Roma, svastica sulla locandina della manifestazione trans* del 18 maggio

"Questo è un grave atto transfobico, nonché violenza sistemica" la denuncia di Elia Bonci.

ascolta:
0:00
-
0:00
roma-svastica-locandina-manifestazione-trans
2 min. di lettura

La bandiera trans* sfregiata da una svastica a tre giorni dalla Giornata Mondiale contro l’Omobilesbotransfobia. Basterebbe questo per far suonare qualche campanello d’allarme in coloro che oggi si ostinano a minimizzare l’ormai pervasivo problema della discriminazione e della violenza sistemica contro la comunità LGBTQIA+ in Italia.

È successo ieri a Roma, e questa volta a finire nel mirino dei vandali sono state le varie locandine che promuovevamo la manifestazione del 18 maggio per l’autodeterminazione delle persone trans, non binarie e intersex contro la violenza istituzionale.

La stessa che, a inizio anno, ha portato questo governo ad eliminare ogni riferimento all’omocausto in una circolare ministeriale durante le celebrazioni per la Giornata della Memoria. A quanto pare, alcune persecuzioni nazifasciste furono ritenute più rilevanti di altre.

Alcune locandine sono state strappate, mentre sull’ultima è stato inciso – probabilmente con un coltello – il simbolo più greve e inquietante possibile. Un messaggio chiaro e diretto, per far sapere alla comunità LGBTQIA+ che non è più la benvenuta.

Sarà difficile individuare il singolo colpevole, e forse non sarà nemmeno necessario, poiché i veri responsabili sono coloro che permettono a questo clima di violenza, paura e repressione di prosperare, quando non sono i primi ad incoraggiarlo.

La candidatura di Roberto Vannacci alle elezioni europee, i continui attacchi istituzionali contro le famiglie arcobaleno e le persone trans*, l’uso del linguaggio d’odio come strumento per raccogliere consensi e infine la strumentalizzazione delle identità LGBTQIA+ per instillare paura e intolleranza verso tutto ciò che si discosta dallo status quo. Tutto questo viene fatto in nome di una presunta libertà di opinione che, in realtà, non è altro che sdoganamento dell’odio – e i segnali sono ormai ben evidenti.

L’unico modo per contrastare questo disturbante trend è oggi quello di rimanere visibili e resistenti.

“Questo è un grave atto transfobico, nonché violenza sistemica, che deve farci riflettere su quanto la partecipazzione di tuttx sia necessaria alla manifestazione del 18 maggio a Roma” – si legge nel post Instagram di Elia Bonci, che ha denunciato l’accaduto ieri sera.

L’appuntamento è quindi fissato per il 18 maggio alle 14:30 in Piazzale Ostiense. Sarà un’occasione per far sentire la voce della comunità trans* e rispondere con determinazione a chi vorrebbe relegarci all’angolo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24

Leggere fa bene

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24
trans-visibility-night-star-t-2024

Torino ospita la quarta edizione di Star.T: una notte dedicata alla visibilità trans per celebrare storie, talenti e memoria

Culture - Francesca Di Feo 15.3.24
star-t-trans-visibility-night-torino (5)

Star.T, le stelle della visibilità trans* illuminano il Cinema Massimo di Torino alla Trans Visibility Night

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Hunter Schafer e la storia d'amore con Rosalìa durata 5 mesi: "Oggi è famiglia, qualunque cosa accada" - Hunter Schafer e Rosalia - Gay.it

Hunter Schafer e la storia d’amore con Rosalìa durata 5 mesi: “Oggi è famiglia, qualunque cosa accada”

Culture - Redazione 3.4.24
x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Nex Benedict Gay.it

Nex Benedict uccisə dalla transfobia, spunta il video delle sue ultime parole alla polizia in ospedale

News - Redazione Milano 27.2.24
Nex Benedict

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24