Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l’esposizione universale dell’omobitransfobia

L'Occidente piegato al fascino del petrodollaro, in grado di cancellare la vergogna dei diritti mancati e alla luce del sole calpestati.

ascolta:
0:00
-
0:00
arabia saudita
3 min. di lettura

Dopo il golf e il tennis, con le Next Gen Finals che si terranno a Gedda fino al 2027, e i mondiali di calcio del 2034, anche l’Expo del 2030. L’Arabia Saudita che calpesta quasi con orgoglio i diritti di donne e persone LGBTQIA+ si sta comprando i più ambiti eventi internazionali. Il potere sconfinato del petrodollaro ha facilmente conquistato prima la FIFA, con calciatori come Cristiano Ronaldo che hanno prestato la propria faccia da 613 milioni di follower Instagram a sostegno della candidatura araba, e a seguire i Paesi membri del Bureau international des Expositions, arrivati ieri al Palais des Congrès di Issy-les-Moulineaux, con Riad in trionfo.

119 voti conquistati, contro i 29 di Busan e gli appena 17 di Roma, tristemente ultima. La capitale d’Italia non ha ottenuto neanche un voto dai 27 Paesi dell’Unione Europea.

Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l'esposizione universale dell'omobitransfobia - Manifesto Arabia Saudita - Gay.it

In Arabia Saudita, lo ricordiamo, l’attività sessuale fuori dal matrimonio eterosessuale è ancora oggi considerata illegale, con punizioni che contemplano la reclusione, punizioni corporali giudiziarie eseguite in pubblico fino a giungere, nei casi più gravi, alla pena di morte. Il numero di frustate non è previsto dalla legge e varia a discrezione del giudice. In Arabia Saudita si applica ancora la pena di morte, incluse le esecuzioni pubbliche tramite decapitazione. Altri condannati vengono giustiziati in prigione tramite fucilazione, senza dimenticare le lapidazioni e le crocifissioni. I film considerati “lgbtqia+” sono semplicemente banditi. Sono un anno fa le autorità saudite hanno ritirato da tutti i negozi giocattoli e vestiti arcobaleno, perché “invitano alla deviazione omosessuale”. Nel 2019 cinque uomini vennero decapitati perché omosessuali, mentre un 19enne omosessuale è stato arrestato per aver pubblicato sui social una foto in cui indossava dei pantaloncini corti leopardati.

In Arabia Saudita le donne possono frequentare gli studi dalla scuola primaria all’università, ma in istituti separati da quelli maschili. Devono avere un tutore di sesso maschile per svolgere determinate mansioni, quali viaggiare all’estero, sposarsi e sottoporsi ad un intervento chirurgico, o anche solo aprire un proprio conto in banca, avere un giusto processo ed interagire con altri uomini. Nel Global Gender Gap Report 2016 del World Economic Forum l’Arabia Saudita si è classificata 141ª su 144 paesi rispetto alla parità di genere. Nel 2021 ha fatto sua la 147esima posizione su 156 paesi analizzati, con un punteggio di 0,603 su 1,000.

“A Riad si terrà l’Epo 2030: ovvero l’esposizione dell’omofobia”, ha commentato amaramente su X Vladimir Luxuria. “Accorrete nel Paese dove essere gay comporta il rischio di punizioni corporali fino alla pena di morte: mettete il vostro padiglione in Arabia Saudita dove essere trans è un reato: davvero complimenti della scelta”.

“Riad ha vinto. Uno dei Paesi più fascisti e retrogradi del mondo”, ha scritto su Instagram Fabio Canino. “Ma sono ricchi. Molto. Tanto da potersi comprare tutti. Poi c’era l’Italia dei fascisti anche loro ma ridicoli e poveri. Che tenereza pensavano di poter organizzare l’Expo. Amori ma a voi non farebbero organizzare nemmeno un picnic”.

L’Expo appena conquistato si intreccia al programma strategico Saudi Vision 2030, che punta a diversificare l’economia del Paese sviluppando settori di servizio pubblico come sanità, istruzione, turismo e intrattenimento, con un investimento di 12.000 miliardi di dollari. Per i diritti, guardare altrove.

Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l'esposizione universale dell'omobitransfobia - Expo 2030 Arabia Saudita - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24

Leggere fa bene

palestina lgbtiq

Come vivono le persone LGBTIQ+ a Gaza e nei Territori Palestinesi

News - Redazione Milano 13.11.23
Turchia, Erdogan torna ad attaccare le persone LGBTQIA+: "Una minaccia per la famiglia tradizionale" - Erdogan - Gay.it

Turchia, Erdogan torna ad attaccare le persone LGBTQIA+: “Una minaccia per la famiglia tradizionale”

News - Redazione 27.10.23
Russia LGBTQI+ Repressione 2023 - foto di Politico.com (2015)

Russia, irruzione della polizia nei bar e club LGBT di Mosca, arresti

News - Redazione Milano 2.12.23
"I gay sono dei perveriti", e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova - Milena Slavova - Gay.it

“I gay sono dei perveriti”, e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova

News - Redazione 13.10.23
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
ghana-lgbt-repressione-niger

Ghana nel caos: repressione violenta, disegno di legge anti-LGBTQIA+ e il pericoloso fronte con il Niger

News - Francesca Di Feo 27.9.23
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
David Beckham difende la sua partecipazione ai mondiali in Qatar: "La comunità LGBTQIA+ si è sentita al sicuro" - Beckham n S1 E1 00 49 02 22 - Gay.it

David Beckham difende la sua partecipazione ai mondiali in Qatar: “La comunità LGBTQIA+ si è sentita al sicuro”

News - Federico Boni 5.10.23