La condizione dei lavoratori LGBT italiani secondo il rapporto OCSE

I lavoratori LGBT hanno il 30% di probabilità in meno di essere chiamati per un colloquio, presentando lo stesso curriculum vitae dei lavoratori etero.

lavoratori lgbt
2 min. di lettura

Il rapporto OCSE del 2019 non si è concentrato solo sull’accettazione dell’omosessualità in Italia (e negli altri Paesi), ma anche sulle condizioni dei lavoratori LGBT del Belpaese. Difatti, è importante il dato che si è rilevato nei confronti delle persone LGBT nel mondo del lavoro. Mentre l’Italia ottiene il punteggio 3 nella scala di accettazione (2 punti sotto la media OCSE), solo il 37% dei cittadini accetterebbe una persona trans in una posizione politica molto elevata, come collega sul posto di lavoro o come parente (genero o nuora).

Partendo da questi “confortanti” dati, l’OCSE conferma che i lavoratori LGBT sono svantaggiati in termini di status occupazionale e reddito da lavoro. La scarsa accettazione dell’omosessualità porta inevitabilmente a fenomeni di discriminazione, e di conseguenza meno opportunità lavorative. Più o meno, si parla di una differenza del 30%. Una persona, etero, che si presenta che un curriculum vitae, avrà più probabilità di essere chiamato rispetto a un candidato omosessuale con lo stesso curriculum. E si parla solo del primo colloquio.

Gli altri sondaggi sui lavoratori LGBT

Non ci sono molte informazioni a riguardo, poiché i sondaggi non conteggiavano l’orientamento sessuale delle persone. Preoccupandosi però della comunità LGBT, si nota come le discriminazioni possono influire. Ad esempio, un’indagine del 2010 del Center for Work-Life Policy aveva rilevato il 25% dei lavoratori LGBT intervistati non si sentiva a proprio agio a fare coming out in ufficio. Poco meno della metà, il 48%, si sentiva soddisfatto della sua posizione lavorativa. E questi problemi influivano anche sul rendimento: un lavoratore LGBT dichiarato e accettato produceva di più rispetto a un collega non dichiarato.

Un altro sondaggio del 2018 condotta dalla Vodafone invece indicava che il 58% dei lavoratori LGBT non intende fare coming out a lavoro, proprio a causa della discriminazione. Ed è il 60% ad avere paura di una reazione negativa da parte del proprio superiore o dai colleghi.

Cosa propone l’OCSE all’Italia?

Cosa potrebbe fare l’Italia per eliminare questa discriminazione, che porta i lavoratori LGBT ad avere meno probabilità di essere chiamati addirittura per un colloquio? La risposta è molto semplice, ma difficile da realizzare in questo particolare periodo. Infatti, l’OCSE vede in una legge contro le forme di discriminazione omofoba una valida possibilità per superare questo scoglio, un punto di partenza essenziale.

Altra proposta molto interessante riguarda l’avvio di una raccolta di informazioni continuativa riguardo orientamento sessuale, disagi sul posto di lavoro e identità di genere. Questo, porterebbe poi a una:

azione volta a rendere visibili nelle statistiche nazionali le persone LGBT e i disagi che subiscono.

sottolineando che sarebbe “un prerequisito per la loro inclusione“.

Infine, qualche dato sul matrimonio egualitario che potrebbe contribuire a una maggiore accettazione:

Sebbene l’Italia si annoveri tra i 32 Paesi OCSE che vietano la discriminazione sul lavoro basata sull’orientamento sessuale, il matrimonio tra persone dello stesso sesso (escluse le unioni civili) non è ancora riconosciuto dalla legge.

Negli Stati Uniti, ad esempio, le politiche adottate a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso hanno contribuito a una diminuzione dei tentativi di suicidio di quasi il 15% tra gli adolescenti chi si auto-identificano come persone gay, lesbiche o bisessuali.

E sulle campagne di informazione:

Infine, l’azione volta a educare le persone per contrastare i loro pregiudizi è una componente essenziale di qualsiasi pacchetto di misure volto a una migliore inclusione delle persone LGBT. I dati disponibili dimostrano che questi interventi possono essere molto efficaci, anche quando sono di breve durata.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24

Hai già letto
queste storie?

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
milano-aggressione-baby-gang-in-diciannove

“Sei trans? Sei gay? Vergognati” a Milano minacce armate e insulti da una baby gang di 19 elementi

News - Francesca Di Feo 22.11.23
ragazza-lesbica-aggredita-bojano

Prese a schiaffi e insultò coppia di donne lesbiche. Condannato a 5 mesi e 9 giorni di reclusione

News - Redazione 23.2.24
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24