Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

100 squadre, due delle quali composte unicamente da persone trans, e oltre 3.500 atleti provenienti da quattro Continenti. “Sarà l’edizione più grande di sempre”.

ascolta:
0:00
-
0:00
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it
In from the Side, il film
4 min. di lettura

Ormai ci siamo. Dal 23 al 26 maggio Roma ospiterà l’XI edizione della Bingham Cup, con più di 100 squadre e oltre 3.500 atleti provenienti da quattro Continenti che sui campi da rugby della Capitale daranno vita ad uno spettacolo unico nel suo genere per promuovere, oltre ai valori intrinseci del rugby come rispetto dell’avversario, rispetto delle regole e sostegno, anche quelli di inclusione e diversità.

Proprio in virtù di questo concetto la Bingham Cup capitolina sarà la prima a permettere esplicitamente alle persone transgender di poter giocare liberamente, con tanto di match dimostrativo di due squadre composte da sole persone transgender, per esplicitare come l’inclusione di tutti e tutte, nello sport, ed in particolare nel rugby, sia possibile.

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - Bingham Cup - Gay.it
Bingham Cup 2024

La Bingham Cup 2024, manifestazione sportiva amatoriale internazionale che celebra l’inclusione e la passione per lo sport, è stata presentata il 17 maggio in Campidoglio. Una data tutt’altro che casuale, celebrando la Giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la transfobia e la bifobia.

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - Roma Bingham Cup 2024 - Gay.it

Presenti all’evento, moderato dal giornalista Daniele Piervincenzi anche l’Assessore allo Sport, Turismo, Moda e Grandi Eventi di Roma Capitale, Alessandro Onorato, il Direttore regionale degli Affari della Presidenza, Turismo, Audiovisivo e Sport della Regione Lazio, Paolo Giuntarelli, il Presidente della Federazione Italiana Rugby, Marzio Innocenti, il Presidente del Comitato Organizzatore della “Bingham Cup – Roma 2024), Gianmarco Forcella, e, in platea, Mario Colamarino (Presidente del circolo di cultura omosessuale “Mario Mieli”), Marilena Grassadonia (Responsabile “Diritti e Libertà, politiche contro le discriminazioni” del partito, nonché Coordinatrice Ufficio Diritti LGBT+ di Roma Capitale) e Antonio Parrilla (Funzionario apicale del Servizio Comunicazione, Affari internazionali, Studi e Ricerche del Dipartimento dello Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri).

Roma Capitale è orgogliosa di sostenere la Bingham Cup, un’importante manifestazione internazionale per la promozione dei diritti nello sport che vedrà la partecipazione di oltre 100 squadre con più di 3.500 atleti provenienti da quattro Continenti – ha detto il Sindaco di Roma Capitale, Roberto GualtieriAttraverso il Rugby, uno sport che ha in lealtà e rispetto i suoi valori fondanti, la nostra città vivrà 4 giorni all’insegna dell’inclusività per fare sempre più di Roma una capitale di tutti e tutte“.

Lo stesso primo cittadino ha così celebrato il 17 maggio, Giornata Internazionale contro l’Omobitransfobia: “Roma Capitale conferma l’impegno contro ogni forma di discriminazione e violenza a fianco della comunità lgbtqia+ della nostra città. Lo stiamo facendo attraverso azioni concrete che vanno dall’apertura di sportelli LGBT+ in tutti i Municipi della città alla trascrizione dei certificati di nascita esteri con due mamme, da iniziative culturali e formative all’apertura di case per persone transgender e migranti lgbt+. Festeggiare quest’anno i 30 anni del Roma Pride sarà un’ulteriore spinta per andare avanti sulla strada dei diritti. Ci vediamo il 15 giugno!“.

L’organizzazione della Bingham Cup 2024, manifestazione che si svolge sotto l’egida dell’IGR (International Gay Rugby), viene ad ogni edizione organizzata da una squadra del Paese ospitante. Per l’edizione di Roma 2024, conquistata dopo 28 mesi di lavoro, l’IGR ha scelto come squadra organizzatrice Libera Rugby Asd, la prima squadra di rugby inclusiva d’Italia e che ha sede nella Capitale.

Mercoledì 22 maggio, dalle 19:30 al Palatiziano, si svolgerà la Cerimonia di apertura, con la presenza sugli spalti di tutti gli atleti partecipanti, oltre ai circa 200 volontari che hanno aderito al programma e che durante tutto lo svolgimento dell’evento saranno un elemento fondamentale alla sua riuscita.

Nata nel 2002 e giunta alla XI edizione, la Bingham Cup è il principale evento globale che promuove il rugby come sport inclusivo e non discriminatorio. Il torneo deve il suo nome a Mark Kendall Bingham, imprenditore statunitense gay ed ex rugbista che l’11 settembre 2001 si trovava sul volo United Airlines 93 dirottato da terroristi e che, grazie alla rivolta dei passeggeri, non si abbatté su Washington ma precipitò a Shanksville, in Pennsylvania. La prima edizione del Torneo sotto l’egida dell’IGR si è svolta nel 2002 a San Francisco (Stati Uniti) dove Bingham aveva fondato, insieme ad alcuni suoi amici, i San Francisco Fog, prima squadra statunitense aperta anche agli omosessuali. Dopo la sua morte i compagni di squadra contribuirono a fondare la International Gay Rugby Associations and Boards (IGRAB), che promosse nel 2002 la prima “Coppa del Mondo Lgbt di rugby”.

La competizione assunse solo in seguito la denominazione di Bingham Cup e iniziò a svolgersi in città di tutto il mondo con cadenza biennale, diventando nel tempo, in termini di numero di partecipanti, la manifestazione rugbistica seconda solo alla Coppa del Mondo. Libera Rugby ha presentato la candidatura con il sostegno di Roma Capitale, della Federazione Italiana Rugby (FIR) e dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) della Presidenza del Consiglio e gode del patrocinio anche di Sport e Salute SpA, CONI, Regione Lazio, Croce Rossa Italiana e del Circolo di Cultura Omosessuale “Mario Mieli”.

Lo scopo è quello di rendere questa edizione della Bingham Cup ancora più memorabile e significativa, evidenziano il ruolo dello Sport come veicolo di inclusione piena e costruzione di relazioni positive di rispetto e parità, esprimendo appieno l’art. 33 della Costituzione Italiana, modificato di recente.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

aics-sport-inclusione-intervista-bruno-molea

Da GayCS al tesseramento ALIAS, la storia di AiCS nel promuovere l’inclusione nello sport – Intervista al presidente Bruno Molea

Corpi - Francesca Di Feo 5.1.24
camara-squalificato-omofobia

Il centrocampista Mohamed Camara squalificato dopo aver coperto il logo della campagna anti-omofobia della Federcalcio francese

News - Francesca Di Feo 31.5.24
La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: "L'amore per il pallone la batte" - Campagna social contro lomofobia 1200x686 copia - Gay.it

La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: “L’amore per il pallone la batte”

Corpi - Redazione 16.5.24
Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: "Il calcio non è da fr*ci" - Matt Turner e Vinicius - Gay.it

Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: “Il calcio non è da fr*ci”

News - Redazione 27.3.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Christian, Dastan e la proposta di nozze tra le nuvole a 6.190 metri di altezza sulla vetta del Denali - Christian Dastan e la magnifica proposta di nozze a 6190 metri di altezza sulla vetta del Denali - Gay.it

Christian, Dastan e la proposta di nozze tra le nuvole a 6.190 metri di altezza sulla vetta del Denali

News - Redazione 5.6.24
Carolina Morace

Europee 2024, intervista a Carolina Morace (M5S): “Pace e diritti, sì alla GPA regolamentata. Atlete trans? È difficile”

News - Federico Boni 13.5.24
Tom Daley torna in acqua dopo due anni e vince subito un oro. È pronto per le Olimpiadi di Parigi - Tom Daley oro - Gay.it

Tom Daley torna in acqua dopo due anni e vince subito un oro. È pronto per le Olimpiadi di Parigi

Corpi - Redazione 20.12.23