Il Consiglio d’Europa boccia il rapporto sull’utero in affitto: ancora nessuna regolamentazione

Paesi come l’Ucraina e la Federazione Russa prosperano sull'assenza di regole a tutela delle donne e di tutte le parti coinvolte, soprattutto dei bambini.

Il Consiglio d'Europa boccia il rapporto sull'utero in affitto: ancora nessuna regolamentazione - utero in affitto - Gay.it
2 min. di lettura

Non ce l’ha fatta il primo, timido rapporto dell’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa sulla maternità surrogata: la proposta, voluta fortemente da Petra De Sutter, senatrice e ginecologa transgender, è stata bocciata con 83 no, 77 sì e 7 astenuti.

La senatrice aveva tentato di portare all’assemblea plenaria una raccomandazione che prevedeva l’elaborazione da parte del Comitato dei Ministri di linee guida “in difesa dei diritti dei bambini” sulla maternità surrogata, dopo che era stata bocciata per ben due volte alla Commissione Affari sociali. Sul fronte del no gran parte della delegazione italiana, con parlamentari di PD, 5 Stelle, Forza Italia: solo Nicoletti e Rigoni del PD e Giro di Forza Italia erano a favore del sì. “Sono molto contenta”, commenta Eleonora Cimbro (PD). “Per noi è un grande risultato che dopo la bocciatura del rapporto in Commissione le raccomandazioni siano state respinte. C’è stato un respingimento totale della linea De Sutter. Il Consiglio d’Europa ha ribadito che oltre ai diritti dei bambini ci sono anche i diritti delle donne, che non esiste una distinzione chiara e precisa tra maternità surrogata commerciale e altruistica“.

Ai fini della bocciatura ha influito molto anche la campagna intrapresa da Milena Santerini (Democrazia solidale-Centro democratico), che aveva organizzato un seminario per evidenziare che “la raccomandazione al voto non mira a difendere i diritti dei minori nati dalla maternità surrogata, ma piuttosto a validare la pratica dell’utero in affitto“. Altra pressione pesante quella delle femministe dell’associazione francese Corps, capitanate da Silvyane Agacinski e Laurence Dumont, che hanno personalmente scritto a tutti i parlamentari per esprimere il loro dissenso. Un gesto che suona quasi intimidatorio.

Dura la condanna dell’associazione radicale Certi Diritti: ecco il comunicato stampa appena diffuso.

 

IL CONSIGLIO D’EUROPA NON APPROVA IL RAPPORTO SULLA GPA: CONTENTI PROIBIZIONISTI E I PAESI CHE NON HANNO REGOLAMENTAZIONI ETICHE STRINGENTI

L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha bocciato il timidissimo rapporto sulla gestazione per altri che chiedeva l’introduzione per la difesa dei diritti dei minori nati grazie alla Gpa.

I proibizionisti nostrani ed europei preferiscono non guardare alle questioni in gioco e nascondersi dietro la rassicurante ideologia dei divieti tout court per la felicità di quei Paesi, come l’Ucraina e la Federazione Russa, che prosperano sull’assenza di regole a tutela delle donne e di tutte le parti coinvolte.

Non a caso la maggioranza dei rappresentanti ucraini hanno votato contro il rapporto: i divieti negli altri Paesi favorisce il turismo riproduttivo, anche verso l’Ucraina.

I gruppi che hanno votato in maggioranza a favore sono stati quelli della Sinistra Europea Unita (a favore all’unanimità), l’Alleanza dei Liberali e dei democratici e i socialisti, ma in Italia il proibizionismo ha sfondato le tradizionali linee di divisione politica con buona pace del principio di autodeterminazione della donna e della scelte riproduttive.

L’unica soluzione per rispettare i diritti umani di tutte le parti coinvolte è la regolamentazione della gestazione per altri secondo principi etici sintetizzati in questo documento, non la sua proibizione.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Valium 12.10.16 - 19:57

E oggi per posta titolone dell'Avvenire a lettere cubitali!

Avatar
fabulousone 12.10.16 - 15:00

Come al solito l'Italia prende una posizione di retroguardia. E in questo è piuttosto compatta; pure i cinque stelle, che si sono presentati come forza politica moderna e innovatrice hanno votato contro. Le femministe retrograde, alleate con varie forze cattoliche, sono riuscite a imporre il loro 'no' e hanno dimostrato in pieno quanto le loro posizioni siano ottuse, moraliste, proibizioniste, liberticide. E come risultato in tutto questo, al di là di quello che accade in alcune nazioni dell'est, ci vanno di mezzo i sogni e la libertà delle persone, di ognuno e ognuna di noi.

Trending

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24

Continua a leggere

Europee 2024: il Pd candida Marco Tarquinio, ex direttore dell'Avvenire contrario al matrimonio egualitario? - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024: il Pd candida Marco Tarquinio, ex direttore dell’Avvenire contrario al matrimonio egualitario?

News - Federico Boni 28.3.24
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
Gaynet - campagna terapie riparative

L’oppressione nascosta, terapia riparativa per una persona LGBTIQ+ su quattro, il dato shock dell’Unione Europea

News - Redazione Milano 15.5.24
Armenia LGBT

Cos’è la Gayropa: “Quasi tutti gli Europei sono gay, noi no!”, così parlano i giovani in Armenia

News - Redazione Milano 8.5.24
TikTok Commissione Europea indagine

TikTok ci riduce a conigli intrappolati nella tana, manipola la salute mentale di minori e giovani, e crea dipendenza: l’Unione Europea apre indagine

Culture - Mandalina Di Biase 21.2.24
Giorgia Meloni natalita denatalita gpa aborto

L’Italia di Meloni fa ancora meno figli, ma la colpa è delle donne e degli omosessuali

Corpi - Giuliano Federico 12.5.24
georgia-legge-anti-lgbt

Legge anti-LGBTI, così La Georgia potrebbe sabotare il proprio ingresso nell’Unione Europea

News - Francesca Di Feo 2.5.24
Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi "GPA reato universale" del governo Meloni - famiglie arcobaleno parlamento - Gay.it

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi “GPA reato universale” del governo Meloni

News - Redazione 4.4.24