Monica Romano: “Basta step costosi e umilianti per le persone trans* e non binarie, siamo cittadinə d’Italia”

Prima persona transgender eletta al Consiglio comunale di Milano, Romano ha raccontato la sua storia, il suo lungo e doloroso percorso, condiviso con migliaia di persone trans* e non binarie dal 1982 ad oggi.

ascolta:
0:00
-
0:00
Monica Romano: "Basta step costosi e umilianti per le persone trans* e non binarie, siamo cittadinə d'Italia" - Monica Romano 2 - Gay.it
Monica Romano
2 min. di lettura

Esattamente 40 anni fa, per quanto sembri incredibile, l’Italia era un Paese all’avanguardia. Con la legge numero 164 del 14 aprile 1982, approvata durante il Governo Spadolini I, il nostro divenne il terzo Paese al mondo, dopo Svezia (1972) e Germania (1980), a consentire alle persone transgender di cambiare legalmente sesso. 40 anni dopo quella legge è rimasta invariata, invecchiando malamente, costringendo migliaia di cittadini a compiere un’odissea tra medici, avvocati, tribunali.

A ricordarlo, nel mese del Pride Month, Monica Romano, 43enne nonché prima persona transgender eletta al Consiglio comunale di Milano nella storia della città.

“Quando ero unə ragazzə, ormai qualche anno fa, intrapresi un percorso di affermazione di genere per poter essere finalmente me stessə. Dovetti andare da un medico psichiatra a dire che io ero… me”, ha scritto Monica, raccontando un tortuoso percorso che accomuna tutte le persone trans in Italia. “Dovetti sborsare migliaia di euro che non avevo – vengo da una famiglia meravigliosamente modesta – per pagare una valutazione psichiatrica imposta, in quanto obbligatoria, e un avvocato. Fui costretta a rivelare dettagli della mia vita intima a perfetti sconosciuti, a interloquire con un pubblico ministero – io che non avevo mai preso neanche una multa – e a rivelare a estranei come era fatto il mio corpo, affinché potessero… “valutarlo””.

Verità a molti sconosciute, perché le persone trans in questo Paese sono le più invisibili tra gli invisibili, il più delle volte volutamente accompagnate da diffamante disinformazione. “Ho vissuto per anni con un nome maschile sui documenti perché queste sono le tempistiche che l’Italia prevede”, ha sottolineato Romano. “Non avrò indietro i miei soldi, ma soprattutto quegli anni, anni che avrei potuto e dovuto vivermi con la spensieratezza della gioventù e che invece se ne sono andati fra la preoccupazione di dover esibire un documento di riconoscimento che non mi corrispondeva nelle situazioni più svariate e il dover gestire due lavori per potermi pagare gli studi, ma anche gli psichiatri, gli psicologi e gli avvocati di cui sopra. Insieme a migliaia di persone transgender, gender-diverse e non binarie italiane, ho subito una violenza agita dalle stesse istituzioni per avere un diritto che mi apparteneva già dalla nascita: quello di poter essere me, il diritto alla mia identità personale”. “Voglio fortemente che tutto questo – l’obbligo di passare attraverso step costosi, umilianti e svilenti – non accada più a nessunə giovane persona transgender e non binaria”, ha ribadito la consigliera comunale, che ha lottato e ottenuto il Registro di Genere a Milano, promettendo che si attiverà affinché “venga promosso anche in altre città d’Italia“.

L’organizzazione Mondiale della Sanità ha stabilito nel 2018 che la transgenerità e la variabilità di genere non sono malattie mentali, ed è ora che l’Italia si adegui e riveda radicalmente gli standard di cura relativi alla popolazione transgender, favorendone il più possibile l’autodeterminazione. Desidero con tutta me stessə che le persone transgender smettano di essere “pazienti” e diventino cittadinə di questo Stato con diritti e doveri, come tutti gli altri.

L’auspicio è che il Registro di Genere sia solo il primo passo per arrivare un domani a conquistare una legge all’avanguardia sul modello delle leggi già approvate in molti stati europei, una nuova legge che ci riconosca – tutte, tutto e tuttə – un diritto di cittadinanza che ancora non c’è“, ha concluso Romano, impeccabile e condivisibile nel suo appellarsi ad una politica troppo spesso cieco, sorda e menzognera, che continua ostinatamente a fare propaganda e campagna elettorale sulla pelle di migliaia di cittadinə.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Stefano De Martino

Stefano De Martino, da ballerino di Amici a volto di punta della nuova Rai

Culture - Luca Diana 27.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24

Hai già letto
queste storie?

Libri LGBT, cinque novità in libreria nella primavera 2024 - Libri LGBT primavera 2024 - Gay.it

Libri LGBT, cinque novità in libreria nella primavera 2024

Culture - Federico Colombo 8.5.24
studio-persone-transgender-gender-non-conforming

Le terapie di affermazione di genere migliorano la qualità della vita del 98% delle persone transgender e gender non conforming

Corpi - Francesca Di Feo 27.2.24
Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque

News - Redazione 14.12.23
stati-uniti-carolina-del-sud-terapie-affermative-minori

Triptorelina, prima di accedervi bisognerà sottoporsi a una terapia riparativa?

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24
Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Castel Volturno: gruppo di donne trans schiavizzava e sfruttava altre ragazze trans

Un gruppo di donne trans schiavizzava altre ragazze trans: 11 arresti

News - Francesca Di Feo 28.3.24