Eliminare la carriera alias da 263 scuole in tutta Italia, la destra parte dalla Lombardia per cancellare le giovani persone transgender e non binarie

Anche Forza Italia partecipa con Fratelli d'Italia e Lega alla crociata ispirata da Pro Vita. Presidio domani a Milano, ecco come partecipare al sit-in.

ascolta:
0:00
-
0:00
carriera alias MOZIONE 36
carriera alias MOZIONE 36
3 min. di lettura

La destra torna all’attacco della carriera alias nelle scuole. In Regione Lombardia nella seduta di domani 10 Ottobre è prevista all’ordine del giorno la MOZIONE 36 “Interventi contro la diffusione dei regolamenti scolastici sulla cosiddetta carriera alias sostenuta da Fratelli d’Italia.

Grazie al protocollo definito carriera alias, che viene redatto in autonomia da ogni istituto scolastico, le persone transgender e le persone di genere non binario hanno la possibilità di vedere utilizzato il proprio nome e genere all’interno della carriera scolastica e universitaria in sostituzione di quello biologico assegnato alla nascita. Un protocollo che garantisce spazio di autodeterminazione e che, per le giovani persone transgender e non binarie, riduce il rischio di isolamento, depressione e suicidio. Leggi: Cos’è e come funziona la carriera alias >

Troppo per la destra che vuole schiacciare le diversità e umiliare le persone non conformi alla propria idea di “nazione”. Ed ecco una nuova crociata ideologica. Come già accaduto con le famiglie omogenitoriali, la destra nazionale parte da provvedimenti locali. E parimenti alla cancellazione degli atti di nascita registrati dal sindaco Sala a Milano, anche questa volta è la Lombardia a incubare l’ardita repressione nei confronti della comunità LGBTIQ+, mettendo in discussione anche l’autonomia scolastica.

Fratelli d’Italia ha chiesto al Governatore della Lombardia Attilio Fontana di stilare una lista di tutti gli istituti scolastici lombardi che offrono il protocollo di carriera alias. Il partito di Giorgia Meloni vuole fare chiarezza e nell’assemblea del consiglio regionale lombardo di domani 10 Ottobre vuole discutere sui provvedimenti che possono essere adottati contro la possibilità che nelle scuole sia adottata la carriera alias.

La Mozione 36 è stata presentata con la firma dell* seguenti consiglier* lombard*: Zamperini (Fratelli d’Italia), Garavaglia (Fratelli d’Italia), Invernici (Fratelli d’Italia), Schiavi (Fratelli d’Italia), Cacucci (Fratelli d’Italia), Mangiarotti (Fratelli d’Italia), Valcepina (Fratelli d’Italia), Bestetti (Fratelli d’Italia), Ventura (Fratelli d’Italia), Dotti (Fratelli d’Italia), Ferrazzi (Letizia Moratti), Bulbarelli (Fratelli d’Italia), Macconi (Fratelli d’Italia), Villa (Fratelli d’Italia), Bontempi (Fratelli d’Italia), Forte (Fratelli d’Italia), Scurati (Lega), Cappellari (Lega), Bravo (Fratelli d’Italia), Zocchi (Fratelli d’Italia), Baffi (Fratelli d’Italia).

MOZIONE 36 contro la carriera aliaas nelle scuole presentata il 10 Ottobre 2023 in Lombardia da Fratelli d'Italia
MOZIONE 36 contro la carriera aliaas nelle scuole presentata il 10 Ottobre 2023 in Lombardia da Fratelli d’Italia – qui l’intero OdG >

Se approvata, la Regione dovrà intervenire presso l’Ufficio scolastico per obbligarlo a inviare una circolare di divieto delle carriere alias nelle scuole che l’abbiano adottato.

Già lo scorso luglio (2023) il consigliere regionale lombardo di Fratelli d’Italia Giacomo Zamperini aveva presentato la MOZIONE 36 da lui definita “contro la tendenza della carriera alias, perché non è conforme alla legge“. Dopo che scuole, università, student*, opposizioni e movimento LGBTIQ+ si erano sollevati contro l’iniziativa, la mozione era stata ritirata.

La destra era tornata alla carica un mese fa, settembre 2023, sempre in Lombardia. Questa volta era stato il consigliere regionale di FDI Pietro Macconi ad assumere il compito locale di dichiarare guerra alla carriera alias nelle università e nelle scuole. Macconi aveva addirittura mandato un’email agli istituti scolastici lombardi, sollecitando un intervento del Governo e paventando la possibilità di rimettere nuovamente la MOZIONE 36 all’ordine del giorno. Tuttavia il ministro dell’istruzione Giuseppe Valditara non aveva dato sponda da Roma alle incursioni della destra lombarda. E la MOZIONE 36 era sparita dall’ordine del giorno, dopo che l’11 Settembre era scattato un presidio da parte di student* e associazionismo LGBTIQ+. Durante la conferenza stampa, le teorie presentate dalla destra erano state ridicolmente sbugiardate, dati alla mano, al punto da creare imbarazzo alla stessa destra, la cui inadeguatezza e impreparazione sul’argomento erano stato messi a nudo anche dalla stessa psicologa, Jiska Ristori, che la destra portava a supporto delle proprie tesi, come raccontato da Il Fatto.

In Italia ad oggi, secondo quanto riscontrato da Agedo, ci sono 263 scuole che hanno implementato la carriera alias. Che presto saranno cancellate. Qui tutte le scuole >

Perché la strategia nazionale è tracciata ed è chiara. La lobby reazionaria cattolica Pro Vita suggerisce, e la destra di governo obbedisce. Sul fronte dei diritti civili si configura così sempre più una destra autoritaria. La strategia prevede di iniziare in Lombardia, dove domani la MOZIONE 36 sarà approvata, con la complicità di Forza Italia, che voterà insieme all’estrema destra di Fratelli d’Italia e Lega.

Scavalcare l’autonomia scolastica per vietare il protocollo della carriera alias che permette alle persone transgender e non binarie di avere un percorso di serenità a scuola si configura così come un nuovo e chiaro gesto di accanimento ideologico. Ancora una volta ai danni delle persone più fragili.

È stato intanto organizzato un nuovo presidio domani 10 Ottobre a Milano. Il sit-in di protesta si terrà in via Fabio Filzi, 22, sotto il palazzo della Regione Lombardia. Appuntamento dalle ore 9. L’assemblea del consiglio regionale con la MOZIONE 36 all’ordine del giorno è fissata alle ore 10.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Antonia Monopoli (@antonia_monopoli)

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24

Hai già letto
queste storie?

Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO - Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans - Gay.it

Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO

News - Redazione 21.11.23
sport-aics-tesseramento-alias

Tesseramento alias nello sport, la svolta di AICS: “Esaltare il valore dello sport come diritto umano”

Corpi - Francesca Di Feo 3.1.24
tdor ungheria transgender

Ungheria, 60 persone transgender presentano ricorso al Tribunale Europeo dei Diritti dell’Uomo contro le leggi anti-trans

News - Francesca Di Feo 20.11.23
Foto: MARTIN BUREAU

Grindr si fa più inclusivo per le persone trans* (ma è già polemica!)

News - Redazione Milano 8.2.24
Pacemaker, il bellissimo ed emozionante corto animato con protagonisti un nonno e suo nipote trans (VIDEO) - Pacemaker il bellissimo ed emozionante corto animato con protagonisti un nonno e suo nipote trans VIDEO - Gay.it

Pacemaker, il bellissimo ed emozionante corto animato con protagonisti un nonno e suo nipote trans (VIDEO)

Culture - Federico Boni 17.11.23
agedo

‘Il coming out è solo il primo step’, la storia di Andrea e suo figlio trans Alexein

Corpi - Riccardo Conte 19.9.23
Trace Lysette (ELLE)

Con o senza Oscar, Trace Lysette ha già vinto per la comunità trans*

Cinema - Redazione Milano 5.1.24
@tracelysette

C’è possibilità per le attrici trans agli Oscar?

Cinema - Redazione Milano 29.9.23