Roccella ai Sindaci disobbedienti: “Nessun confronto da fare”. E la protesta del 12 maggio a Torino diventa ufficiale

Renew Europe ha presentato un emendamento alla votazione in plenaria di oggi sulla relazione sullo stato di diritto del 2022, sollecitando il Parlamento europeo a chiedere di revocare la decisione del governo italiano sulle trascrizioni dei figli delle coppie omogenitoriali.

ascolta:
0:00
-
0:00
Roccella ai Sindaci disobbedienti: "Nessun confronto da fare". E la protesta del 12 maggio a Torino diventa ufficiale - Torino - Gay.it
3 min. di lettura

Roccella ai Sindaci disobbedienti: "Nessun confronto da fare". E la protesta del 12 maggio a Torino diventa ufficiale - Torino 2 - Gay.it

Lo scontro tra i sindaci ‘disobbedienti’ e il Governo Meloni, con Famiglie Arcobaleno nel mezzo, si fa sempre più acceso. Eugenia Roccella, ministra per le pari opportunità, ha replicato a muso duro alla missiva inviata dai primi cittadini di Roma, Torino, Milano, Napoli, Bologna, Firenze e Bari, che hanno chiesto alla premier Giorgia Meloni e al ministro dell’interno Piantedosi una legge a tutela dei bimbi delle famiglie omogenitoriali.

Nessun confronto da fare“, ha tuonato Roccella all’Ansa. “I sindaci sanno quello che possono e che non possono fare“. Sono disobbedienti? “No, è qualcosa che decidono loro sapendo che c’è una sentenza che non applicano. Non c’è qualcosa da contrattare”. “I sindaci non stanno protestando contro la circolare Piantedosi ma contro la sentenza della Cassazione. Quindi dovrebbero avere casomai un dialogo con il presidente delle sezioni unite. C’è una sentenza molto precisa che dice determinate cose“.

Ma i sindaci hanno letto la sentenza della Cassazione a sezioni unite?“, si è domandata la ministra via social. “Perché quello che forse non è chiaro è che non c’è un contenzioso fra il governo e i primi cittadini che dichiarano di voler trascrivere in automatico gli atti di nascita formati all’estero. Quello contro cui questi sindaci protestano è la pronuncia del massimo organo giurisdizionale dello Stato, che traccia criteri interpretativi chiarissimi“.

Peccato che la Cassazione si sia espressa lo scorso 31 dicembre su un caso specifico relativo ad una coppia di uomini, confermando il vuoto legislativo già rilevato dalla Corte Costituzionale con le sentenze 32/2021 e 33/2021, ma la ministra finge di non capire la discriminazione in atto, le mancanze ormai sempre più palesi e inaccettabili, la necessità che sia proprio il Parlamento a dover intervenire una volta per tutte. Urgentemente.

Il caso tutto italiano delle trascrizioni dei figli delle coppie omogenitoriali, nel frattempo, arriverà anche a Bruxelles, come annunciato ieri al Parlamento Europeo da Beppe Sala. Renew Europe ha ufficialmente presentato un emendamento alla votazione in plenaria di oggi sulla relazione sullo stato di diritto del 2022, sollecitando il Parlamento europeo a chiedere di revocare la decisione del governo Meloni.

“Assistiamo ad un campagna ideologica che ha un obiettivo chiaro, quella di legittimare l’utero in affittito, la pratica della surrogazione che noi come governo condanniamo e che per altro anche il Parlamento europeo ha condannato in una sua risoluzione. È la sinistra che non è in linea con l’Ue non noi“, ha replicato in tal senso Carlo Fidanza, Capodelegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento europeo.

Nel frattempo il sindaco di Torino Stefano Lo Russo ha confermato l’appuntamento del 12 maggio, al Teatro Regio, ore 10:30, con un’assemblea di sindache, sindaci, amministratori e amministratrici locali, contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, per i diritti di tutte le famiglie.

Le città per i diritti” il titolo dato all’evento, con i 7 sindaci che hanno già espresso la propria volontà di agire collettivamente nell’esclusivo interesse dei minori, “procedendo alla trascrizione integrale dei certificati di nascita costituiti all’estero con due mamme, non riconducibili a una gestazione per altri, chiaramente esclusa dalla legge. Sulle trascrizioni riteniamo, infatti, che l’indirizzo della giurisprudenza sia già molto chiaro in Italia e in Europa“.

Ipotesi, quest’ultima, già criticata da Famiglie Arcobaleno, che non vorrebbe distinzioni tra figli all’interno delle coppie omogenitoriali. Tutti dovrebbero essere trascritti, a prescindere da dove e come siano nati. Ma da parte del governo Meloni, per bocca della ministra Roccella, è già arrivata l’ennesima netta chiusura.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
BigMama: "La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n'erano" - BigMama - Gay.it

BigMama: “La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n’erano”

Musica - Redazione 21.4.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della quinta puntata del Serale

Culture - Luca Diana 21.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Gabriel Attal

Gabriel Attal, luci e ombre del Primo Ministro francese gay che piace alla destra

News - Lorenzo Ottanelli 11.1.24
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
giorgia-meloni-uomo-dell-anno (2)

Giorgia Meloni “Uomo dell’Anno” per Libero: se il potere è concepibile solo al maschile

News - Francesca Di Feo 29.12.23
elon-musk-gina-carano

Licenziata da Disney per le sue battute omobitransfobiche, Elon Musk pagherà la battaglia legale di Gina Carano

News - Francesca Di Feo 15.2.24
alessia-crocini-paolo-mieli-nichi-vendola-gpa

“Parole di Paolo Mieli vergognose”, la reazione di Alessia Crocini dopo l’attacco a Vendola

News - Francesca Di Feo 28.11.23
Alessandro Zan, l'intervista: "Il governo Meloni normalizza l'intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire" - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan, l’intervista: “Il governo Meloni normalizza l’intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire”

News - Federico Boni 19.1.24
Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti - Ron DeSantis 2 - Gay.it

Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti

News - Federico Boni 26.10.23
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24