte e determinata come risoluzione di un evento importante quale il G7 potrebbe fare la differenza nella percezione del tema da parte della società civile.

I diritti LGBTQIA+ diventano invece, ancora una volta terreno negoziabile, e addirittura elemento di disturbo da non nominare in presenza di chi potrebbe essere urtato dalla tematica – la stessa persona che, negli scorsi giorni, non ha esitato a reiterare l’utilizzo di termini denigratori per rivolgersi alle identità non conformi. Ma la comunità LGBTQIA+ non ha nessuna intenzione di restare a guardare.

L’anno scorso, in occasione del G7 in Giappone, le principali organizzazioni LGBT dei paesi del G7, una per paese, hanno costituito un gruppo chiamato P7, cioè Pride 7, con Arcigay a rappresentare l’Italia – continua Piazzoni – Il gruppo è infatti composto dalle sette principali associazioni dei sette paesi del G7. Lo scopo del P7 è ottenere il riconoscimento come gruppo di rappresentanza di interessi presso il vertice. Esistono già diversi gruppi accreditati che si occupano di vari temi, dall’ambiente ai diritti civili, e possono essere auditi o presentare documenti che vengono esaminati e discussi con l’apparato del G7 nei vari paesi ospitanti.

Attualmente, stiamo cercando di ottenere l’accreditamento formale cosa che, però, ancora non abbiamo“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

Alessandro Zan, l'intervista: "Il governo Meloni normalizza l'intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire" - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan, l’intervista: “Il governo Meloni normalizza l’intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire”

News - Federico Boni 19.1.24
Foto: Villaggio San Francesco

Papa Francesco sulla benedizione a donne e omosessuali: “Chi si scandalizza è ipocrita!”

News - Redazione Milano 7.2.24
Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
Transgender triptorelina

Triptorelina, 35 associazioni trans* ed LGBTQIA+ chiedono di partecipare al tavolo tecnico per la revisione dei protocolli

Corpi - Francesca Di Feo 28.3.24
Bologna, è ufficiale. Le persone trans possono chiedere la carriera alias per il trasporto pubblico (VIDEO) - Bologna Le persone trans possono chiedere la carriera alias per il trasporto pubblico - Gay.it

Bologna, è ufficiale. Le persone trans possono chiedere la carriera alias per il trasporto pubblico (VIDEO)

News - Redazione 4.7.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
La destra approva la Gestazione per altri reato universale in commissione, il DDL Varchi sarà votato in Senato - Carolina Varchi - Gay.it

La destra approva la Gestazione per altri reato universale in commissione, il DDL Varchi sarà votato in Senato

News - Francesca Di Feo 3.7.24
irlanda-gestazione-per-altri

Irlanda: il governo di centrodestra depenalizza e regola la gestazione per altri. Il DDL Varchi sempre più inapplicabile a livello europeo

News - Francesca Di Feo 4.7.24