Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

"Tu li vedrai ballare puntando al cielo le lame" dice la canzone, mentre sul velo una scritta in arabo indica l'indirizzo del parlamento israeliano.

ascolta:
0:00
-
0:00
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing
4 min. di lettura

Cos’è quel velo ironicamente stampata che indossa Mahmood nel video  di “RA TA TA” suo nuovo singolo uscito da poche ore? Dopo averci raccontato di quand’era cicciottello, Alessandro non lesina le sue folgoranti apparizioni ultra-fashion ma, al contrario di molti colleghi, non si lascia ammaliare soltanto dai brand che mettono mano al portafogli. Anzi. E come dice la nuova canzone che ascolteremo da stanotte: “Tu li vedrai ballare puntando al cielo le lame“.

Non sappiamo se con consapevolezza o semplice scelta di moda, dopo aver mostrato di recente via social la propria vicinanza ai palestinesi durante questi mesi di aggressione sanguinaria a Gaza da parte del governo israeliano del fascista Netanyahu, Alessandro Mahmoud, in arte Mahmood, per il video di RA TA TA (testo dello stesso Mahmood  musica di Katoo e Madfingerz) indossa un velo di chiffon indonesiano sul quale, tra le altre cose, sarebbe stampato l’indirizzo della Knesset, il parlamento israeliano, scritto in lingua araba.

 

 

 

Si tratterebbe del brand palestinese “Trashy Clothing” fondato dai designer Shukri Lawrence e Omar Braika. Il brand si definisce sul proprio sito come “audace mix di satira, kitsch e arguzia” ed ha come obiettivo – oltre a quello di fare profitto – anche di “affrontare le difficili circostanze politiche diffondendo un design che affermi una resistenza anticoloniale e una gioiosa militanza artistica“.

Il velo o sciarpa che dir si voglia, indossato da Mahmood nel video di RA TA TA è già tutto esaurito e costa 65 dollari americani. Si veda qui sotto lo screenshot dell’ecommerce.

Mahmood Trashy Clothing Scarf
Sciarpa in chiffon indonesiana decorata con stampa Salon De Trashy. Il testo recita “Trashy’s Eyes Salon” e include l’indirizzo della Knesset in arabo: un’indicazione vagamente minacciosa considerando che la Knesset è il parlamento israeliano – qui il sito per comprarlo, ma è andato già esaurito.

Di fronte all’occupazione in corso, il brand Trashy Clothing vorrebbe trasformare la gioia in arma di provocazione, attraverso l’umorismo. Nella collezione c’è pure un’assai ironica e stupenda shopping bag con il volto di Zac Efron, alla modica cifra di 80 dollari americani, per irridere, ma al contempo anche amare sfrenatamente, un certo iconico e sessualissimo manzismo coloniale made in USA.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TC (@trashyclothing)

Lawrence e Braika dicono che Trashy Clothing “mette in discussione le geografie occidentali, le dinamiche di potere e le norme estetiche che dominano l’industria della moda contemporanea“.

Trashy Cloithing affronta nelle sue collezioni questioni di genere, sessualità, etnia, dichiarano i due. La moda diventa così un modo per sovvertire l’ordine ad oggi costituito, criticare l’imperialismo occidentale e diffondere stilemi, icone, colori, trame e gusti della musica araba e della cultura popolare del Medio Oriente e del Nord Africa. Nel caos di Mahmood c’è sempre una traccia di solida coerenza.

Mahmood Ra Ta Ta
Mahmood Ra Ta Ta

Anche la tuta che Mahmood indossa nel video (in cui moto e auto driftano tra bambini che scappano e ragazzi che alzano al cielo le lame!) è del brand Trashy Clothing come si evince da questo video:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Omar Braika – عُمَر (@omar_braika)

Reduce dallo spassosissimo duetto trash a Tale e quale show Spagna, va detto che già qualche tempo fa Mahmood, da sempre affascinato dalla moda e conteso dai più grandi brand del pianeta, aveva osato un’incursione in quel frangenti fashion-indie dove tutto è sperimentazione e messaggio, recitando con baci e nudità omo in un cortometraggio super-queer del designer e direttore creativo americano Willy Chavarria (qui il video integrale).

Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA
Mahmood in SAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA – video

Fedele alla propria vita in perenne transizione, Mahmood conferma così una certa attenzione a mandare precisi segnali di ambigua appartenenza e dis-appartenza. È atteso a New York al festival di Lady Fag , grande amica di Riccardo Tisci a cui Mahmood è da sempre legato, e regina delle notti newyorchesi da almeno 15 anni, moglie di Skin degli Skunk Anansie, entrambe madri di Lev.

A poche ora dalla pubblicazione della sicura-hit RA TA TA, l’album “Nei letti degli altri è disco platino, Tuta Gold è quadruplo platino e il prossimo tour è esaurito quasi ovunque.

 

AGGIORNAMENTO
RA TA TA E’ USCITA, NE PARLIAMO QUI >

Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TC (@trashyclothing)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24

Continua a leggere

striscia di gaza

Governo Netanyahu e Hamas sono entrambi estremisti: cessate il fuoco sulla Striscia di Gaza

News - Lorenzo Ottanelli 11.3.24
Daniele Priori GayLib Intervista

Essere LGBTI di destra, l’inadeguatezza dell’attuale Forza Italia, l’appello a Marina Berlusconi e i liberali italiani: parla Daniele Priori di GayLib

News - Redazione Milano 10.7.24
FOTO: SONJA FLEMMING/CBS

Grammy 2024, Annie Lennox omaggia Sinead O’Connor e chiede il cessate il fuoco: “Pace nel mondo!” – VIDEO

Culture - Redazione Milano 5.2.24
Bandiere LGBT ebraiche al Pride

Pride spaccato dalla polarizzazione: le comunità ebraiche non partecipano alle parate di Roma, Torino e Bergamo perché “c’è una caccia al carro di Israele”

News - Giuliano Federico 15.6.24
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24
Marcelo Burlon

Marcelo Burlon lascia il suo brand per godersi suo marito, i suoi cani e le nuove attività

Lifestyle - Redazione Milano 23.4.24
Non Voltarti – Storie di Quartiere

Non Voltarti: Levi’s celebra la comunità queer di Porta Venezia

Lifestyle - Redazione Milano 31.5.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24