Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

È il 27 gennaio, il giorno in cui ci sforziamo di ricordare e di far luce sulla pagina più buia del nostro passato, affinché non ritorni. Vi consigliamo cinque libri che ci aiutano a far luce intorno alle storie dell’omocausto.

ascolta:
0:00
-
0:00
Libri omocausto Gay.it
4 min. di lettura

In QueerStoria culturale della comunità LGBT+, nel capitolo dedicato alla percezione culturale della comunità LGBT+ negli anni Trenta, Maya De Leo scrive che l’insediamento di Hitler ha subito portato con sé una serie di misure censorie e intimidatorie nei confronti della popolazione queer. Ancor prima che la tragedia si concretizzasse in quel dramma che sono state le deportazioni, i campi di concentramento e i forni crematori, il leader del Terzo Reich ha instillato nelle arterie d’Europa i feroci prodromi di quello che verrà: dapprima mettendo al bando locali notturni associati al malcostume e poi vietando di fatto ogni forma di aggregazione queer. Nella giornata di oggi, in cui commemoriamo tutte le vittime del nazifascismo, vogliamo scrostare il ricordo intorno all’omocausto, riportare alla luce tutti i corpi queer che sono stati travolti dai rastrellamenti, tutte le storie che hanno perso la voce. Ecco cinque libri per iniziare a comprendere la pagina più nera della nostra Storia:

1) Addio a Berlino, Cristopher Isherwood, Adelphi

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più - cover id3115 w600 t1366123727.jpg& - Gay.it

Già a partire dal titolo, Addio a Berlino di Cristopher Isherwood esprime la necessità e il disagio della fuga, la corsa verso la salvezza e la consapevolezza di vivere in un campo minato. Tutti e sei gli episodi che compongono il testo, infatti, raccontano le vicende di alcuni personaggi immersi nello spirito della Germania prenazista. Tra questi, Peter e Otto, una giovane coppia di omosessuali, costretti ad assistere alle violenze militari nei confronti della comunità LGBT+ europea. Facile scorgere nei profili di questi protagonisti il volto dello stesso Isherwood, che dopo aver osservato da vicino le prime prevaricazioni naziste scappa da Berlino, consegnando qualche anno più tardi alla Hogarth Press (la casa editrice di Virginia e Leonard Woolf) questo testo tragico e bellissimo.

2) In Italia sono tutti maschi, Luca De Santis e Sara Colaone, Oblomov

In Italia sono tutti maschi - Luca De Santis,Sara Colaone - copertina

È il 1938 quando l’Italia fascista promulga le sue leggi razziali che, a differenza di quelle di Norimberga, non fanno alcun riferimento alla popolazione omosessuale. In Italia, nell’Italia del Super Uomo e del tiranno-patriarca, gli omosessuali non esistono. L’omosessualità è una macchia sulla virilità del paese, una minaccia all’immagine immacolata del maschio mediterraneo potente e armato. Gli omosessuali spariscono dai censimenti, dalle retoriche e dalla legislazione, ma nel silenzio generale vengono mandati al confino. In Italia sono tutti i maschi, il graphic novel pluritradotto e pluripremiato di Luca De Santis e Sara Colaone, mette le radici in queste vicende e racconta la storia di  Antonio Angelicola detto “Ninella” e dei suoi compagni di esilio, spediti da Mussolini sull’Isola di San Domino, nell’arcipelago delle Tremiti.

3) Gli occhiali d’oro – Giorgio Bassani, Feltrinelli

Gli occhiali d'oro - Giorgio Bassani - copertina

Nello stesso periodo è ambientato anche Gli occhiali d’orotra i romanzi più amati del ferrarese Giorgio Bassani, che qui racconta la storia di due solitudini intrecciate, di un’emarginazione comune e nascosta dietro all’opulenza di una Ferrara ancora inconsapevole di essere sull’orlo del precipizio e alla vigilia della tragedia scatenata dalle leggi razziali. A narrare in prima persona è un adolescente, che concentra il suo sguardo sulle vicende di Athos Fadigati, otorinolaringoiatra di chiara fama, appassionato di lettere e cinema. La sua vita precipita in fretta, la stima nei suoi confronti si trasforma presto in scherno e chiacchiericcio. Ferrara inizia a parlare, dice che Fadigati pare avere un guasto, pare essere fallato, impreciso, difettoso. Ferrara parla e dice che Fadigati è un pederasta e allora inizia l’incubo, soprattutto quando nasce l’amore – solido e intimidito – per il giovane Deliliers, soprattutto quando i venti del nazismo iniziano a soffiare sempre più impetuosi verso l’Italia. Se al cinema avete amato Il signore delle formiche di Gianni Amelio, allora non rimarrete indifferenti a questa storia.

4) Gli uomini con il triangolo rosa, Heinz Heger, Sonda

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più - 645 p - Gay.it

Una testimonianza come quella di Heinz Heger non può non essere presa in considerazione in una giornata così importante, che abbisogna anche di voci come questa, voci ferite, sopravvissute a fatica, sofferenti. Per riaccostare le maglie della memoria e non dimenticare mai serve anche affidarsi alle deposizioni di chi c’è stato ed è sopravvissuto, di chi si è salvato. Heinz Heger, deportato nei campi di concentramento di Sachsenhausen e di Flossenbürg, racconta la miseria dei rastrellamenti e la vergogna del triangolo rosa. Tra lavori forzati, torture, paure e alleanze con il nemico, Heger si è salvato. Questa è la sua storia. 

5) Il nemico dell’uomo nuovo, Lorenzo Benadusi, Feltrinelli

Tra gli obiettivi e gli strumenti del fascismo, lo sappiamo, c’è anche la costruzione di un’identità nazionale nuova, un’identità fortemente connotata sessualmente, un’identità radicalmente virile, maschia più che maschile. Il fascismo vuole cancellare l’uomo liberale, l’antifascista con le sue presunte mollezze, per lasciare spazio all’uomo nuovo, quello convintamente fascista, il militare capace di lottare per la patria e la famiglia. Vien da sé, dunque, che l’omosessuale è un intralcio al disegno mussoliniano, è l’imprevisto da far rientrare, l’errore da correggere. In Il nemico dell’uomo nuovo Lorenzo Benadusi copre un vuoto storiografico e fa il punto sulla storia dell’omosessualità negli anni del fascismo facendo ricorso a fonti e materiali spesso inediti.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24

Continua a leggere

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?" - Nemo - Gay.it

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?”

Musica - Redazione 4.6.24
Alessandra Mussolini difende il Pride e critica il governo Meloni: "Faccia passi avanti sui diritti, cose invereconde sull'aborto" - Alessandra Mussolini - Gay.it

Alessandra Mussolini difende il Pride e critica il governo Meloni: “Faccia passi avanti sui diritti, cose invereconde sull’aborto”

News - Redazione 17.6.24
joe biden pride month 2023 gay pride stati uniti lgbtiq+ trans kids

Joe Biden concede la grazia a migliaia di militari in passato condannati per sesso gay nelle forze armate

News - Federico Boni 27.6.24
Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24
Jill Biden: "Donald Trump è pericoloso per la comunità LGBTQ+ e per gli Stati Uniti" - Jill Biden - Gay.it

Jill Biden: “Donald Trump è pericoloso per la comunità LGBTQ+ e per gli Stati Uniti”

News - Redazione 16.4.24
molise-pride-francesco-roberti

Molise, il presidente regionale Francesco Roberti attacca il Pride: “Vanno lì vestiti come pagliacci”. La risposta di Arcigay.

News - Francesca Di Feo 24.6.24
Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: "Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci" - Riccardo Saccotelli carabiniere sopravvissuto alla strage di Nassiriya replica a Vannacci - Gay.it

Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: “Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci”

News - Redazione 9.5.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24