In Hogwarts Legacy c’è il primo personaggio transgender nella storia di Harry Potter?

Una strega apparentemente trans* per replicare all'ormai conclamata transfobia di J.K. Rowling?

ascolta:
0:00
-
0:00
In Hogwarts Legacy c'è il primo personaggio transgender nella storia di Harry Potter? - In Hogwarts Legacy ce il primo personaggio transgender nella storia di Harry Potter - Gay.it
2 min. di lettura

Il magico mondo di Harry Potter ha introdotto il suo primo personaggio transgender in Hogwarts Legacy, attesissimo gioco di ruolo open world ambientato nel mondo del celebre maghetto ideato da J.K. Rowling, da anni in guerra contro le donne transgender. Il personaggio in questione si chiama Sirona Ryan, strega nonché proprietaria dei Tre Manici di Scopa nel villaggio di Hogsmeade.

Il giocatore interagisce con Sirona durante una missione che coinvolge un goblin di nome Lodgok. Sebbene non sia esplicitamente dichiarato che il personaggio sia trans, Sirona si concede un dialogo abbastanza esplicito.

“Conosco Lodgok da anni. Ci siamo incontrati quando ero una studentessa che serviva ai tavoli, molto prima che comprassi questo posto”. “Era abbastanza cordiale, ma allora non eravamo amici. La sua sfiducia nei confronti dei maghi era profonda… Non lo vedevo da anni fino a quando è tornato, qualche mese fa. Ma mi ha riconosciuto all’istante. Più di quanto sia accaduto per alcuni dei miei compagni di classe. Ci hanno messo un più tempo a rendersi conto che in realtà ero una strega, e non un mago”.

L’allusione farebbe pensare ad un cambio di genere. Hogwarts Legacy è stato un progetto a lungo discusso nel fandom di Harry Potter proprio alla luce dei continui commenti transfobici di J.K. Rowling, qui in nessun modo coinvolta se non sul fronte economico, perché parte dei profitti finirà chiaramente nelle sue tasche. Sebastian Croft di Heartstopper, che doppia due personaggi, si è addirittura dovuto pubblicamente scusare per aver accettato tale incarico, precisando di essere entrato nel progetto prima che Rowling iniziasse a seminare transfobia social a giorni alterni.

Il game director di Hogwarts Legacy Alan Tew ha in tal senso dichiarato: “Penso che ci siano sfide in ogni videogioco su cui abbiamo lavorato. Questo videogioco non è stato diverso. Quando ci siamo imbattuti in queste sfide, siamo tornati indietro e ci siamo nuovamente concentrati sulle cose a cui teniamo davvero. Sappiamo che i nostri fan si sono innamorati del mondo magico di Potter e crediamo che se ne siano innamorati per le giuste ragioni. Sappiamo che si tratta di un pubblico eterogeneo. Ci siamo assicurati che il pubblico, che ha sempre sognato di avere questo gioco, abbia l’opportunità di sentirsi nuovamente accolto. Qui hanno una casa, che è un buon posto per raccontare la loro storia”.

Altri elementi di Hogwarts Legacy sembrerebbero aprire anche ai giocatori che desiderano creare personaggi non conformi al genere. Quando l’utente dà forma all’aspetto del personaggio principale all’inizio del gioco, i giocatori hanno la possibilità di scegliere tra una varietà di look che mescolano e abbinano caratteristiche femminili e maschili. E indipendentemente dall’aspetto del personaggio, i giocatori possono scegliere tra voci dal suono maschile o femminile, disponibili in più registri. Ci sono poi personaggi di Hogwarts Legacy che usano il genere neutro per riferirsi al personaggio principale.

Hogwarts Legacy arriverà su PlayStation 5, Xbox Series X|S e PC questo venerdì, ma il dibattito social è già partito. Come leggere l’inserimento di una strega apparentemente trans* e personaggi non binari all’interno del videogioco? Presa di distanza dalla creatrice di Harry Potter o studiato triplo salto carpiato per riabbracciare quella comunità queer che da anni minaccia boicottaggi ai danni della donna più ricca del Regno Unito?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24

Leggere fa bene

gioco videogame lgbt queer_

Natascia Maesi, presidente Arcigay: “Il gioco è sempre più tentativo di cambiare la realtà”

Culture - Matteo Lupetti 17.4.24
L'attrice transgenere Hunter Schafer e lo sviluppatore di videogiochi Hideo Kojima di Kojima Productions, con cui collabora per il videogioco horror OD realizzato insieme al regista Jordan Peele

Hunter Schafer diventa protagonista del videogioco horror di Jordan Peele e Hideo Kojima

Culture - Matteo Lupetti 12.12.23
Main art da Mediterranea Inferno di Eyeguys Lorenzo Redaelli e Santa Ragione, videogioco gay LGBRQIA+ vincitore ai premi Independent Game Festival Awards

Il videogioco LGBTQIA+ italiano Mediterranea Inferno vince uno dei più importanti premi del settore

News - Matteo Lupetti 25.3.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
tweet transfobico casa editrice libertà di parola rowling

J.K. Rowling attacca la nuova legge scozzese contro l’omobitransfobia: “Arrestatemi”. E il premier inglese è con lei

News - Federico Boni 2.4.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

J.K Rowling avrebbe donato 70.000 sterline ad un’associazione transfobica

News - Redazione 20.2.24
valerie notari gamer girl

Gaming, fluidità e liberazione: intervista a Valerie Notari autrice di “Gamer girl”

Culture - Federico Colombo 20.11.23
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

Nuova bufera su J.K. Rowling, accusata di negazionismo dell’Olocausto nei confronti delle persone trans

News - Federico Boni 15.3.24