Rapporto tra religioni e omosessualità, un breve compendio

Quali sono le posizioni ufficiali delle più importanti confessioni religiose in merito all'orientamento non eterosessuale e alle identità di genere non binarie?

gesuiti
Gesuiti aprono al ddl Zan.
8 min. di lettura

Il dialogo che le fedi religiose e i loro rappresentanti hanno con le persone LGBTQ+ è notevolmente cambiato negli ultimi anni: ci sono stati importanti, significativi segnali di apertura, ma il dibattito rimane sempre attuale. Infatti, le tre grandi religioni monoteiste (ebraismo, cristianesimo e islamismo) con le proprie dottrine insegnano ancora che l’atteggiamento da assumere nei confronti delle persone non eterosessuali e/o non cisgender è di disapprovazione. I discorsi religiosi celebrano un dio d’amore e di misericordia, ma invocano, spesso e volentieri, odio e condanna per chi ha orientamenti sessuali e identità di genere diversi da quelli da secoli imposti. 

Tuttavia, gli atteggiamenti nei confronti delle persone LGBTQ+ cambiano molto a seconda delle differenti confessioni religiose: si va dalla completa accettazione, come per esempio quella della Chiesa Metodista, che ha di recente approvato il matrimonio egualitario, alla condanna totale. 

In questa guida vedremo quali sono le posizioni ufficiali delle più importanti confessioni religiose e organizzazioni di impronta religiosa. 

Cristianesimo 

Rapporto tra religioni e omosessualità, un breve compendio - DDL Zan chiesa - Gay.it

Le confessioni cristiane hanno una notevole varietà di opinioni sulla tematica. La maggior parte di queste accolgono le persone LGBTQ+, ma insegnano nei catechismi che gli atti non eterosessuali sono peccaminosi. Ce ne sono altre che non considerano i rapporti monogamici tra persone dello stesso sesso come cattivi o malvagi. Tra queste, ad esempio, la Comunità di Cristo (RLDS), la Chiesa unita del Canada, la Chiesa unita di Cristo. 

Ma entriamo nello specifico del rapporto tra le più note confessioni cristiane e l’omosessualità. 

Chiesa cattolica romana e omosessualità

Rapporto tra religioni e omosessualità, un breve compendio - Coppia gay con la bandiera rainbow allAngelus in Vaticano - Gay.it

La Chiesa Cattolica Romana accetta la “condizione omosessuale o la tendenza” presente nei credenti, ma ne respinge gli “atti”, invitando a praticare la castità. La Chiesa cattolica, inoltre, non considera gli “atti omosessuali” come espressione del sacramento coniugale ed insegna, piuttosto, che esso è possibile solo nell’ambito di un impegno a lungo termine in un matrimonio tra un uomo e una donna.

Di recente, tuttavia, la Chiesa Cattolica Romana ha preso ufficialmente posizione contro le terapie riparative. La Santa Sede ha inoltrato una nota invitando i vescovi a non raccomandare le terapie che si prefiggono di guarire le persone LGBTQ+. 

Il giornale cattolico Vida Nueva ha scritto anche che il Vaticano, tramite l’informativa, avrebbe invitato le vittime delle teorie riparative proposte dall’associazione spagnola “Verdad y Libertad” a denunciare quanto subito, poiché dal punto di vista canonico la Chiesa non può intervenire

Chiesa ortodossa e omosessualità

Nell’ortodossia, fortemente improntata sul concetto di ascetismo e tradizione, la posizione ufficiale nei confronti dell’omosessualità è quella di condanna. La Chiesa ortodossa ritiene, infatti, che la sessualità in generale sia parte del mondo materiale e che “i maschi che giacciono con maschicompiano un grave peccato

Come leggiamo dal portale su fede ed omosessualità di Gionata.org, nella storia delle chiese ortodosse, in particolare quelle orientali, l’omosessuale era invitato a diventare monaco, ad allontanarsi dal mondo e a santificarsi “evitando le trappole del demonio rappresentate dal suo genere di affettività”.

Tuttavia, ci sono stati e continuano ad esistere un gran numero di gruppi a favore delle persone LGBTQ+ all’interno della Chiesa ortodossa. Uno di questi è Axios, che si prefigge lo scopo di difendere i diritti delle minoranze sessuali all’interno della Chiesa: da questo gruppo sono poi nati diversi gruppi affiliati negli USA, in Canada, e in Australia.

Protestantesimo e omosessualità

Alcune denominazioni del protestantesimo, come le chiese pentecostali, evangelicali, e diverse Chiese libere, ritengono l’omosessualità un peccato e chiedono aə propriə credenti gay e lesbiche di rinunciare al loro orientamento sessuale.

Altre chiese, invece, soprattutto quelle luterane e quelle riformate hanno un orientamento molto più aperto, con recenti prese di posizioni ufficiali, a riguardo ad esempio della benedizione di coppie omosessuali e dell’ammissione al ministero pastorale di persone LGBTQ+.  

In merito alll’Italia, le principali denominazioni protestanti (quella pentecostale e quella evangelicale) hanno un atteggiamento di chiusura pressoché totale nei confronti dell’omosessualità. Sono, addirittura, praticate preghiere di guarigione ed esorcismi contro gli orientamenti non eterosessuali, e le terapie di conversione vengono parecchio incoraggiate. 

Ci sono altre denominazioni italiane protestanti costituite da una comunità di credenti più modesta, come le chiese valdese e metodista, che, invece, sono più disponibili al dialogo

La Chiesa valdese è quella che più di altre, in Italia, si batte contro l’omobilesbotransfobia e supporta con fervore la comunità LGBTQ+. 

Chiesa anglicana e omosessualità

chiesa anglicana

La Chiesa anglicana, al contrario di quella cattolica, è una chiesa fortemente sinodale: c’è una tendenza alla convivenza di opinioni molto diverse e non esiste un’autorità centrale che propone una linea assoluta da seguire. Questo ha fatto sì che l’omosessualità non trovasse lo stesso rifiuto che si ritrova nel resto del cristianesimo. 

Ad esempio, la Chiesa anglicana d’Inghilterra ha ufficializzato la benedizione del matrimonio egualitario e, attualmente, consacra vescovi apertamente gay o lesbiche, seppur siano presenti dei dibattiti interni a riguardo. 

Testimoni di Geova e omosessualità

Il movimento religioso, cristiano, restaurazionista, teocratico dei Testimoni di Geova si basa sul principio che la Bibbia sia l’unica fonte da considerare, anche in tema di morale sessuale. Dalle loro interpretazioni delle Scritture, i rapporti omosessuali sono ritenuti immorali, da condannare. Per validare la propria posizione si riferiscono spesso ai passi biblici che si trovano in Levitico (20,13), in Romani (1,24-27) e in Giuda (7[6]), dove è scritto che l’omosessualità, sia maschile che femminile, è considerata una pratica disapprovata da Dio, moralmente sbagliata e contro natura, anche per il suo aspetto di pratica sessuale al di fuori del matrimonio. Chi si allontana da questi ed altri principi biblici è soggetto alla disassociazione

Una posizione, quindi, tra le più severe, quella dei Testimoni di Geova, nonostante si siano di recente dichiarati contro l’omofobia, che di fatto così non è, perché fomentano ancora oggi odio e discriminazione. Gli omosessuali, a detta loro, possono assistere alle adunanze e seguire gli “studi biblici”, tuttavia le loro pratiche risultano incompatibili con l’appartenenza al movimento. 

Sul nostro portale abbiamo riportato la storia di Alessandro, 30 anni, che a Fanpage ha raccontato la sua fuga dai Testimoni di Geova. Clicca qui per leggerla: In fuga dai testimoni di Geova perché gay: “ora mi sento libero”

Mormoni e omosessualità

La Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni (meglio nota come Chiesa Mormone) ritiene anch’essa che il comportamento omosessuale debba essere condannato e crede anche nelle terapie riparative, in particolare quelle che, attraverso forti pratiche di fede e pentimento, riescono a far scacciare nelle persone LGBTQ+ i pensieri peccaminosi legati alle loro attrazioni sessuali e alla loro identità di genere differente da quella biologica. 

I mormoni si oppongono, quindi, fortemente al matrimonio egualitario, ritenendolo una “grave trasgressione”, in quanto quello eterosessuale è secondo loro la più alta forma di relazione esistente. 

Tuttavia, di recente, la Chiesa mormone ha affermato che, nonostante l’opposizione dottrinale al matrimonio egualitario, le coppie di mormoni LGBT+ che decidono di sposarsi non saranno più espulse e potranno battezzare ə loro figlə. 

Ebraismo 

Rapporto tra religioni e omosessualità, un breve compendio - ebraismo - Gay.it

La posizione dell’ebraismo sull’omosessualità affonda le sue radici nel Libro del Levitico, che fa parte della Torah, il riferimento testuale di questa religione monoteistica, tra le 3 più grandi di sempre. Si parla, addirittura di pena di morte, nonostante oggi non esista alcun tribunale rabbinico che infligga tale condanna. 

Come all’interno del Cristianesimo, ci sono, tuttavia, dei movimenti moderni ebraici che si discostano dalle opinioni dell’ebraismo ortodosso, quello che ancora considera l’omosessualità come contraria alla legge religiosa. 

Ad esempio, l’ebraismo ricostruzionista e l’ebraismo riformato approvano le relazioni omosessuali ed anche il matrimonio egualitario. Anche l’ebraismo conservatore, che fino a 15 anni fa aveva opinioni molto simili a quello ortodosso, accoglie gli ebrei omosessuali nelle sinagoghe e lotta a fianco della comunità LGBTQ+ ebraica contro forme di discriminazione nella vita pubblica e sociale. L’ebraismo conservatore mantiene, comunque, il divieto alla pratica del sesso anale. 

Nel 2016 abbiamo intervistato il rabbino Haim Fabrizio Cipriani che ci ha aiutato a capire qual è la visione ortodossa e progressista a riguardo dell’omosessualità. 

Leggi ora l’articolo: Si può essere ebrei e gay? Intervista al rabbino Haim Fabrizio Cipriani

Islamismo 

islam

È indubbio che nel mondo islamico la maggioranza dei musulmani pensi che essere gay sia una malattia e che le persone omosessuali non siano normali. Questo deriva da una lettura del Corano, secondo molti studiosi moderni ed attivistə LGBT+  musulmani, errata. Si pensa, infatti, che l’Islam non accetti e proibisca espressamente i rapporti tra persone dello stesso. 

Anche se, storicamente, la pena inflitta alle persone omosessuali è stata meno severa delle sue controparti abramitiche (il Giudaismo e il Cristianesimo), oggi la situazione è molto difficile per la comunità LGBT+ musulmana. I rapporti omosessuali portano ufficialmente alla pena di morte in sette stati a maggioranza islamica, come l’ Arabia Saudita, l‘Iran (che, dalla rivoluzione islamica, ha mandato a morte più di 4.000 persone accusate di rapporti omosessuali), la Nigeria, la Mauritania, il Pakistan, la Somalia e lo Yemen. 

Approfondimento: Islam e omosessualità: alle radici di un’omofobia recente

Induismo

hirja, cultura e identità di genere

Il rapporto tra induismo e omosessualità è piuttosto complesso. Quello che sappiamo è che, di sicuro, il piacere sessuale non viene giudicato in maniera negativa e viene ritenuto, anzi, un dono di Dio. Non esiste, come nel Cristianesimo, il peccato della carne. Tuttavia, generalmente, il piacere carnale è accettato solo se è eterosessuale e all’interno del matrimonio

Ci sono però varie prese di posizione da parte dei gruppi indù, che non sono storicamente unificati. Si va dalla totale disapprovazione dell’omosessualità alla sua piena approvazione. Gli omosessuali, ad esempio, possono essere considerati dagli ortodossi dell’induismo addirittura “benedetti dagli dei,” in quanto il loro eros è puro, a differenza degli eterosessuali che, facendo figli, lo rendono impuro. Inoltre, dopo anni di lotte da parte di attivistə, sono statə ufficialmente riconosciutə dalla Corte Suprema indiana ə Hirja, persone che si identificano come transgender, ma si possono identificare anche col genere maschile o femminile. 

Il Kāma Sūtra (Sutra del dio Kama) contiene brani che descrivono eunuchi o maschi del “terzo genere” impegnati nel sesso orale sugli uomini, senza alcun tipo di tabù. Infine, il pantheon indiano è pieno di divinità gender fluid. Nei miti e nelle leggende dell’India ci si imbatte spesso in divinità che mutano il loro aspetto transitando da un genere all’altro e che comunque intrattengono rapporti creativi e liberi con l’identità di genere. 

Buddismo 

buddismo, religione e omosessualità

Anche nella religione buddista il rapporto con l’omosessualità e le persone LGBTQ+ può variare in base alla tradizione e agli insegnamenti a cui ci si affida. Gli studiosi sono concordi nel ritenere che non esiste alcuna stigmatizzazione dell’omosessualità, in quanto non presente nei discorsi di Gautama Buddha. 

Ad ogni modo Il buddhismo viene spesso caratterizzato per essere diffidente nei confronti di qualsiasi godimento sessuale e della sessualità in generale. 

Un buddista dovrebbe, comunque, seguire i 5 fondamentali precetti: non uccidere, non rubare, non mentire, non avere una condotta sessuale irresponsabile e non assumere sostanze intossicanti

La conclusione è piuttosto semplice. Se si sceglie una vita di compassione seguendo i cinque precetti buddisti, non è importante chi si ama, ma che si viva nel rispetto di noi stessi e degli altri.

Scientology e omosessualità

scientology, religione e omosessualità

La Chiesa di Scientology, l’organizzazione che ha sede principale negli Stati Uniti e che raccoglie e diffonde dal 1954 l’insieme delle credenze e pratiche ideate da L. Ron Hubbard (basate sul suo libro Dianetics), considera l’omosessualità come una “devianza sessuale” per le seguenti dinamiche: 

  1. Non favorisce la sopravvivenza dell’individuo
  2. Non realizza qualcosa per il futuro
  3. Non consente di sopravvivere come gruppo perché le unioni omosessuali non generano figli 
  4. Non favorisce il progresso delle cause che determinano il benessere dell’umanità 
  5. Non ha alcun valore pratico per la tutela dell’ambiente 
  6. Non esprime l’impulso a sopravvivere
  7. Non comprende la capacità di creare e di causare sopravvivenza 
  8. Non risulta utile per comprendere l’assoluto 

Nel testo del 1950 “Dianetics: The Modern Science of Mental Health”, Hubbard classificò l’omosessualità come una vera e propria malattia, perversione sessuale. Le persone LGBTQ+ secondo la Chiesa di Scientoloigy andrebbero, quindi, sottoposte a terapia. Una terapia creata dal fondatore stesso, la Quentin Hubbard Terapy (il figlio di Hubbard fu costretto a partecipare e decise di suicidarsi in seguito alla terapia).

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
lorenzopigna78gmailcom 13.1.22 - 18:55

sono tutte o quasi religioni ancorate al " Vecchio" non comprendono l ' esistenza delle persone se non nel vederle procreare e indottrinandoli al matrimonio etero e fortemente condannando l ' omosessualità. Si evince che non ci sono realmente grandi differenze su questo oggetto nelle religioni monoteiste. È un bel guaio, per loro non conta la felicità dell' individuo in quanto tale.

Trending

Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
Marta Fascina e Marina B. Forza - Italia

Le malignità di Forza Italia: Marta Fascina deve lasciare il partito, ma non finché c’è Marina B.

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Stefano De Martino

Stefano De Martino, da ballerino di Amici a volto di punta della nuova Rai

Culture - Luca Diana 27.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24

Hai già letto
queste storie?

Veganuary - Di Pazza e la cucina vegetale

Di Pazza: cos’è il Veganuary e l’insostenibile leggerezza del vegetale

Culture - Emanuele Cellini 11.1.24
Russia LGBT - terapia riparativa

Russia: “curare le persone LGBTI”, smascherati 12 enti che operano indisturbati tra abusi fisici, sessuali e psicologici

Corpi - Francesca Di Feo 5.3.24
Lovers 2024, il programma con tutti i film e gli ospiti. Da Rupert Everett a BigMama e Fabio Canino - OFF Throuple 02 - Gay.it

Lovers 2024, il programma con tutti i film e gli ospiti. Da Rupert Everett a BigMama e Fabio Canino

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Celebrità, alleati e icone LGBTQIA+ che ci hanno lasciato nel 2023 - Lutti 2023 - Gay.it

Celebrità, alleati e icone LGBTQIA+ che ci hanno lasciato nel 2023

News - Federico Boni 28.12.23
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
andrea-saltini-gratia-plena-aggredito

L’artista Andrea Saltini aggredito da un integralista cattolico: le sue opere erano state definite “blasfeme”

News - Francesca Di Feo 29.3.24