La storia di Magnus Hirschfeld e della prima clinica trans nella Germania nazista

L'istituto era il primo punto di riferimento per la nostra comunità perseguitata dal paragrafo 175.

Giornata della memoria: Magnus Hirschfeld e la prima clinica trans
Prima clinica trans della storia fondata da Magnus Hirschfeld
3 min. di lettura

Siamo nella Berlino del 1930, e all’angolo con Beethovenstraße, si erge su quattro piani l’Institut für Sexualwissenschaft, Istituto per la Ricerca Sessuale.

Al suo interno vivono e lavorano persone di ogni genere possibile, affiancate da tutte le cure, terapie ormonali e trattamenti chirurgici che necessitano.

Il luogo è un angolo sicuro e protetto, che accoglie ogni individuo perseguitato dal paragrafo 175sezione del codice penale tedesco, in vigore dal 1871, che criminalizza ogni atto omosessuale (“L’immoralità contronatura, commessa fra persone di sesso maschile o fra uomini ed animali, è punita con l’imprigionamento; inoltre può comportare la privazione dei diritti civili”).

Alle radici di un istituto così rivoluzionario e accogliente, c’è Magnus Hirschfeld.

Trent’anni prima, lavorando nel sistema sanitario militare, Hirschfeld entrò in contatto con più persone disposte a morire pur di rivelare la propria identità alla società. In seguito, scelse di studiare sessuologia, concentrandosi sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, con l’obiettivo di legittimare uno spazio anche per chiunque non rientrasse nei binari dello status quo.

 

Giornata della memoria: Magnus Hirschfeld e la prima clinica trans
Magnus Hirschfeld

 

Hirschfeld chiamava chiunque non fosse etero o cisgender – incluso lui e il suo partner – come “intermediari sessuali”, elaborando la teoria di un terzo sesso intermediario tra uomo e donna.

Riteneva che l’amore fosse vario come le persone“.

Tra i tanti nomi, il suo istituto accolse anche Dora Ritcher, considerata la prima donna a sottoporsi alla riassegnazione del sesso.

Nel 1896 pubblicò un piccolo opuscolo intitolato Saffo e Socrate, citando il Simposio di Platone che diventò un punto di riferimento nei suoi studi.

Nel testo, scritto almeno due millenni prima, Socrate dice che originariamente gli esseri umani sono fusi insieme alle loro anime gemelle in uno stato di pluralità: quattro gambe, quattro mani, due bocche, due occhi.
L’unione si spezza il giorno della creazione, lasciando ogni individuo alla ricerca dell’altra metà.
Lo stesso Platone riconosceva che alcuni uomini trovavano la loro metà in altri uomini, donne con altre donne, ma anche individui che con un’anima diversa dal corpo in cui erano nati.

Nel 1897 Hirschfeld fondò il Comitato Scientifico Umanitario, finalizzato alla difesa delle persone omosessuali e l’abrogazione del paragrafo 175.

Secondo il motto “giustizia attraverso la scienza”, il gruppo aveva l’obiettivo di fornire una spiegazione scientifica dell’omosessualità, in modo da normalizzarla nel dibattito pubblico.

Il Comitato raccolse più di 5000 firme per l’abolizione del paragrafo 175 – tra cui nomi come Albert Einstein e Leo Tolstoy – e la petizione venne discussa in Parlamento fino agli anni ’20, quando il movimento nazionalsocialista bloccò ogni possibile riforma.

Hirschfeld – che praticava anche travestitismo, sotto lo pseudonimo di zia Magnesia – scrisse e recitò anche nel primo film a tematica omosessuale nella storia del cinema, “Diverso dagli altri” (Anders als die Andern).

La pellicola era una diretta provocazione al paragrafo 175, dove il personaggio interpretato da Conrad Veidt preferisce dichiarare la propria omosessualità piuttosto che sottostare al ricatto del suo amante, ma la società opprimente e intollerante lo porta al suicidio.

 

Il 10 Maggio del 1933, l’Istituto di Ricerca Sessuale viene attaccato dai membri del partito nazista.

Con il fine di preservare “i principi della razza e del Volk”, i nazisti danno fuoco all’intera biblioteca, distruggendo più di 20, 000 libri (molte delle immagini di repertorio che ritraggono gli “incendi” nazisti raffigurano proprio all’istituto di Hirschfield).

 

Giornata della memoria: Magnus Hirschfeld e la prima clinica trans
Nazisti bruciano e distruggono i volumi della biblioteca dell’Istituto per la Ricerca Sessuale, 1933

L’Istituto sessuale fu il primo tentativo di creare un sistema di riferimento per la nostra comunità e preservarne il patrimonio culturale. Nei secoli successivi, ogni identità “immorale” o “intermediario sessuale” si sarebbe evoluto in nuovi terminologie e parole, componendo la sigla che ci rappresenta e accomuna ancora oggi.

Poterne parlare di nuovo, conferma che il lavoro di Hirschfeld non è diventato cenere.

Ora sta a noi non dimenticarlo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

"L’imperatore romano Eliogabalo era una donna": affermazione e transizione di genere al museo - Le rose di Eliogabalo - Gay.it

“L’imperatore romano Eliogabalo era una donna”: affermazione e transizione di genere al museo

Culture - Redazione 23.11.23
Napoleone era bisessuale? - Rupert Everett 2 - Gay.it

Napoleone era bisessuale?

News - Redazione 24.11.23
Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
Re Giacomo I d'Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George - Mary and George - Gay.it

Re Giacomo I d’Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George

Serie Tv - Federico Boni 21.3.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24