Emanuele Crialese: “Sono nato biologicamente donna. Poi dovevo scegliere se vivere o morire”

"Non si sceglie di intraprendere un percorso del genere. Ci si nasce. Io non ho ricordi di me che mi percepivo diversamente da quello che poi sono stato. Si arriva al mondo così".

ascolta:
0:00
-
0:00
Emanuele Crialese: "Sono nato biologicamente donna. Poi dovevo scegliere se vivere o morire" - Emanuele Crialese - Gay.it
3 min. di lettura

Emanuele Crialese: "Sono nato biologicamente donna. Poi dovevo scegliere se vivere o morire" - Emanuele Crialese a Venezia - Gay.it

La conferenza stampa più attesa e delicata di Venezia 79. Emanuele Crialese è sbarcato oggi alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia per presentare L’Immensità, suo atteso ritorno dopo quasi 10 anni d’assenza accompagnato alla vigilia dal coming out del regista sulle pagine di Variety.

Crialese ha immediatamente rotto il ghiaccio, esplicitando quanto all’interno di Variety era apparso poco approfondito.

“Questo è un lavoro sulla memoria, sull’autobiografia. Il personaggio di Adriana è nessuno, che sono io. È ispirato alla mia infanzia, alla mia storia, transfigurata. Sono nata biologicamente come donna. Non sarò mai come un altro uomo, ma ciò non significa che non ci sia in me quella parte femminile che penso sia anche la parte migliore di me in quanto uomo. Io sono quello che sono e mantengo entrambe le polarità. In questo film ho provato a trovare una chiave che non fosse autoreferenziale, che non parlasse soltanto di me, di rappresentare in chiave più universale temi che mi stanno più a cuore. Come la migrazione, da dove io arrivo, la migrazione dell’anima che può essere anche una transizione, ovvero il movimento che facciamo da uno stato all’altro. Temi che in questo film ho ripreso”.

Il regista, classe 1965, ha poi ricordato la propria adolescenza, con la difficile gestione di una transizione all’epoca assai più complicata, rispetto ad oggi.

“Sono figlio del mio tempo, il mio percorso è stato molto diverso da quello che potrebbe essere il percorso di un ragazzo di oggi. La cosa importante è stato riuscire a trasformare quel dolore, ricreando delle storie. Ad un certo punto ho dovuto fare una scelta, che non è la solita scelta dell’essere o non essere, ma la scelta di vivere o morire. Non si sceglie di intraprendere un percorso del genere. Ci si nasce. Io non ho ricordi di me che mi percepivo diversamente da quello che poi sono stato. Si arriva al mondo così. La scelta diventa quella di continuare a credere in sè o morire. Non ci sono altre alternative. La libertà che il percorso artistico mi ha dato è stata la prima forma di libertà che ho toccato con mano. Perché mi sembrava tutto sbagliato. Peggio di me è stata mia madre. Mia madre si nascondeva insieme a me. Era una donna che negli anni ’70 e ’80 era sola con questo problema. Per me era un modo di esistere, per lei era un problema e lo era anche per me perché per lei era un problema. Siamo sempre stati molto complici, ma lei soffriva del suo dolore e il soffrivo del suo dolore provocato da me. A volte da soli è molto meglio, perché si è responsabili del dolore dell’altro”.

Ad interpretare Emanuele in sala la giovanissima Luana Giuliani, che ha subito colpito il regista. “Luana l’ho riconosciuta appena l’ho vista. Ho riconosciuto una reincarnazione. Mi sono riconosciuto nei suoi occhi. I suoi occhi mi portavano a vedere mio padre, mia madre, i miei fratelli. Guardandola mi sono spesso perso“.

Luana, dal canto suo, si è detta “felice di aver potuto interpretare Emanuele quando era piccolino“. Al fianco di Crialese, in cabina di sceneggiatura, si sono trovati Vittorio Moroni e Francesca Manieri, che ha così raccontato la genesi dello script. “È sempre difficile entrare nella memoria di un altro. Emanuele è sempre stato il mio regista dell’anima. Ho sentito subito il carattere universale della storia. Emanuele è un autore, e un autore ha uno sguardo assoluto sulla realtà. Abbiamo perimetrato il senso, il contenuto di questo racconto. Questo è un film che non ha a che fare con l’identità transgender, ma ha a che fare con un’affermazione sull’identità, che è un fatto di relazioni umane, non è un mercato individuale in cui noi scegliamo chi siamo. È un modo etico di stare al mondo interrogando le persone che amiamo di più. Il cinema di Crialese è un cinema politico in modo sublime, senza esserlo del tutto, perché interroga noi sulla frontiera di libertà“.

L’Immensità, trainato da Penélope Cruz, uscirà in sala il 15 settembre.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24

Continua a leggere

george-lori-schappel-siamesi-morte

Addio a Lori e George Schappell, lǝ più longevǝ gemellǝ siamesi al mondo: uno di loro era trans

News - Francesca Di Feo 15.4.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
Atlete trans svantaggiate rispetto a quelle cisgender, i risultati di uno studio - Lia Thomas foto - Gay.it

Atlete trans svantaggiate rispetto a quelle cisgender, i risultati di uno studio

Corpi - Francesca Di Feo 24.4.24
Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese - Lucy Clark - Gay.it

Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese

Corpi - Redazione 2.2.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Photo: Rogelio V. Solis

ll Parlamento inglese accoglie il primo panel per la tutela dellə bambinə trans*

News - Redazione Milano 7.2.24
Foto: MARTIN BUREAU

Grindr si fa più inclusivo per le persone trans* (ma è già polemica!)

News - Redazione Milano 8.2.24
Paper Mario, il remake Nintendo ripristina l'identità trans originale di Vivian - Paper Mario il remake Nintendo ripristina lidentita trans originale di Vivian - Gay.it

Paper Mario, il remake Nintendo ripristina l’identità trans originale di Vivian

Culture - Redazione 23.5.24