Non solo transizione di genere, ma affermazione di genere, ecco la terapia ormonale per non binary: intervista

Non ci sono solo persone che aspirino a un aspetto binario maschile o femminile. La dott.ssa Alessandra Fisher ci spiega le nuove frontiere molecolari delle terapie ormonali per persone non binary.

non binary persone non binarie terapie ormonali
non binary persone non binarie terapie ormonali Dott. Alessandra Daphne Fisher
4 min. di lettura

Arriva anche in Italia la possibilità di avere terapie ormonali adeguate alle esigenze e al benessere delle singole persone. Si apre una strada anche per le persone non binary.

Ne abbiamo parlato con la dottoressa Alessandra Fisher, medico specialista in Endocrinologia e Malattie del ricambio, all’interno della SOD di Andrologia, Endocrinologia femminile e Incongruenza di Genere, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi.
La dottoressa Fisher si occupa della tematica dal 2005 e il suo impegno è focalizzato nella ricerca clinica e nell’assistenza delle persone con varianza di genere e con differenze dello sviluppo sessuale, in età adulta ed evolutiva. E’ inoltre presidente della Società Italiana Genere Identità e Salute (SIGIS).

La prima cosa che ho notato parlando con la dottoressa Fisher è il rispetto per le molteplici sfumature delle identità di genere e una cura particolare nel precisare le numerose e differenti esigenze che hanno le persone che si avvicinano a un percorso di affermazione di genere (ve ne parliamo qui ndr). Parlando con la dottoressa, si nota una grandissima attenzione al benessere del singolo individuo, visto come essere umano di cui rispettare esigenze di carattere fisico e psicologico. Non si tende più ad ingabbiare l’originalità all’interno di confini binari, costringendo le persone transgender ad accettare spesso una terapia ormonale che tende a curare una forma di dismorfismo con il rischio di provocarne un’altra.

Ogni persona ha il diritto di piacersi e di scegliere le caratteristiche che la fanno stare bene.

Qui un link di INFO TRANS a proposito dell’AFFERMAZIONE DI GENERE >

Partiamo dall’inizio, e cioè il contesto non binario e la possibilità di approcciare terapie ormonali.

In considerazione di una visione molto più aggiornata sull’identità di genere che non è più binaria, la terapia deve avere obiettivo di massimizzare il benessere della persona, nel rispetto di ciò che la persona sente di essere. La terapia ormonale non deve dare necessariamente un aspetto binario maschile o femminile (non tutti desiderano questo) e quindi veniamo incontro alla esigenze di queste persone.
Per esempio, non tutte le persone assegnate a maschio alla nascita, desiderano uno sviluppo mammario o rinunciare alla vita sessuale.
Una persona assegnata a femmina alla nascita invece, può voler bloccare il ciclo, ma non desiderare un eccesso di peluria maschile. Qualcuno può desiderare una massa muscolare maschile e un abbassamento del timbro della voce, ma il rischio di comparsa di alopecia non sarebbe tollerabile. Scegliendo alcune molecole in associazione ad una terapia ormonale con dosaggio adeguato, si raggiunge un obiettivo quanto più vicino a ciò che la persona desidera. Perché non tutte le persone sono uguali.

 

Può fare altri esempi pratici?

La terapia con testosterone può aumentare le possibilità di perdere i capelli. Non è possibile prevedere prima dell’inizio della terapia l’entità dell’eventuale alopecia. E’ importante essere consapevoli dei possibili effetti collaterali della terapia e che l’entità degli stessi è variabile da persona a persona. Un’opzione terapeutica finalizzata a limitare la perdita di capelli è rappresentata dall’utilizzo di inibitori della del 5-alfa reduttasi.

 

Quali sono le tempistiche degli effetti di questa terapia?

Gli studi legati sia all’efficacia che ai rischi della terapia ormonale di affermazione di genere si basano su una terapia binaria, mirata cioè alla massima mascolinizzazione e femminilizzazione. Non sono ancora disponibili dati relativi alla sicurezza ed efficacia della terapia individualizzata per le persone non binarie.

 

dott alessandra fisher non binary persone non binarie terapie ormonali
Dott.ssa Alessandra Fisher

 

Gli inibitori della 5-alfa reduttasi hanno effetti collaterali? Quali sono?

I dati disponibili riguardano esclusivamente la popolazione di uomini cisgender, su cui sono stati riportati effetti collaterali limitati, tra cui il calo del desiderio sessuale.Non sono disponibili dati relativi al profilo di sicurezza in popolazione transgender.

 

Questa terapia presenta indubbiamente dei pro rispetto a quella standard, quali sono invece gli eventuali contro?

Non essendo disponibili studi relativi a una terapia individualizzata, non abbiamo informazioni che ci permettano di quantificare l’efficacia delle modificazioni, il tempo necessario per ottenerle. Inoltre, non possiamo sapere se limitare la comparsa di alopecia, possa limitare anche ulteriori segni di mascolinizzazione, come l’abbassamento del timbro della voce.

 

Mi parlava di una precisazione da fare riguardo a fertilità ed eventuali gravidanze per le persone AFAB (assigned female at birth ndr), sotto terapia ormonale.

E’ fondamentale ricordarsi che, anche se la terapia con testosterone induce generalmente scomparsa dei cicli mestruali (amenorrea), non rappresenta un metodo contraccettivo. Pertanto, è importante utilizzare metodi contraccettivi. La terapia con testosterone, infatti, può indurre gravi malformazioni del feto in caso di gravidanza.

 

Alcune persone confondono questo tipo di terapia con il microdosing, cosa può dirci al riguardo?

Dosaggi più bassi sono una possibilità, ma non l’unica, perché per alcune persone è possibile utilizzare associazioni di molecole differenti e non solo dosaggi differenti.

 

La dottoressa mi spiega inoltre che non è corretto parlare di transizione di genere e di persone FtM o MtF, in quanto non si fa un percorso che parte da qualcosa verso un’altra, ma il percorso ha l’obiettivo di affermare il proprio genere (quindi è più corretto parlare di percorso di affermazione di genere). Inoltre, poiché l’identificazione di genere è variabile da persona a persona, non si ritiene più corretto parlare di persona MtF o FtM, perché si darebbe in tal caso come assunta una identificazione al cento per cento femminile o maschile, rispettivamente.

Per questo è preferibile riferirsi al genere assegnato alla nascita (persona assegnata a femmina alla nascita, assigned female at birth, AFAB o persona assegnata a maschio alla nascita, assigned male at birth, AMAB) proprio al fine di includere tutte le possibili declinazioni dell’identità di genere.

Ringraziamo la dottoressa Fisher e tutti i ricercatori che in Italia e all’estero si impegnano a ricercare e applicare terapie sempre più innovative e finalizzate al benessere delle persone con disforia di genere.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Vladimir Luxuria

Vladimir Luxuria ricoperta d’insulti per le foto in bikini: “Frustrati, io vivo la vita reale”. Poi rimprovera il governo

News - Emanuele Corbo 25.7.24
Omofobia Marcon coppia gay vende appartamento parla avvocato

“Fr*c* di m*rda, vergognatevi”: coppia gay costretta a vendere casa, l’avvocata spiega tutto a Gay.it

News - Giuliano Federico 25.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Marco Mengoni Marco Torino Greco Vacanza Pantelleria

Marco Mengoni “con il suo migliore amico” Marco Torino Greco secondo i media

Musica - Mandalina Di Biase 24.7.24
Sam Smith

Sam Smith: “Ero un ragazzo spaventato, amavo un uomo che non era gay”. Così è nata “Not in That Way”

Musica - Emanuele Corbo 24.7.24
Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain - QUEER by Luca Guadagnino from left Drew Starkey and Daniel Craig photo by Yannis Drakoulidis - Gay.it

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain

Cinema - Federico Boni 23.7.24

Leggere fa bene

“Bambi - Storia di una metamorfosi” diventa film, con Mario Sesti alla regia - Bambi. Storia di una metamorfosi di Reali Emiliano diventa film - Gay.it

“Bambi – Storia di una metamorfosi” diventa film, con Mario Sesti alla regia

Cinema - Redazione 4.6.24
varese pride 2024, intervista

“Occupare politicamente lo spazio e dire che non ci stiamo”: intervista a Varese Pride 2024, sabato 22 giugno

News - Gio Arcuri 20.6.24
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Chi è Eliot Sumner, figliə non-binary di Sting che interpreta Freddie Miles in Ripley - eliot sumner freddie ripley - Gay.it

Chi è Eliot Sumner, figliə non-binary di Sting che interpreta Freddie Miles in Ripley

Serie Tv - Redazione 8.4.24
X-Men '97, JP Karliak replica alle polemiche su Morph non binario: "Ne vado orgoglioso" - AAQ0100 comp Tk2 v001 r709.126431 C - Gay.it

X-Men ’97, JP Karliak replica alle polemiche su Morph non binario: “Ne vado orgoglioso”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
Europee 2024, Padova come Milano. Seggi elettorali rispettosi delle identità trans con file unisex - io sono io voto 1024x538 1 - Gay.it

Europee 2024, Padova come Milano. Seggi elettorali rispettosi delle identità trans con file unisex

News - Redazione 6.6.24
intervista a umbria pride 2024

“Noi e i diritti siamo inarrestabili”, parola all’Umbria Pride, a Perugia sabato Primo Giugno – intervista

News - Gio Arcuri 29.5.24
human pride taranto 2024

Human Pride 2024 a Taranto: “Riportiamo l’umanità al centro dei dibattiti politici” – intervista a Miki Formisano

News - Gio Arcuri 3.7.24