“Stone Fruit” di Lee Lai: anche l’arcobaleno teme la ruggine

La storia di una coppia queer e della bambina che la tiene unita. Ray, Bron e Nessie sono le tre protagoniste di questo nuovo graphic novel tutto al femminile a firma di una giovane autrice che promette di fare strada.

"Stone Fruit" di Lee Lai: anche l'arcobaleno teme la ruggine - Stone Fruit cover - Gay.it
3 min. di lettura

Nell’articolo di oggi dedicato ai libri LGBTQ+ di recente pubblicazione, Stone Fruit di Lee Lai (Coconino Press-Fandango, 2021) è quella che definirei come una bella sferzata di novità e freschezza. Anche per me rappresenta una deviazione rispetto ai libri di cui parlo di solito perché si tratta di un graphic novel, un genere che ha meno visibilità rispetto alla narrativa ma che proprio riguardo alle questioni LGBTQ+ ha sempre offerto molto.

La recentissima pubblicazione di Stone Fruit ha portato anche in Italia il talento di un’autrice che si presenta come un’autentica rivelazione. Nella narrazione a fumetti Lee Lai è già un nome che sta conquistando contratti di edizione e traduzioni in tutto il mondo; in Italia, l’edizione targata Coconino Press-Fandango è uscita da pochissimi giorni con la traduzione di Alice Amico e l’introduzione di Jonathan Bazzi, finalista al Premio Strega 2020.

Il Libro

Le protagoniste di Stone Fruit sono due giovani donne, Ray e Bron, una coppia queer navigata ma che sta attraversando un momento di difficoltà. Le loro storie e le loro famiglie di origine sono diverse, ma si incontrano in almeno un punto: l’ostilità nei confronti dell’identità sessuale delle due ragazze. Tra le due, Bron è la più fragile: non solo la sua famiglia le ha praticamente voltato le spalle, ma una serie di problemi molto personali minaccia costantemente di trascinarla verso il fondo. Ultimamente, l’unica luce che Bron vede nelle sue giornate è quella di Nessie, la nipotina di Ray. Nessie è una bambina vivace e piena di immaginazione che stravede per le sue zie queer e che ha trovato in Bron la compagna di giochi ideale. L’intesa fra le due è sempre stata naturale, istintiva, immediata, così, quando la madre di Nessie, Amanda, decide di mettersi di traverso in quel rapporto (più per gelosia materna che per pregiudizio, va comunque detto), Bron si sente come prosciugata. In tutto questo Ray fa del suo meglio per armonizzare la situazione, offrendo sostegno alla compagna e zittendo la sorella quando serve, eppure tutto ciò potrebbe non bastare.

Stone Fruit è un’opera sorprendente che riesce a condensare in poche pagine grandi temi. Orientamento sessuale, identità di genere, accettazione di sé e il confronto/scontro con gli altri, sono i problemi su cui Ray e Bron hanno forgiato le loro personalità e che Lee Lai riesce a raccontare con una semplicità e un’immediatezza disarmanti. Certe emozioni, certi imbarazzi, certi non detti un graphic novel come Stone Fruit ha la capacità di renderli ancora più vividi di un romanzo. Il linguaggio, necessariamente più scarno e conciso, è come una freccia acuminatissima che si conficca al centro del bersaglio. Ogni parola risuona a lungo nella vastità della pagina e produce un effetto che, a torto, quasi si dimentica di aspettarsi da un fumetto: quello di far riflettere. E anche di emozionare.

"Stone Fruit" di Lee Lai: anche l'arcobaleno teme la ruggine - stone fruit - Gay.it
Lee Lai, “Stone Fruit”, Coconino Press-Fandango, Roma, 2021, pp. 239 ill.

Famiglie

Tutto il variegato mondo LGBTQ+ può considerarsi egregiamente rappresentato in Stone Fruit, un’opera che scalza pregiudizi e preconcetti anche molto resistenti, come ad esempio quello che vedrebbe contrapposti – almeno in certe menti particolarmente retrograde – coppie arcobaleno ed educazione dei bambini. Ciò che Lee Lai mostra nel suo libro attraverso il rapporto speciale tra la piccola Nessie e le due zie queer è l’esatto rovescio di questa mentalità. Una mentalità che, nella sua vera veste di costrutto sociale e culturale, ha pochissimi corrispettivi con la realtà delle cose, i cui limiti e confini angusti – messi lì a protezione di ciò che a molti fa ancora comodo chiamare “verità” o “certezza” – vengono facilmente smascherati e contraddetti dalla forza prorompente delle emozioni.

Stone Fruit è un piccolo trattato di emotività familiare. Ciò che si osserva e si legge nelle sue pagine è il ritratto di una realtà sommersa che grazie a libri come questo sta lentamente uscendo allo scoperto. La realtà delle famiglie LGBTQ+ (le quali scompaiono all’indomani del matrimonio del quale la stampa di provincia ha magari parlato per qualche giorno), la loro vita quotidiana fatta di sogni e amarezze, di prospettive e vicoli ciechi è poco conosciuta, poco raccontata. In genere ci si concentra su altro: su quello che offre la cronaca o che sbraita la politica, oppure ci si rilassa nella comfort zone generosamente offerta dai soliti evergreen. Come ho scritto altre volte, è il momento di compiere un passo avanti nel modo in cui la comunità LGBTQ+ è solita raccontarsi quando impugna la penna. Oltre i soliti modelli, ci sono distese vergini a perdita d’occhio che aspettano di essere narrate, e un’opera come Stone Fruit mostra che esiste la possibilità di farlo, che non c’è nessun’altra rivoluzione da compiere se non l’approfondimento di quella che è stata messa in moto 52 Stonewall fa. Infine ci ricorda che è sufficiente spostare anche di poco il baricentro per ritrovarsi dove non ci si aspetterebbe. Perché, artisticamente parlando, l’inedito e il nuovo sono molto spesso come l’aneddoto della tela rovesciata di Kandinskij: uno sguardo casuale su un oggetto che ci eravamo dimenticati sottosopra.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24

Hai già letto
queste storie?

La coppia felice: intervista a Naoise Dolan - Matteo B Bianchi 26 - Gay.it

La coppia felice: intervista a Naoise Dolan

Culture - Federico Colombo 7.11.23
Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi - Sisters arriva il libro biografico di Paola e Chiara Iezzi - Gay.it

Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi

Culture - Redazione 7.2.24
valerie notari gamer girl

Gaming, fluidità e liberazione: intervista a Valerie Notari autrice di “Gamer girl”

Culture - Federico Colombo 20.11.23
Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer - Laura Dean continua a lasciarmi - Gay.it

Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer

Cinema - Redazione 13.12.23
Sailor Moon Lamu stereotipi di genere

Così Sailor Moon, Lamù e lə altrə icone manga hanno sovvertito gli stereotipi di genere

Culture - Redazione Milano 26.3.24
Il rosa è solo un colore Claudio Volpe

Bullismo omofobico: ce lo racconta Claudio Volpe nel suo nuovo libro “Il rosa è solo un colore”

Culture - Emanuele Cellini 23.10.23
Veganuary - Di Pazza e la cucina vegetale

Di Pazza: cos’è il Veganuary e l’insostenibile leggerezza del vegetale

Culture - Emanuele Cellini 11.1.24
Jack Splash, è uscito il primo libro per bambini di Tom Daley - Jack Splash e uscito il primo libro per bambini di Tom Daley 2 - Gay.it

Jack Splash, è uscito il primo libro per bambini di Tom Daley

Culture - Redazione 14.3.24