Foto

Resoconto dei pride del 22 giugno di Lecco, Lodi, Palermo, Varese, Vicenza, La Spezia, Ancona, Frosinone, Cosenza

"Uno dei regali più grandi che la Resistenza antifascista ha fatto, è la possibilità di tornare a votare liberamente. Non dimentichiamolo, il voto è un atto importante della nostra democrazia". Anche questo weekend, l'Onda Pride travolge tutta Italia.

ascolta:
0:00
-
0:00
lecco pride, una pazza che balla
7 min. di lettura

LECCO PRIDE

Lecco Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
Lecco Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

Cerchiamo insieme di costruire una Resistenza comune. Resistenza è una parola che ci piace tanto, ma non basta andare nelle piazze e cantare ‘Bella ciao’. Dobbiamo usare tutti gli strumenti per riuscire a cambiare le cose: uno dei regali più grandi che la Resistenza antifascista ha fatto, è la possibilità di tornare a votare liberamente. Non dimentichiamolo, il voto è un atto importante della nostra democrazia” – Mauro Pirovano di Lecco Pride

Circa 3.500 persone hanno partecipato al Lecco Pride, marciando con lo slogan “Piccoli movimenti, grandi cambiamenti”. In corteo, oltre a 3 carri con dj set, anche Famiglie Arcobaleno con un ape car che trasmetteva musica per bambinə.

Il presidente dell’Associazione Renzo e Lucio, Mauro Pirovano, ha criticato aspramente il governo attuale, esortando alla resistenza attraverso azioni quotidiane per promuovere i diritti (abbiamo intervistato di recente Alessia del team Lecco Pride a proposito di rivendicazioni e punti politici).

Sul palco sono stati trattati temi come la guerra in Palestina, la sicurezza sul lavoro e l’accoglienza dei migranti, mentre il sindaco Mauro Gattinoni ha parlato dell’importanza di combattere l’intolleranza per preservare la democrazia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Martina Bonanomi (@martyb_ph89)

LODI PRIDE

Lodi Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
Lodi Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

“Una delle cose peggiori da sentire è di essere come siamo ma a casa nostra: questo significa allontanarci dalla società” – Lodi Arcobaleno

Il 22 giugno, Lodi ha celebrato il suo secondo Pride con circa 500 partecipanti. La manifestazione è iniziata alle 16 da piazza Vittoria, percorrendo un itinerario accessibile e pensato per chi ha difficoltà motorie. Il percorso ha incluso corso Roma, via Garibaldi, piazza Castello e altre vie centrali, culminando in piazza Zaninelli. L’evento, patrocinato dal Comune e organizzato da associazioni locali, ha visto discorsi appassionati nel post-corteo, con un forte messaggio di lotta e resistenza contro le politiche del governo attuale. L’assessore Manuela Minojetti ha sottolineato l’impegno dell’Amministrazione a sostegno della comunità LGBTIQ+. Questa la nostra recente intervista Umberto, parte del team di Lodi Arcobaleno

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lodi Pride (@lodi_arcobaleno)

PALERMO PRIDE

Palermo Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
Palermo Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

La parata è il momento più bello. È il momento in cui scendiamo in piazza con la nostra rabbia ma anche con la voglia di costruire qualcosa di nuovo, costruire relazioni e bellezza. In questo momento Palermo è una città abbastanza inclusiva, ma è tutta l’Italia che sta facendo passi indietro” – Daniela Tomasino, coordinatrice del Palermo Pride

Secondo le testate locali siciliane, il Palermo Pride ha visto una partecipazione di quasi 15.000 persone. Daniela Tomasino, coordinatrice dell’evento, ha enfatizzato il Pride come un momento di rabbia costruttiva e creazione di nuove relazioni. Il sindaco Roberto Lagalla ha sottolineato l’importanza di una pubblica amministrazione inclusiva che supporti tutte le identità e sensibilità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ️‍ (@palermopride)

VARESE PRIDE

Varese Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
Varese Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

“Queste oltre duemila persone sono qui per far vedere che le nostre esistenze valgono, che vogliamo pari diritti” – Giovanni Boschini di Varese Pride

Al Varese Pride, più di 2.000 persone hanno sfilato mostrando il loro sostegno ai diritti LGBTIQ+. Giovanni Boschini, presidente di Arcigay Varese, ha sottolineato quanto la visibilità sia il mezzo più importante per ottenere i diritti. L’evento, sostenuto anche dall’Università degli Studi dell’Insubria e dall’Ambasciata del Canada, si è concluso con un party ai Giardini Estensi. Qui la nostra recente intervista a Giovanni Boschini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Varese Pride (@vareseprideofficial)

VICENZA PRIDE

Vicenza Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
Vicenza Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

“La visibilità abbatte i pregiudizi” – Vicenza Pride

Il Vicenza Pride ha visto oltre un migliaio di persone marciare per le vie della città, guidate dal sindaco Giacomo Possamai e dalla vice Isabella Sala.

La marcia è stata anche un’occasione per discutere le problematiche legali attuali, in particolare i recenti casi di discriminazione nei confronti delle famiglie arcobaleno, che il sindaco Possamai ha commentato sottolineando l’importanza di un intervento legislativo a favore dei diritti riguardanti queste famiglie.

Il Pride ha incluso momenti di testimonianza personale per combattere i pregiudizi attraverso la conoscenza diretta delle storie di chi vive l’affermazione di genere e la discriminazione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da VicenzaPride (@vicenzapride)

LA SPEZIA PRIDE

La Spezia Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
La Spezia Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

Le destre fasciste e reazionarie stanno portando avanti l’ennesimo e duro attacco ai diritti delle persone in ogni ambito della loro vita. Un attacco che dobbiamo contrastare e fermare. Aderire, partecipare e sostenere il Pride è per noi un momento per mettere in stretta connessione i diritti della persona con i diritti sociali” – Segretario provinciale del sindacato, Luca Comiti

Circa 5.000 persone hanno partecipato a La Spezia Pride, organizzato da diverse associazioni locali e sindacati, tra cui l’associazione RAOT con la quale abbiamo avuto recentemente un dialogo tramite unə suə rappresentante.

Luca Comiti, segretario provinciale del sindacato, ha criticato le recenti decisioni politiche avverse ai diritti LGBTQIA+, sottolineando l’importanza della partecipazione al Pride come atto di resistenza civile e sociale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da La Spezia Pride (@laspeziapride)

MARCHE PRIDE (ANCONA)

Marche Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
Marche Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

 

Dopo questa giornata ci sono altri 364 giorni dell’anno dove sarebbe necessaria una qualche risposta delle istituzioni. Gestiamo anche uno sportello attraverso cui raccogliamo quotidianamente segnalazioni di vittime di violenze e di discriminazioni, sui posti di lavoro come in famiglia. Il supporto delle istituzioni per combatterle è essenziale” -Matteo Marchegiani, segretario regionale di Arcigay e di Marche Pride

Il Marche Pride ha riunito circa 10.000 persone ad Ancona.

Il corteo è partito dal Passetto, un luogo iconico della città, e si è snodato lungo il Viale della Vittoria. Matteo Marchegiani, segretario regionale di Arcigay e di Marche Pride, ha evidenziato l’importanza di avere risposte concrete dalle istituzioni non solo durante il Pride ma tutto l’anno, data la continua necessità di affrontare discriminazioni sul lavoro e in famiglia.

La manifestazione ha anche ospitato interventi critici nei confronti di figure politiche e religiose, inclusa una presa di posizione contro le recenti dichiarazioni di Papa Francesco sugli omosessuali. 

LAZIO PRIDE (FROSINONE)

Lazio Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
Lazio Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

“Proseguiamo la nostra battaglia accanto alla comunità Lgbtqia+ a difesa di diritti conquistati con fatica e che non possiamo più dare per scontati a causa di una destra al governo – conclude – che li mette in discussione ogni giorno” – Sara Battisti, consigliera regionale Pd del Lazio

Il Lazio Pride a Frosinone ha visto una notevole partecipazione, con un’edizione che segna un ritorno atteso dopo cinque anni dal primo evento.

Organizzato da Arcigay “Stonewall Frosinone” in collaborazione con il Comitato “Lazio Pride”, l’evento ha avuto il patrocinio di numerosi Comuni della provincia, sottolineando un ampio sostegno istituzionale. Eleonora Ferri e Gianmarco Capogna, leader dell’associazione, hanno messo in evidenza come il Pride sia una manifestazione di rivendicazione e visibilità, essenziale per accendere i riflettori sulla comunità LGBTQIA+ e sulle battaglie per i diritti.

COSENZA PRIDE

Cosenza Pride - sabato 22 giugno - Pagina IG
Cosenza Pride – sabato 22 giugno – Pagina IG

“Il Pride torna dopo 7 anni a Cosenza e torna con il patrocinio del Comune di Cosenza e di quest’amministrazione che è fortemente progressista e soprattutto molto attenta ai diritti di tutti. Fin da subito, quando esattamente un anno fa ci è stato proposto un tavolo tecnico per l’organizzazione ci siamo subito mossi e resi disponibili perché noi facciamo attenzione ai diritti di tutti. Per noi tutti sono uguali. Questa città è una città di grande apertura e oggi lo stiamo dimostrando” – Antonietta Cozza, delegata alla Cultura del Comune di Cosenza

Il Cosenza Pride ha visto una significativa adesione della comunità, con partenza da piazza Loreto alle 17. Organizzato da Arcigay Cosenza in collaborazione con altre associazioni locali e con il patrocinio del Comune di Cosenza, il corteo ha sfilato fino a piazza dei Bruzi, dove è stato accolto dal sindaco Franz Caruso. Durante il suo discorso, il sindaco ha ribadito l’opposizione dell’amministrazione a ogni forma di discriminazione, descrivendo Cosenza come una città aperta al dialogo e alla difesa dei diritti civili.

L’evento ha anche visto la partecipazione di Antonietta Cozza, delegata alla Cultura del Comune, che ha enfatizzato l’importanza di sostenere i diritti di ogni persona, senza eccezioni. Striscioni e messaggi durante il corteo hanno toccato temi come i diritti delle donne, la pace, e la critica alle politiche di autonomia differenziata.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cosenza Pride (@cosenzapride)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Trending

Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24

Leggere fa bene

Enna Pride 2024: sabato 1° giugno - ennapride 1 1 - Gay.it

Enna Pride 2024: sabato 1° giugno

News - Redazione 6.5.24
lodi pride 2024, sabato 22 giugno

“Vogliamo rivendicare lo spazio che quotidianamente viene negato alle persone queer”, Lodi Pride 2024, sabato 22 giugno – INTERVISTA

News - Gio Arcuri 19.6.24
pride dell'unione terre di castelli, sabato 8 giugno

Pride dell’Unione Terre di Castelli: sabato 8 giugno

News - Redazione 12.5.24
Cremona Pride - sabato 6 luglio (Pagina FB - Perdomini Photography per Cremona Pride)

Cronaca dei cortei dal 4 al 7 luglio: l’onda dell’orgoglio LGBTIQ+ avanza impetuosa – GALLERY

News - Gio Arcuri 9.7.24
Priot Pride 2024 a Roma il 1° GIugno

PRIOT: sabato 1° giugno torna il “Pride Romano Indecoroso Oltre Tutto”

News - Redazione 21.5.24
Simone Alliva - Gay.it - Miano Pride Roma Pride

Le debolezze del movimento LGBTI italiano, parla Simone Alliva: “Il Pride dovrebbe illuminare, ma non è sempre così” – intervista

Culture - Giuliano Federico 26.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
lucca-manifesti-stop-gay-pride

Un paese di fascisti: “Stop gay pride, Lucca non vi vuole” l’attacco contro il Toscana Pride 2024

News - Francesca Di Feo 19.6.24