Sentenza storica al Tribunale di Roma: riconosciuta una persona con identità di genere non binaria – intervista

Gay.it ha intervistato Giovanni Guercio, avvocato di Alex, persona non binaria che per la prima volta in Italia ha visto riconosciuta legalmente la sua identità di genere.

ascolta:
0:00
-
0:00
non binary persone non binarie terapie ormonali
non binary persone non binarie terapie ormonali Dott. Alessandra Daphne Fisher
3 min. di lettura

È una gioia constatare i passi avanti fatti in riconoscimento delle persone con identità non binaria.

In questi anni stiamo assistendo a passi da gigante per il riconoscimento di persone con identità non binarie. Abbiamo già parlato delle novità riguardanti le terapie mediche, e adesso sono lieto di darvi l’annuncio di una sentenza storica per la comunità transgender non binaria in Italia.

Il giorno 7 marzo 2022, è stata emessa dal Tribunale di Roma la sentenza di riconoscimento di una persona con identità di genere non binaria. L’udienza si era tenuta il giorno 10 febbraio e il protagonista è Alex, persona transgender con identità non binaria. Abbiamo intervistato l’avvocato Giovanni Guercio, artefice di questa vittoria.

 

Sentenza storica al Tribunale di Roma: riconosciuta una persona con identità di genere non binaria - intervista - non binary power sign - Gay.it
La sentenza di Alex crea in Italia un precedente storio, fondamentale per i diritti delle persone non binary.

 

Perché questa sentenza segna un traguardo così importante?

È importante perché si tratta di una caso pilota, che ha aperto la strada per le sentenze future. La giudice ha definito Alex soggetto cosiddetto “non binario”. In passato abbiamo ottenuto la possibilità di rettificare i documenti, ma esclusivamente per motivi di salute fisica. Ma stavolta, Alex, era deciso a non insistere sui discorsi ‘patologizzanti’ e dire di essere un ragazzo non binario che ha diritto alla propria identità di genere. La giudice ha abbracciato questa ricostruzione, che io ho supportato con il Diritto. Le ho portato un massimario della Suprema Corte, ovvero un commentario di giuristi di alto livello che si sono espressi sulla questione. È stata evidenziata nella relazione medica, fatta dalla dottoressa Mosconi del SAIFIP di Roma, la necessità di Alex di essere sottopostə solo a mastectomia per il suo benessere psicologico, in quanto si presenta come persona di sesso maschile esattamente nel modo in cui sente di essere, e questo è stato trascritto in sentenza!

Non era mai stata riconosciuta un’identità non binaria in sentenza, questo offre possibilità anche a persone non binarie con esigenze simili a quelle di Alex. Quindi chi vuole eseguire soltanto interventi chirurgici o fare soltanto terapia medica, per una questione di identità e non patologia fisica, potrà farlo?

Esattamente. Ognuno può voler fare interventi ma non terapia ormonale e viceversa. C’è uno spettro ampio di sfumature tra ‘il rosa e il celeste’.

Quali sono i prossimi step per Alex?

La rettifica del certificato di nascita e dei documenti. Poi, quando vorrà, potrà sottoporsi al solo intervento.

 

Sentenza storica al Tribunale di Roma: riconosciuta una persona con identità di genere non binaria - intervista - 5704 - Gay.it

 

Cosa ti ha detto quando gli hai comunicato l’esito della sentenza?

Quando gliel’ho comunicato è rimasto sorpreso, non parlava, poi ripeteva grazie, grazie, grazie, come paralizzato dalla gioia. Pensa che uno deve ringraziare per essere se stesso. È un grazie che chi non nasce in questa condizione non può capire, è come un cieco che riacquista la vista, chi l’ha sempre avuta non può capire.

Un altro passo in avanti per la tutela delle persone transgender, dopo la possibilità di scelta di non essere sottoposti obbligatoriamente e forzatamente a tutti gli interventi chirurgici e il riconoscimento per persone minorenni.
Qual è il prossimo passo da fare, secondo lei?

Il mio auspicio maggiore è quello di aggiornare la legge 164 dell’82, non dimentichiamo che questi sono precedenti giudiziari e non legge. Per cui altri giudici possono abbracciarli come discostarsi. La legge invece è legge e detta regola da cui non ci si può tirare indietro. Il precedente creato, ha lo scopo di infilare il piede per tenere aperta la porta per sentenze future, ma la legge 164 è ferma a un binarismo allucinante! Sono questi i punti che vanno scalfiti. Inoltre sostengo, anche contro il mio interesse economico, che la rettifica anagrafica dovrebbe diventare assolutamente autodeterminata. Dovrebbe essere possibile farla senza passare dal tribunale, semplicemente recandosi all’anagrafe con nome e genere prescelto. Questo deve nascere in automatico come in Inghilterra, Spagna, Malta e Argentina.

 

Sentenza storica al Tribunale di Roma: riconosciuta una persona con identità di genere non binaria - intervista - what does it mean to be non binary or have non binary gender 4172702 round5 136869e9e4754c8da6528ddbba1e45b8 - Gay.it

 

Ringraziamo l’avvocato Guercio e tutti i legali che si impegnano in sostegno della comunità LGBTQIA+. Ci auguriamo di poter festeggiare tanti altri traguardi.

 

Intervista a Eli,
in arte Queer3lf:
make-up artist non binary mutaforma >

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme - Roma sindaco Gualtieri - Gay.it

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme

News - Redazione 22.4.24
ghana-legge-anti-lgbt-ghana

Ghana, legge anti-gay, parla un attivista LGBTI: “La comunità viene già perseguitata, ma abbiamo una speranza”

News - Francesca Di Feo 12.3.24
Nemo

Nemo, chi è l’artista non binario che rappresenta la Svizzera all’Eurovision 2024?

Culture - Luca Diana 9.5.24
BigMama madrina della campagna "We Belong Here" di Sephora per la creazione di safe places rivolti alla comunità LGBTQIA+ - ARK3707 Modifica copia - Gay.it

BigMama madrina della campagna “We Belong Here” di Sephora per la creazione di safe places rivolti alla comunità LGBTQIA+

Corpi - Gay.it 14.6.24
Calci e pugni per un bacio, è arrivata la sentenza. L'omofobia trattata come banale lite in un parcheggio - jean pierre moreno - Gay.it

Calci e pugni per un bacio, è arrivata la sentenza. L’omofobia trattata come banale lite in un parcheggio

News - Redazione 15.3.24
human pride taranto 2024

Human Pride 2024 a Taranto: “Riportiamo l’umanità al centro dei dibattiti politici” – intervista a Miki Formisano

News - Gio Arcuri 3.7.24
Parigi 2024, l'atleta trans e non binary Nikki Hiltz parteciperà alle Olimpiadi - Nikki Hiltz 2 - Gay.it

Parigi 2024, l’atleta trans e non binary Nikki Hiltz parteciperà alle Olimpiadi

Corpi - Redazione 2.7.24
intervista a enna pride

Enna Pride: “Sentiamo che questo Pride è necessario, mancano rappresentanza e visibilità sul territorio”

News - Gio Arcuri 29.5.24