Turchia: vietati tutti gli eventi LGBTI nella capitale

Continua a peggiorare la situazione della comunità LGBTI in Turchia.

Turchia
2 min. di lettura

Sabato 18 novembre il governo metropolitano di Ankara, capitale della Turchia, ha vietato qualsiasi evento LGBTI.

A denunciare la situazione in Turchia è il quotidiano inglese Independent, che riprende un comunicato emesso dalle autorità di Ankara:Fino a nuovo avviso, tutti gli eventi cinematografici e teatrali, le proiezioni, i panel, i convegni, le mostre, etc. sono stati banditi poiché tali eventi potrebbero causare animosità tra gruppi differenti e mettere in pericolo “la salute e la moralità“, oltre che i diritti e la libertà del resto della popolazione”.

In altre parole, per evitare che gruppi omofobi e transfobici attacchino la popolazione, si vietano gli incontri LGBTI in tutta la capitale. Questo è solo l’ennesimo atto omofobo e transfobico del partito di Erdogan, primo ministro turco per undici anni consecutivi e presidente attuale dal 2014.

Il 25 giugno 2017 si è tenuto, nonostante i divieti, il Pride di Istanbul, dove sono stati arrestati 25 manifestanti. La parata venne attaccata dalla polizia in assetto antisommossa, che a colpi di proiettili di gomma e manganellate ha disperso la folla. In quell’occasione un organizzatore ha commentato che “La nostra incolumità non può essere garantita imprigionandoci dietro a dei muri, chiedendoci di nasconderci – e prosegue – La nostra incolumità sarà garantita dandoci il riconoscimento della costituzione, assicurandoci la giustizia, garantendoci uguaglianza e libertà“.

La decisione di bandire ogni tipo di manifestazione arriva in seguito al divieto che ha bloccato il Pink Life QueerFest, una rassegna cinematografica LGBTI prevista sempre ad Ankara, per analoghi motivi di “sicurezza pubblica”.

Turchia
La repressione della polizia contro il Pride di Istanbul.

Nell’ultimo mese Erdogan ha accusato il Partito Democratico dei Popoli (HDP) di essersi allontanato dai valori morali della nazione dopo che un piccolo distretto governato dall’HDP stesso aveva introdotto una quota per i candidati LGBTI alle elezioni del comitato di zona. L’HDP è il partito filocurdo che subì il 5 giugno 2015 un attentato durante un comizio elettorale. Scoppiarono due bombe causando 4 morti e 150 feriti a Diyarbakir, capoluogo non ufficiale del Kurdistan turco, durante la più grande manifestazione dell’HDP in vista delle elezioni parlamentari.

L’omosessualità non è vietata in Turchia, ma le persone LGBTI subiscono attacchi e discriminazioni, probabilmente a causa del clima politico vigente nel paese. Il presidente Erdogan non ha mai nascosto i propri valori tradizionalisti e conservatori, avversi alla libertà e ai diritti delle persone LGBTI. Nell’agosto del 2016 fu ritrovata senza vita e mutilata l’attivista trans Hande Kader, divenuta il volto del Pride di Istanbul del 2015. In quell’occasione Hande Kader si oppose agli idranti e alle cariche della polizia che dispersero, anche quell’anno, il Pride cittadino.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Dino Fetscher, vacanze d'amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social - Dino Fetscher - Gay.it

Dino Fetscher, vacanze d’amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social

Culture - Redazione 15.4.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
animali-trans

16 specie di animali trans* che fanno tremare i transfobici e le loro argomentazioni

Corpi - Francesca Di Feo 15.4.24

Leggere fa bene

angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli - Salvatore Sparavigna - Gay.it

Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli

News - Redazione 29.3.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
andria omofobia 18 anni gay

Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

News - Francesca Di Feo 26.10.23
100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+ - 100 anni di Disney Pro Vita e Famiglia protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA - Gay.it

100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+

Culture - Redazione 17.10.23