Arabia Saudita, cinque uomini decapitati perché omosessuali

37 uomini sono stati condannati a morte in Arabia Saudita. 5 di questi erano omosessuali.

Arabia Saudita, cinque uomini decapitati perché omosessuali - isis decapita gay 1 - Gay.it
< 1 min. di lettura

Hanno creato sdegno in tutto il mondo le 37 esecuzioni di condanne a morte avvenute in Arabia Saudita la scorsa settimana. Persone condannate per crimini legati al terrorismo, si era detto inizialmente.

Peccato che cinque di quegli uomini siano stati decapitati perché omosessuali, per volontà del tribunale della Sharia. Secondo molti gruppi per i diritti umani, compreso Amnesty International, alcune confessioni di terrorismo e spionaggio sarebbero state ‘strappate’ con la forza, con la tortura. Non a caso uno di quei cinque uomini ha ammesso di aver fatto sesso con 4 dei presunti terroristi, insieme a lui accusati e poi condannati.

L’omosessualità in Arabia Saudita è punibile con la morte, e secondo alcuni documenti ottenuti dalla CNN l’uomo avrebbe confessato di aver commesso atti omosessuali, nonché di odiare la maggioranza della comunità sciita, perseguitata dal regime e concentrata nella provincia orientale del Paese. In 4 mesi appena, in Arabia Saudita sono state eseguite 104 esecuzioni di condanne a morte, contro le 149 totali del 2018.

Le esecuzioni sono state eseguite nelle città di Riyad, Mecca e Medina. Ad uno degli uomini hanno inchiodato la testa, mozzata, su un palo, in una piazza pubblica.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
rubytuesday 2.5.19 - 20:48

qualche tempo fa mi sono permesso di ricordare che gli omosessuali dovrebbero essere i primi nemici dell'invasione islamica, inclusa quella che arriva con i barconi. Gli insulti che mi sono preso!

Avatar
Franzc Dereck 30.4.19 - 19:11

Nessun limite all'orrore di questi porci .

Trending

Tiziano Ferro Elodie

Tiziano Ferro, duetto con Elodie per il ritorno dopo la crisi?

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Concerto Primo Maggio Lista Cantanti

Chi ci sarà al Concerto del Primo Maggio 2024: Achille Lauro, LRDL, Malika Ayane, Rose Villain e con Mace potrebbe esserci Marco Mengoni

Musica - Redazione Milano 17.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24

Continua a leggere

Rubén García, il calciatore spagnolo contro l'omofobia dell'Arabia Saudita: "Mi lascia a bocca aperta" - Ruben Garcia foto - Gay.it

Rubén García, il calciatore spagnolo contro l’omofobia dell’Arabia Saudita: “Mi lascia a bocca aperta”

Corpi - Redazione 17.1.24
fifa mondiali 2034

FIFA, i mondiali di calcio del 2034 si terranno nell’omobitransfobica Arabia Saudita

News - Federico Boni 2.11.23
arabia saudita

Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l’esposizione universale dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 29.11.23
Polemiche per la richiesta del Barcelona di non esporre bandiere rainbow in Arabia Saudita - nella foto Joao Felix (dal profilo IG @fcbarcelona)

“No bandiere rainbow e manifestazioni di affetto in Arabia Saudita”, la richiesta del Barcelona ai suoi tifosi

Corpi - Federico Boni 10.1.24