Pillon e Adinolfi sul caso Ciro/Maria Paola: “L’omotransfobia non c’entra niente, sciacallaggio politico e ideologico”

Questa la strada che la destra sovranista e ultracattolica ha deciso di percorrere. Sviare l'informazione, cancellando ogni traccia eventuale di 'omotransfobia' da questa drammatica storia.

Pillon e Adinolfi sul caso Ciro/Maria Paola: "L'omotransfobia non c'entra niente, sciacallaggio politico e ideologico" - Pillon e Adinolfi - Gay.it
2 min. di lettura

Partiamo da una premessa fondamentale. Il gip del Tribunale di Nola ha convalidato l’arresto di Michele Antonio Gaglione, 30enne fermato con l’accusa di aver provocato la morte della sorella, speronando lo scooter su cui viaggiava insieme all’amato Ciro, ragazzo FtoM. Michele Antonio Gaglione aveva negato qualsiasi contatto con lo scooter, nonché la matrice transfobica. Il gip non gli ha creduto.

Premesso ciò arriviamo ai due  del giorno, che volteggiano sulla nostra comunità con tempistiche quasi ossessive. Simone Pillon, senatore leghista che solo pochi giorni fa aveva osato persino scrivere sul tema, è tornato sull’argomento per parlare di colossali strumentalizzazioni. Nostre strumentalizzazioni, non sue e del suo partito.

“I soliti noti, da Cirinnà a Zan, da Boldrini a Scalfarotto fino ai vari esponenti LGBT si sono appropriati di questa tragedia familiare cercando di condirla in salsa omofoba per ottenere quel consenso popolare che fino ad oggi è mancato e poter approvare in volata il PDL Zan”, ha scritto Pillon, riportando le parole di un fantomatico ‘amico di famiglia’ di Michele, in galera con l’accusa di aver ucciso la sorella.

“Pian piano, nelle pieghe del pensiero unico propinato dalla stampa di regime, comincia però ad emergere un’altra versione”, scrive Pillon. “Un amico di famiglia, Bruno Mazza, impegnato nel mondo del volontariato sociale, spiega all’ANSA che il gesto criminale del fratello di Maria Paola non aveva alcun movente omofobico e che anzi, i due fratelli avevano convissuto per anni con uno zio dichiaratamente gay senza che ci fossero problemi di sorta. Allora per favore, andiamoci piano a gridare subito all’omofobo. Michele pagherà per quello che ha fatto, ed è più che giusto così. Ma evitiamo squallide forme di sciacallaggio politico e ideologico”.

Un leghista ultracattolico che accusa altri di “sciacallaggio politico e ideologico”. Se non fosse tutto drammaticamente legato ad un fatto di cronaca, ci sarebbe da ridere. Chissà se l’amico di famiglia intercettato dall’ANSA sia lo stesso amico di famiglia visto a Mattino Cinque pochi giorni fa, incapace di comprendere il significato di omotransfobia. Nel dubbio questo amico di famiglia infanga Ciro, definito come “uno che aveva problemi con la giustizia, e andava a firmare in caserma. Maria Paola dormiva ogni giorno in una casa diversa, non aveva neanche dove farsi la doccia, il problema era questo”.

Ma è chiaramente questa la strada che la destra sovranista e ultracattolica ha deciso di percorrere. Sviando l’informazione,  cancellando ogni traccia eventuale di ‘omotransfobia’, dando spazio e peso solo a chi vuole difendere chi è attualmente in carcere. Michele, il fratello che ha ucciso sua sorella. Ma sarà un processo a stabilire i fatti, le verità, le menzogne di questa brutta storia. Mario Adinolfi, in tal senso, insiste. “La famiglia di Maria Paola ha in casa uno zio gay, omofobi de che? Emerge giorno dopo giorno con maggiore chiarezza lo sciacallaggio di chi ha provato a strumentalizzare una tragedia familiare per far passare la legge Zan che proprio questa vicenda fa comprendere quanto sia pericolosa. Si scuseranno mai questi avvoltoi se dovessero scoprire che anche lo “speronamento” del fratello contro la povera Maria Paola non è mai accaduto?“.

Peccato che il gip di un tribunale abbia ufficialmente deciso diversamente.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
maschioroma 17.9.20 - 22:10

E' veramente sconcertante come tutti coloro che sono contro i gay e contro il mondo LGBT+ in generale appena vengono etichettati come omofobi replicano subito che non sono omofobi. E' come se uno si vantasse tutto il tempo dei suoi capelli biondi poi appena qualcuno lo chiama biondo si arrabbia.

Avatar
Franzc Dereck 17.9.20 - 20:18

Che dei mefitici personaggi come questi due esemplari della più infima categoria omofoba esistente aprano bocca per emettere flautulenze , è comprensibile . Mi risulta meno comprensibile che , su questo sito siano menzionati ogni due per tre ( termine mutuato dall'Accademia della Crusca).

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Marco Mengoni Carlo Conti Sanremo 2025 Gay.it

Marco Mengoni sul ritorno di Carlo Conti a Sanremo: “Senza Amadeus sarà diverso”

Culture - Emanuele Corbo 10.6.24
Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco torna a insultare e conferma l’esclusione cattolica dei seminaristi gay

News - Francesca Di Feo 12.6.24

Continua a leggere

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
Tullio Cattaneo, aggressione omofoba ai danni dello scultore, in coma dopo un pugno: "Fr*cio di m*rda" - Tullio Cattaneo - Gay.it

Tullio Cattaneo, aggressione omofoba ai danni dello scultore, in coma dopo un pugno: “Fr*cio di m*rda”

News - Redazione 6.6.24
Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte - Josh Cavallo - Gay.it

Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte

Corpi - Redazione 20.12.23
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24