It’s a Sin: Russell T Davies ha qualche idea per un sequel

Il regista della serie pluripremiata ai BAFTA 2022 potrebbe riprendere i suoi protagonisti per un sequel ambientato ai giorni nostri.

ascolta:
0:00
-
0:00
it's a sin: idee per un sequel
(credit: channel 4)
2 min. di lettura

All’alba dei prossimi BAFTA Awards 2022,  It’s a Sin potrebbe tornare per un futuro sequel: la miniserie – che segue un gruppo di amici queer nella Londra degli anni ’80, allo scoccare dell’emergenza AIDS – è stata tra le più acclamate dell’anno scorso, già considerata un futuro cult. Il regista e sceneggiatore Russell T Davies – autore anche del celebre Queer As A Folk – aveva dichiarato che non ci sarebbe stato nessun sequel, ma stando alla produttrice esecutiva Nicola Shindler, non è detta l’ultima parola.

it's a sin possible sequel
Russell T. Davies

Durante l’evento Bafta Session, Shindler ha dichiarato che Davies vorrebbe riprendere alcuni personaggi di It’a Sin per una storia completamente nuova ambientata ai giorni nostri. L’idea ancora ad uno stato embrionale, coinvolgerebbe il ricatto di alcuni teenager ricattati sulle dating apps: “C’erano così tante storie tra il pubblico di ragazzi giovani che raccontavano di essere manipolati online per masturbarsi” spiega Shindler “Venivano filmati e sostanzialmente ricattati“.

La produttrice spiega che Davies sarebbe rimasto “sconvolto” dai racconti, e starebbe contemplando l’idea di raccontare una storia simile, coinvolgendo i personaggi di Jill (Lydia West)  e Roscoe (Omari Douglas). I due tornerebbero per aiutare le vittime ricattate, ripescando il titolo originario della serie, che avrebbe dovuto chiamarsi “The Boys“: “Davis vorrebbe partire dal fatto che un problema [l’epidemia dell’AIDS] può essere risolto, ma che anche ai giorni nostri ci sono tante persone vulnerabili che hanno bisogno di aiuto e attenzioni”.

Shindler ci ha tenuto a ribadire che Davis non ha scritto ancora nulla, e che il progetto è ancora fermo ad un piccolo stato embrionale, che non si sa ancora se mai vedrà luce, ma che lascia la speranza per un ipotetico ritorno dell’amatissimo cast: “Non so se rimarrà seccato che ho rivelato alle persone questa sua idea”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da olly alexander (@ollyyears)

Ai BAFTA 2022 – che si terranno il prossimo 8 Maggio –It’s a Sin è nominato per ben 11 nomination tra cui miglior miniserie del 2022, miglior miniserie drammatica, miglior attore protagonista per Olly Alexander, miglior attrice non protagonista per Lydia West, e miglior attore non protagonista per Omari Douglas. È ad oggi la miniserie più vista di Channel 4 con più di 6.5 milioni di visualizzazioni.  Da noi è disponibile su Starz Play.

Recuperate anche le nostre interviste a Omari Douglas e Nathaniel Curtis.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Hunter Schafer - ruoli trans

Hunter Schafer non vuole recitare soltanto come donna trans e ha ragione

Cinema - Mandalina Di Biase 4.4.24
I film LGBTQIA+ della settimana 27 novembre/3 dicembre tra tv generalista e streaming - film hiv aids - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 27 novembre/3 dicembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 27.11.23
I film LGBTQIA+ della settimana 29 gennaio/4 febbraio tra tv generalista e streaming - film lgbt - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 29 gennaio/4 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 29.1.24
amanda Bynes in she's the man

She’s The Man è ancora un (inconsapevole) classico queer del cinema

Cinema - Riccardo Conte 22.11.23
I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 aprile tra tv generalista e streaming - film queer 1 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 aprile tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 22.4.24
1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza” - stigmahiv - Gay.it

1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza”

Corpi - Daniele Calzavara 30.11.23
I film LGBTQIA+ della settimana 5/11 febbraio tra tv generalista e streaming - Film tv - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 5/11 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 5.2.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24