Petra de Sutter, prima ministra trans d’Europa: “Da bambina pregavo Dio, “fammi svegliare come una donna””

"Ero molto depressa, molto infelice, ho avuto tendenze suicide. Ma sono sopravvissuta", ha confessato la neo vice-premier belga.

Petra de Sutter, prima ministra trans d'Europa: "Da bambina pregavo Dio, "fammi svegliare come una donna"" - Petra De Sutter 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Tre settimane fa Petra de Sutter ha riscritto la Storia, diventando la prima vice premier nonché prima ministra transgender d’Europa, in Belgio.

57enne medico, è stata direttrice del dipartimento di medicina riproduttiva dell’ospedale di Ghent. Nel 2004 il passo decisivo per la sua transizione: “Sono sempre stata una donna, la gente non lo vedeva. Non mi stavo nascondendo, ma combattevo contro me stessa. Ho fatto la transizione quando avevo 40 anni perché avevo difficoltà ad accettare e a capire cosa mi stesse succedendo. Non voglio essere ridotta al mio essere transgender. Voglio che la gente parli di me per il mio lavoro, per le mie azioni politiche ”.

Petra ha ora rilasciato un’intervista a El País in cui ha apertamente parlato di tutto. “Per favore, smettiamo di discriminare le persone per essere diverse, per sentirsi diverse, per avere una pelle o una religione diversa. Viviamo in un mondo altamente polarizzato, alimentato dai social media, in cui tutto diventa “noi contro di loro”. Siamo noi europei contro i migranti; i credenti dell’ordine naturale contro l’omosessuale e il transgender degenerato; Cattolici e cristiani contro l’Islam; bianchi contro neri. Fermiamoci adesso. Stiamo giudicando le persone in base a pezzi della loro identità, quando non è quello che sono veramente. Obama era molto più di un “uomo di colore” quando è diventato presidente degli Stati Uniti. Qui da noi Elio di Rupo, un uomo gay, è diventato primo ministro del Belgio anni or sono. E non ha fatto notizia. Siamo una società abbastanza emancipata con un quadro giuridico che protegge persone diverse. Ecco perché spero che il mio esempio generi un dibattito nel resto del mondo, dove le persone sono ancora discriminate. Non diventi ministro e vice primo ministro per la tua identità di genere o per il tuo orientamento sessuale, ma per le tue capacità. Ma in altri paesi la reazione è stata diversa. E, naturalmente, in Belgio ci sono stati anche commenti dell’estrema destra, a cui sono abituata da molto tempo”.

Petra ha poi parlato della sua transizione. “Un viaggio doloroso, come per tanti. Non c’era quasi nessuna informazione, non c’era Internet. Sono cresciuta in un ambiente molto conservatore e cattolico. Da adolescente mi sentivo diversa. Mi sono sentito sola. Stavo male. Mi sentivo peccatrice. Mi ci sono voluti 40 anni per capire cosa mi stava succedendo, cosa dovevo fare se volevo sopravvivere. Ero molto depressa, molto infelice, ho avuto tendenze suicide. Ma sono sopravvissuta. Ho preso le decisioni necessarie per trovare aiuto ed essere chi ero veramente. Non cambi il tuo sesso, adatti il ​​tuo corpo al tuo genere. Non mi sono mai sentita un uomo, avevo solo un corpo che non si adattava. Da bambina pregavo Dio ogni notte: per favore fammi svegliare come una donna”.

Dopo la transizione, Petra ha iniziato una nuova vita. “Mi ha dato una nuova visione del mondo. Sono stata cresciuta con molti pregiudizi. Ma quando all’improvviso mi sono resa conto di essere diventata “l’altro”, l’emarginata, la strana, quella pericolosa, la mia visione è cambiata. Mi ha reso tollerante. Tendiamo tutti a giudicare che ciò che vediamo sia in un certo modo, ma la maggior parte delle volte ci sbagliamo. Mi ha reso un medico migliore, perché all’improvviso ero la paziente, una delle peggiori. E penso che mi renda anche una buona politica. Ho imparato ad ascoltare, a capire le persone. E questa è la chiave nei negoziati: capire perché qualcuno difende una visione diversa del mondo. In caso negativo, come troverò un terreno comune per arrivare ad un accordo? La politica non è avere ragione, ma trovare soluzioni. Ho anche la sensazione di non poter sprecare il mio tempo. Per quarant’anni sono stato bloccata nella mia mente. Mi sono liberata dalla mia prigione. Questo mi dà energia e senso di responsabilità. Viviamo in tempi storici. Ci sono così tante crisi da affrontare, così tante cose di cui la società ha bisogno. La crisi climatica è il grande problema, e anche il coronavirus, ovviamente, che oggi è la priorità ”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Continua a leggere

L'attrice transgenere Hunter Schafer e lo sviluppatore di videogiochi Hideo Kojima di Kojima Productions, con cui collabora per il videogioco horror OD realizzato insieme al regista Jordan Peele

Hunter Schafer diventa protagonista del videogioco horror di Jordan Peele e Hideo Kojima

Culture - Matteo Lupetti 12.12.23
20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - AH 20000speciediapi foto3 - Gay.it

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome

Cinema - Federico Boni 7.12.23
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
Dylan Mulvaney Blue Christmas

Il Blue Christmas transgender di Dylan Mulvaney è una bomba

Musica - Mandalina Di Biase 18.12.23
Photo: Rogelio V. Solis

ll Parlamento inglese accoglie il primo panel per la tutela dellə bambinə trans*

News - Redazione Milano 7.2.24
Lino Guanciale in "Ho paura torero": un’occasione sprecata - Sessp 19 - Gay.it

Lino Guanciale in “Ho paura torero”: un’occasione sprecata

Culture - Federico Colombo 15.1.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24