Mauritius, la Corte Suprema ha depenalizzato l’omosessualità

La Corte ha stabilito che la sezione 250 del codice penale, risalente al 1838, è “discriminatoria” e “incostituzionale”. Una sentenza storica.

ascolta:
0:00
-
0:00
africarivista.it
africarivista.it
2 min. di lettura

La Corte Suprema di Mauritius ha dichiarato “incostituzionale” e “discriminatoria” la criminalizzazione e il divieto all’intimità tra persone dello stesso sesso fino ad oggi vigente nel Paese africano, dando così forma ad una storica sentenza.

Abdool Ridwan Firaas Ah Seek, presidente dell’organizzazione locale LGBTQIA+ Collectif Arc-en-Ciel, sostenuta dallo Human Dignity Trust di Londra, è stato il principale artefice di questa straordinaria vittoria. Abdool aveva contestato la costituzionalità della sezione 250 del codice penale mauriziano, che risaliva al 1838. La sezione criminalizzava le relazioni consensuali tra persone dello stesso sesso, con pene fino a cinque anni di carcere.

La sentenza pronunciata mercoledì ha sottolineato come Mauritius sia uno Stato democratico e laico, non trovando alcun giustificabile motivo per intromettersi nella vita privata delle persone LGBTQIA+.

La Corte ha stabilito che la sezione 250 del codice penale è “discriminatoria” e “incostituzionale” e ha affermato che “criminalizza l’unico modo naturale per Abdool Ridwan Firaas Ah Seek e altri uomini omosessuali di avere rapporti sessuali, mentre agli uomini eterosessuali è concesso il diritto di avere rapporti sessuali”.

Il giudice ha inoltre riconosciuto che l’orientamento sessuale del querelante è “naturale e innato… non può essere alterato ed è una variante naturale della sua sessualità”.

Dopo l’annuncio, Human Dignity Trust ha twittato: “BREAKING: Vittoria epocale per i diritti umani a Mauritius. La Corte Suprema ha annullato la legge discriminatoria che criminalizzava l’intimità tra persone dello stesso sesso. Mauritius si aggiunge a un elenco crescente di nazioni africane che hanno depenalizzato l’attività sessuale tra persone dello stesso sesso”.

Per poi aggiungere:

Human Dignity Trust applaude questa decisione, così come il lavoro del governo per riformare leggi più ampie sui reati sessuali, per eliminare la discriminazione e fornire un’adeguata protezione contro la violenza sessuale. Questa vittoria porta a 65 il numero di giurisdizioni che ancora oggi criminalizzano le persone LGBTQIA+. Mauritius si unisce ad altre nazioni africane come Sud Africa, Botswana, Seychelles e Mozambico, che hanno sradicato simili disposizioni criminalizzanti dell’era coloniale dai loro codici”.

Pliny Soocoormanee, gay mauriziano e funzionario esecutivo dell’organizzazione per i diritti umani The Peter Tatchell Foundation, ha detto: “Sono felicissimo che dopo 185 anni di criminalizzazione delle persone LGBT a Mauritius, questa legge omofobica sia finalmente giunta al termine. Non abbiamo mai chiesto un trattamento speciale, solo uguaglianza e rispetto. Mauritius può essere piccola, ma il messaggio che invia al mondo è enorme. La criminalizzazione in ogni Paese appartiene al passato. Come gay mauriziano, questo giorno vivrà con me per sempre“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24

Leggere fa bene

6 elettori statunitensi su 10 sono favorevoli all’introduzione di leggi a protezione della comunità LGBTQIA+ - Trump vs. Biden - Gay.it

6 elettori statunitensi su 10 sono favorevoli all’introduzione di leggi a protezione della comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 12.10.23
Chiara Francini voce del podcast Refuge: "Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia" - INTERVISTA - chiara francini 2 - Gay.it

Chiara Francini voce del podcast Refuge: “Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia” – INTERVISTA

News - Federico Boni 10.11.23
uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24
Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda - Johannesburg Pride 2023 - Gay.it

Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda

News - Redazione 30.10.23
Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque

News - Redazione 14.12.23
nigeria matrimonio omosessale rilasciate 69 persone su cauzione - cover: The legend of the underground HBO

Nigeria, parteciparono a un matrimonio gay, 69 persone dovranno portare le prove della propria innocenza: rilasciate su cauzione

News - Redazione Milano 21.9.23
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
africa-comunita-lgbtqia-amnesty-international

Africa, la comunità LGBTQIA+ “verso l’estinzione”: il rapporto di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 12.1.24