Polka Dot, la drag queen polacca avverte il Regno Unito sulla dilagante omofobia del Paese

Polka Dot ha una paura sempre più crescente. Ma c'è il rischio che l'onda omofoba polacca raggiunga anche il regno di Sua Maestà?

polka dot
Polka Dot ha paura che l'onda omofoba arrivi anche in Regno Unito.
2 min. di lettura

Polka Dot è una drag queen di origine polacche, che assieme a Remove-Her e Alexis Saint Pete, fa parte di un terzetto chiamato “Slav 4 U” che si esibisce a Londra. Quando se n’è andata dalla Polonia la situazione per la comunità LGBT era tragica. E ora teme che lo stessa possa avvenire anche nel Regno Unito.

L’obiettivo di Polka Dot non è solo fare spettacolo, ma portare un po’ della cultura polacca anche negli altri Paesi, dove è possibile farlo senza il rischio di essere aggrediti. La drag queen ha spiegato a Pink News che ha capito di aver fatto bene il suo lavoro quando una ragazza l’ha avvicinata per dirle:

Grazie, Polka, per quello che hai fatto stasera. Mi sentivo come se fossi tornata in Polonia, ma con la differenza che posso tenere la mano della mia ragazza e non avrò paura che qualcuno possa picchiarmi per questo.

E questa ragazza è solamente una dei tanti giovani polacchi LGBT che ogni anno lasciano la loro terra natia per il Regno Unito, il primo Paese a cui pensano per iniziare una nuova vita.

La drag queen polacca Polka Dot contro l’omofobia del suo Paese

Quindi, oltre allo spettacolo, c’è appunto la volontà di mostrare la Polonia e la sua cultura:

Io, ad esempio, sono una polacca orgogliosa e mi manca il mio paese. SLAV 4 U mi dà l’opportunità di celebrare la cultura pop polacca con un tocco queer. Mi permette di celebrare chi sono veramente in un modo che invece non potrei fare in Polonia.

SLAV 4 U, allo stesso modo, non è solo un terzetto per fare spettacoli. Ma è una sfida, una battaglia contro l’omofoboia che la fa da padrona in Polonia. Non si tratta solo della politica, ma anche della popolazione che si sente legittimata ad attaccare le minoranze, con il benestare dei leader politici, a partire dal presidente.

E il timore che questo possa arrivare in Regno Unito

Polka Dot ha questa paura: l’onda omofoba della Polonia potrebbe arrivare nel Regno Unito.

Il governo britannico dovrebbe osservare da vicino ciò che sta accadendo in Polonia e non solo commentare ufficialmente, ma anche fare tutto il possibile affinché tali cose non accadano qui.

Per “non finire sulle brutte pagine dei libri di storia accanto alla Polonia“, il Regno Unito deve attivarsi e portare avanti le leggi promesse per i diritti civili.

Le giravolte di Boris Johnson

Il governo di Boris Johnson non sta procedendo molto bene, in questo senso. Ad esempio la legge sul divieto delle terapie di conversione è ancora ferma, nonostante le parole d’impegno del primo ministro. C’è poi il fallimento del Gender Recognition Act, la riforma per semplificare il cambio di genere delle persone trans, bloccata e attuata solo in parte.

Non si può poi dimenticare che negli ultimi anni si è registrato un sempre più alto numero di attacchi di stampo omofobo.

Ma la paura di Polka Dot è fondata? Si spera naturalmente di no, anche se Boris Johnson nel corso degli ultimi decenni si è espresso più volte sulla comunità LGBT, mostrando in ogni occasione numerose giravolte, smentendosi da solo.

Se negli anni ’90 era un accanito oppositore ai matrimoni egualitari e aveva una opinione piuttosto negativa degli omosessuali, agli inizi del 2000 era addirittura andato contro il proprio partito per votare delle leggi contro le discriminazioni (ad esempio la sezione 28). Grande partecipazione ai pride, a campagne pro-matrimonio per le persone dello stesso sesso. Negli ultimi due anni, invece, ha dato l’ok per un divieto del matrimonio nelle Bermuda, e ha nominato un noto transfobico come consigliere.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24

Hai già letto
queste storie?

Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
I giovani gay e bisessuali fumano e bevono più dei coetanei etero. Tutta colpa dell’omobitransfobia - I giovani gay e bisessuali fumano piu dei loro coetanei etero. Tutta colpa dellomobitransfobia - Gay.it

I giovani gay e bisessuali fumano e bevono più dei coetanei etero. Tutta colpa dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 6.11.23
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24