Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

L'ultimo allarmante report di Ilga-World.

ascolta:
0:00
-
0:00
Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it
3 min. di lettura

Oltre il 30% dei Paesi del mondo ancora oggi criminalizza gli atti omosessuali consensuali. A confermarlo è un report di ILGA World, Laws on Us il titolo, che ha documentato quanto avvenuto nei 193 stati membri delle Nazioni Unite, in diversi Paesi fuori dalle Nazioni Unite e in una serie di giurisdizioni subnazionali, tra gennaio 2023 e aprile 2024.

Pubblicato poco prima del Pride Month, che inizia sabato 1 giugno, il rapporto mostra come il 32% della popolazione mondiale continui a criminalizzare gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso – inclusi 60 Stati membri delle Nazioni Unite.

Le nostre comunità hanno celebrato importanti vittorie negli ultimi due anni”, ha affermato Lucas Ramón Mendos, responsabile della ricerca presso ILGA World e coautore principale di Laws on Us. “Eppure, resistenza e detrazione si sono materializzate quasi ovunque”.

Negli ultimi 16 mesi quattro Stati membri delle Nazioni Unite (Andorra, Estonia, Grecia e Slovenia) hanno votato a favore dell’uguaglianza matrimoniale, mentre il Nepal ha emesso un ordine provvisorio della Corte Suprema per facilitare le nozze same-sex e Bolivia e Lettonia hanno legalizzato le unioni civili tra persone dello stesso sesso.

Ci sono stati anche grandi progressi in termini di depenalizzazione degli atti omosessuali, come a Singapore, Mauritius e Dominica e nelle Isole Cook, mentre cinque stati delle Nazioni Unite (Ecuador, Finlandia, Germania, Nuova Zelanda e Spagna) e lo stato dello Yucatán in Messico hanno legalizzato il riconoscimento di genere basato sull’auto-identificazione. Nove stati delle Nazioni Unite dispongono finalmente di protezioni legali contro gli interventi non consensuali sui minori intersessuali – con Cile, Spagna e giurisdizioni come l’Australian Capital Territory che si sono unite all’elenco dall’inizio del 2023.

Ma non ci sono solo buone notizie.

La Russia e alcuni stati degli Stati Uniti hanno adottato divieti sull’assistenza che attesti l’affermazione del genere e promuovono attivamente interventi sui minori intersessuali.

L’Uganda ha approvato un terribile disegno di legge omofobo che arriva fino alla pena di morte, mentre l’Iraq ha reintrodotto la criminalizzazione e sono emersi rapporti sull’applicazione della pena capitale sia in Afghanistan che in Yemen. Diversi altri stati delle Nazioni Unite hanno poi annunciato progetti di legge regressivi e/o hanno discusso l’introduzione di una legge tesa a criminalizzare le relazioni omosessuali.

Abbiamo assistito a un aumento allarmante delle restrizioni alla libertà di espressione e di associazione”, ha affermato il coautore principale di Laws on Us, Dhia Rezki Rohaizad. “Ciò ha portato ad arresti per censura e persecuzioni in molti stati membri delle Nazioni Unite”.

Giordania, Kirghizistan e Uganda hanno implementato leggi mirate alla censura nei confronti della “promozione dell’omosessualità”, mentre la Bielorussia ha iniziato a classificare i contenuti LGBTQ+ come pornografia, senza dimenticare la Russia che ha etichettato il movimento LGBT internazionale come “estremista”.

Julia Ehrt, direttrice esecutiva di ILGA World, ha dichiarato: “Nel 2024 metà della popolazione mondiale si recherà alle urne con diversi Stati che stanno cercando di limitare lo spazio civico per le organizzazioni non governative, in particolare quelli che affrontano la diversità sessuale e di genere. “Anche parlare della nostra vita in pubblico sta diventando sempre più difficile in un numero crescente di Stati. Questa tendenza è estremamente preoccupante”.

Le co-segretarie generali di ILGA World, Luz Elena Aranda e Tuisina Ymania Brown, hanno aggiunto: “Ogni giorno, le vite delle persone LGBTI sono usate come questioni chiave per distrarre, mobilitare e dividere. In tempi preoccupanti come questi, è fondamentale disporre di prove affidabili sulle leggi internazionali che riguardano le nostre comunità e una chiara comprensione delle sfide che ci attendono“.

Secondo la Rainbow Map 2024 di Ilga-Europe, l’Italia è crollata al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT.

Fonte: PinkNews

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Bridgerton 3 conferma la prima storia d'amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER) - BRIDGERTON 305 Unit 03509R - Gay.it

Bridgerton 3 conferma la prima storia d’amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER)

Serie Tv - Redazione 14.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Ex manager della British Airways arrestato in Qatar perché gay: "Negati i farmaci antiretrovirali, è tortura" - Manuel Guerrero Avina - Gay.it

Ex manager della British Airways arrestato in Qatar perché gay: “Negati i farmaci antiretrovirali, è tortura”

News - Redazione 1.3.24
Salerno, aggressione omofoba al grido "ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*” - Omofobia 10 - Gay.it

Salerno, aggressione omofoba al grido “ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*”

News - Redazione 3.5.24
russia-putin-comunita-lgbt-bambini

Russia, Putin sulla comunità LGBTQIA+: “Giù le mani dai bambini”

News - Redazione Milano 23.2.24