Luca, da anni senza famiglia perché omosessuale: “se sposi quell’uomo, ti ammazzo”

Una famiglia che non merita di essere definita tale, che pensa di più all'immagine che al figlio, per la sua omosessualità.

famiglia
Una famiglia degenere, quella di Luca.
2 min. di lettura

Verona, 2020. I due protagonisti della storia di oggi sono due uomini, di 59 e 48 anni. Apertamente omosessuali, hanno una relazione da 15 anni. A dicembre vorrebbero sposarsi, e la notizia è stata accolta con felicità da tutti, meno dalla famiglia di uno dei due futuri sposi.

La famiglia di Luca, infatti, non ha mai accettato il fatto che il ragazzo sia omosessuale. È stata violenta con lui, racconta, e solamente perché si vergognava di quello che la gente del posto avrebbe pensato di loro. Non la felicità del figlio, il pensiero della gente.

Alla notizia dell’unione civile, Luca è stato cacciato di casa. Non poteva entrare, nemmeno per prendere dei vestiti puliti o le sue cose. Ha così chiesto l’aiuto di un avvocato, il quale si è attivato intimando (tramite diffide) alla famiglia di far rientrare il figlio nell’abitazione.

Dalla cacciata di casa alle minacce di morte

La situazione, con il passare delle settimane e l’intervento dell’avvocato, è diventata sempre più critica. Dalla cacciata di casa si è passati alle minacce di morte, del tipo “se sposi quell’uomo, ti ammazzo“.

Minacce del genere anche nei confronti del compagno di Luca. Questo aveva avuto un incidente e Luca gli aveva dato le chiavi di una casa in montagna, appartenente alla sua famiglia. Come riporta il legale Matteo Tirozzi su L’Arena:

Il fratello minore del mio assistito gli ha urlato che se il suo compagno non se ne fosse andato dalla casa di montagna, avrebbe avuto di che pentirsene.

Ma non solo. Racconta di come il fratello abbia cercato di investirlo con un furgone.

Mio fratello ha cercato addirittura di investirmi con un furgone che usiamo in azienda per le consegne dei nostri prodotti. Ho cercato riparo dietro a una colonna. Credevo che la sua rabbia fosse sbollita e solo a quel punto ho iniziato a camminare nel cortile mentre lui, mio fratello, vedendomi allo scoperto, ha ingranato la retromarcia del furgone cercando di travolgermi. Tanto che io, molto spaventato, ho iniziato a cercare un nuovo riparo e sono caduto per terra. Solo a quel punto mio fratello ha desistito e se n’è andato, naturalmente senza neppure soccorrermi.

Infine, rientrato in casa prima di andare in Pronto Soccorso per le medicazioni, è stato il turno della cognata omofoba, la quale gli ha detto che lo avrebbe richiuso in manicomio, istigando il fratello ad aggredirlo ancora.

Come molte altre volte, solamente l’intervento dei Carabinieri ha sedato le litigate più violente.

L’omofobia della famiglia

A chiudere la pochezza di questa famiglia degenere, il fatto che ha costretto Luca a rinunciare a gran parte degli utili dell’impresa di famiglia. La facoltosa famiglia veronese, infatti, gestisce una nota impresa della zona, nella quale lavora anche Luca, che ora avrà solo un misero 4%.

Nessun aiuto, nessun sostegno, nessun affetto. Una famiglia che non merita di essere definita tale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Patrizio Bucher 3.11.20 - 15:07

Spero che la legge ZAN, potrà permettere di perseguire penalmente questi comportamenti, inclusa la prigione!

Avatar
Anonimo 22.10.20 - 20:08

Eccolo lì, l'immancabile e prevedibile commento del solito troll omofobo Renzo Loi. Il fatto che per te diseredare un figlio solo perché gay sia una cosa legittima fa capire quanto tu sia profondamente omofobo. Inoltre qui non si sta parlando di semplice, seppur deprecabile, dissenso da parte della famiglia ma di un figlio e fratello che è stato cacciato di casa, minacciato di morte e quasi investito con un furgone solo perché è gay. Cosa c'entrino i soldi poi lo sai solo tu. Le attuali leggi esistenti non bastano, qui serve un'aggravante specifica di omofobia, perché questo è il vero motivo dell'allontanamento dalla casa, delle minacce e del tentativo di investimento, oltre agli strumenti di sostegno alle vittime di discriminazione e violenza omotransfobica previsti dal ddl Zan.

Avatar
Franzc Dereck 22.10.20 - 19:19

Ma , alla loro età , stanno ancora in casa delle famiglie originarie? Se la storia è vera , neanche tra le montagne dell' Atlante si sentono simili storie.

Avatar
Anonimo 22.10.20 - 15:47

E di fronte a simili tragedie famigliari c'è ancora chi, in malafede e accecato dall'odio, sostiene, anche tra i commenti di questo sito, che una legge contro l'omotransfobia non solo non serva ma sia addirittura pericolosa. Assurdo! Massima solidarietà e un abbraccio virtuale a Luca e al suo compagno.

Trending

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Stefano De Martino

Stefano De Martino, da ballerino di Amici a volto di punta della nuova Rai

Culture - Luca Diana 27.5.24

Hai già letto
queste storie?

pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
Elon Musk: "Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà". Per la gioia di Meloni e Salvini - Giorgia Meloni a Montecitorio con Elon Musk - Gay.it

Elon Musk: “Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà”. Per la gioia di Meloni e Salvini

News - Redazione 25.3.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
Massimiliano Di Caprio - titolare della Pizzeria Dal Presidente di Napoli, arrestato in un'inchiesta per camorra condotta dalla Dda sul clan Contini

Pubblicò violente parole contro gay e lesbiche nel 2022, Massimiliano Di Caprio arrestato in un’indagine per camorra

News - Redazione Milano 15.5.24
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
Insulti a Carolina Morace dopo l'annuncio della candidatura alle europee: "Pedofila devi stare in carcere" - Carolina Morace - Gay.it

Insulti a Carolina Morace dopo l’annuncio della candidatura alle europee: “Pedofila devi stare in carcere”

News - Redazione 2.5.24
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23