Sarah Hijazi, l’attivista ultima vittima dell’omotransfobia in Egitto

Sarah Hijazi non si era mai ripresa dalle torture e dagli stupri subiti in carcere, in Egitto. Alla fine si è tolta la vita.

sarah hijazi
2 min. di lettura

Attivista LGBT. Contro la disuguaglianza e la discriminazione. Transessuale. Tutto questo e molto altro era Sarah Hijazi che ieri, domenica 14 giugno, ha scelto la via del suicidio. Aveva solo 30 anni. Prima del gesto, aveva pubblicato un post e una foto di lei sorridente, in cui salutava e ringraziava gli amici che le sono stati vicini. Ma perdona anche chi le ha voluto male.

Ai miei fratelli e sorelle, ho provato a sopravvivere e ho fallito, perdonatemi. Ai miei amici, l’esperienza è dura e sono troppo debole per resistere, perdonatemi. Al mondo, sei stato davvero crudele! Ma io perdono.

Sarah Hijazi era un’attivista LGBT egiziana, che nel 2017 venne arrestata per aver sventolato una bandiera LGBT al Cairo durante il concerto di Machrou Laila, una band libanese. Sarah, MtF, è stata quindi portata in carcere assieme a un amico, responsabile anche lui di aver sventolato la stessa bandiera. Sarah venne inviata nella sezione maschile. Qui venne ripetutamente torturata e picchiata, come spesso accade agli attivista in Egitto.

Solo l’intervento di associazioni e Paesi a livello internazionale la salvarono da quell’inferno. Ma dopo la liberazione, era solo una persona contro natura, responsabile di atti immorali, come sventolare una bandiera arcobaleno. È stata ripudiata dalla società.

Si trasferì in Canada, dove ottenne asilo come rifugiata politica. Anche se a quasi 10.000 chilometri di distanza, Sarah Hijazi ha sempre continuato la sua battaglia contro le persecuzioni delle persone LGBT in Egitto.

Sarah Hijazi, l’ultima vittima dell’omofobia in Egitto

Ma il suo spirito era stato messo a dura prova. Non si era ripresa da quanto accaduto in prigione. E ha scelto di porre fine alla sua vita.

E’ tristemente noto come gli attivisti vengano trattati nelle prigioni egiziane, basti pensare al nostro Giulio Regeni e a Patrick Zaki, ancora oggi detenuto. Entrambi i due ragazzi sono stati picchiati e torturati ripetutamente. Sarah, in un carcere maschile, era stata doppiamente umiliata.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
Mahmood Tuta Gold Remake Video Still I Rise Nairobi

Mahmood, per ‘Tuta Gold’ ecco il remake video dei bambini di Nairobi

Musica - Mandalina Di Biase 28.3.24
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli - Salvatore Sparavigna - Gay.it

Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli

News - Redazione 29.3.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24