Emanuele Crialese: “Sono nato biologicamente donna. Poi dovevo scegliere se vivere o morire”

"Non si sceglie di intraprendere un percorso del genere. Ci si nasce. Io non ho ricordi di me che mi percepivo diversamente da quello che poi sono stato. Si arriva al mondo così".

ascolta:
0:00
-
0:00
Emanuele Crialese: "Sono nato biologicamente donna. Poi dovevo scegliere se vivere o morire" - Emanuele Crialese - Gay.it
3 min. di lettura

Emanuele Crialese: "Sono nato biologicamente donna. Poi dovevo scegliere se vivere o morire" - Emanuele Crialese a Venezia - Gay.it

La conferenza stampa più attesa e delicata di Venezia 79. Emanuele Crialese è sbarcato oggi alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia per presentare L’Immensità, suo atteso ritorno dopo quasi 10 anni d’assenza accompagnato alla vigilia dal coming out del regista sulle pagine di Variety.

Crialese ha immediatamente rotto il ghiaccio, esplicitando quanto all’interno di Variety era apparso poco approfondito.

“Questo è un lavoro sulla memoria, sull’autobiografia. Il personaggio di Adriana è nessuno, che sono io. È ispirato alla mia infanzia, alla mia storia, transfigurata. Sono nata biologicamente come donna. Non sarò mai come un altro uomo, ma ciò non significa che non ci sia in me quella parte femminile che penso sia anche la parte migliore di me in quanto uomo. Io sono quello che sono e mantengo entrambe le polarità. In questo film ho provato a trovare una chiave che non fosse autoreferenziale, che non parlasse soltanto di me, di rappresentare in chiave più universale temi che mi stanno più a cuore. Come la migrazione, da dove io arrivo, la migrazione dell’anima che può essere anche una transizione, ovvero il movimento che facciamo da uno stato all’altro. Temi che in questo film ho ripreso”.

Il regista, classe 1965, ha poi ricordato la propria adolescenza, con la difficile gestione di una transizione all’epoca assai più complicata, rispetto ad oggi.

“Sono figlio del mio tempo, il mio percorso è stato molto diverso da quello che potrebbe essere il percorso di un ragazzo di oggi. La cosa importante è stato riuscire a trasformare quel dolore, ricreando delle storie. Ad un certo punto ho dovuto fare una scelta, che non è la solita scelta dell’essere o non essere, ma la scelta di vivere o morire. Non si sceglie di intraprendere un percorso del genere. Ci si nasce. Io non ho ricordi di me che mi percepivo diversamente da quello che poi sono stato. Si arriva al mondo così. La scelta diventa quella di continuare a credere in sè o morire. Non ci sono altre alternative. La libertà che il percorso artistico mi ha dato è stata la prima forma di libertà che ho toccato con mano. Perché mi sembrava tutto sbagliato. Peggio di me è stata mia madre. Mia madre si nascondeva insieme a me. Era una donna che negli anni ’70 e ’80 era sola con questo problema. Per me era un modo di esistere, per lei era un problema e lo era anche per me perché per lei era un problema. Siamo sempre stati molto complici, ma lei soffriva del suo dolore e il soffrivo del suo dolore provocato da me. A volte da soli è molto meglio, perché si è responsabili del dolore dell’altro”.

Ad interpretare Emanuele in sala la giovanissima Luana Giuliani, che ha subito colpito il regista. “Luana l’ho riconosciuta appena l’ho vista. Ho riconosciuto una reincarnazione. Mi sono riconosciuto nei suoi occhi. I suoi occhi mi portavano a vedere mio padre, mia madre, i miei fratelli. Guardandola mi sono spesso perso“.

Luana, dal canto suo, si è detta “felice di aver potuto interpretare Emanuele quando era piccolino“. Al fianco di Crialese, in cabina di sceneggiatura, si sono trovati Vittorio Moroni e Francesca Manieri, che ha così raccontato la genesi dello script. “È sempre difficile entrare nella memoria di un altro. Emanuele è sempre stato il mio regista dell’anima. Ho sentito subito il carattere universale della storia. Emanuele è un autore, e un autore ha uno sguardo assoluto sulla realtà. Abbiamo perimetrato il senso, il contenuto di questo racconto. Questo è un film che non ha a che fare con l’identità transgender, ma ha a che fare con un’affermazione sull’identità, che è un fatto di relazioni umane, non è un mercato individuale in cui noi scegliamo chi siamo. È un modo etico di stare al mondo interrogando le persone che amiamo di più. Il cinema di Crialese è un cinema politico in modo sublime, senza esserlo del tutto, perché interroga noi sulla frontiera di libertà“.

L’Immensità, trainato da Penélope Cruz, uscirà in sala il 15 settembre.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Douglas Carolo e Michele Caglioni arrestati il 29 Febbraio

Cosa non sappiamo di Douglas Carolo e Michele Caglioni, presunti assassini di Andrea Bossi

News - Redazione Milano 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24

Continua a leggere

transgender foto da truhout

Novembre mese della consapevolezza Transgender, perché è importante

Corpi - Redazione Milano 1.11.23
Angelica Ross di Pose e AHS annuncia che "lascerà Hollywood" per buttarsi in politica - Angelica Ross di Pose - Gay.it

Angelica Ross di Pose e AHS annuncia che “lascerà Hollywood” per buttarsi in politica

Cinema - Redazione 26.9.23
transgender Harli Marten su Unsplash

Pazienti trans e gender diverse: le 10 Raccomandazioni Assisi per un’oncologia più inclusiva

Corpi - Francesca Di Feo 21.10.23
Dolly Parton in difesa della comunità trans: "Siamo tuttə figli di Dio e il modo in cui siamo è ciò che siamo" - Dolly Parton - Gay.it

Dolly Parton in difesa della comunità trans: “Siamo tuttə figli di Dio e il modo in cui siamo è ciò che siamo”

Musica - Redazione 6.11.23
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
liz truss diritti lgbtq rights

Regno Unito, l’ex premier Liz Truss vuole vietare la transizione di genere ai minori di 18 anni

News - Redazione 4.12.23
Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici - Il secondo miglior ospedale della galassia - Gay.it

Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici

Serie Tv - Redazione 7.2.24
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24