Mauritius, la Corte Suprema ha depenalizzato l’omosessualità

La Corte ha stabilito che la sezione 250 del codice penale, risalente al 1838, è “discriminatoria” e “incostituzionale”. Una sentenza storica.

ascolta:
0:00
-
0:00
africarivista.it
africarivista.it
2 min. di lettura

La Corte Suprema di Mauritius ha dichiarato “incostituzionale” e “discriminatoria” la criminalizzazione e il divieto all’intimità tra persone dello stesso sesso fino ad oggi vigente nel Paese africano, dando così forma ad una storica sentenza.

Abdool Ridwan Firaas Ah Seek, presidente dell’organizzazione locale LGBTQIA+ Collectif Arc-en-Ciel, sostenuta dallo Human Dignity Trust di Londra, è stato il principale artefice di questa straordinaria vittoria. Abdool aveva contestato la costituzionalità della sezione 250 del codice penale mauriziano, che risaliva al 1838. La sezione criminalizzava le relazioni consensuali tra persone dello stesso sesso, con pene fino a cinque anni di carcere.

La sentenza pronunciata mercoledì ha sottolineato come Mauritius sia uno Stato democratico e laico, non trovando alcun giustificabile motivo per intromettersi nella vita privata delle persone LGBTQIA+.

La Corte ha stabilito che la sezione 250 del codice penale è “discriminatoria” e “incostituzionale” e ha affermato che “criminalizza l’unico modo naturale per Abdool Ridwan Firaas Ah Seek e altri uomini omosessuali di avere rapporti sessuali, mentre agli uomini eterosessuali è concesso il diritto di avere rapporti sessuali”.

Il giudice ha inoltre riconosciuto che l’orientamento sessuale del querelante è “naturale e innato… non può essere alterato ed è una variante naturale della sua sessualità”.

Dopo l’annuncio, Human Dignity Trust ha twittato: “BREAKING: Vittoria epocale per i diritti umani a Mauritius. La Corte Suprema ha annullato la legge discriminatoria che criminalizzava l’intimità tra persone dello stesso sesso. Mauritius si aggiunge a un elenco crescente di nazioni africane che hanno depenalizzato l’attività sessuale tra persone dello stesso sesso”.

Per poi aggiungere:

Human Dignity Trust applaude questa decisione, così come il lavoro del governo per riformare leggi più ampie sui reati sessuali, per eliminare la discriminazione e fornire un’adeguata protezione contro la violenza sessuale. Questa vittoria porta a 65 il numero di giurisdizioni che ancora oggi criminalizzano le persone LGBTQIA+. Mauritius si unisce ad altre nazioni africane come Sud Africa, Botswana, Seychelles e Mozambico, che hanno sradicato simili disposizioni criminalizzanti dell’era coloniale dai loro codici”.

Pliny Soocoormanee, gay mauriziano e funzionario esecutivo dell’organizzazione per i diritti umani The Peter Tatchell Foundation, ha detto: “Sono felicissimo che dopo 185 anni di criminalizzazione delle persone LGBT a Mauritius, questa legge omofobica sia finalmente giunta al termine. Non abbiamo mai chiesto un trattamento speciale, solo uguaglianza e rispetto. Mauritius può essere piccola, ma il messaggio che invia al mondo è enorme. La criminalizzazione in ogni Paese appartiene al passato. Come gay mauriziano, questo giorno vivrà con me per sempre“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24

Hai già letto
queste storie?

Ghana LGBTQ+

Ghana, a rischio 4 miliardi a causa della legge anti-LGBT. E il presidente non l’ha ancora firmata

News - Redazione 6.3.24
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt

“L’occidente vuole importare in Ghana il disturbo mentale dell’omosessualità”: il parlamentare Sam George difende la legge anti-LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Unione Europea Diritti Transgender

L’Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+ - Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunita LGBTQIA - Gay.it

Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+

Culture - Redazione 8.3.24
Mahmood Tuta Gold Remake Video Still I Rise Nairobi

Mahmood, per ‘Tuta Gold’ ecco il remake video dei bambini di Nairobi

Musica - Mandalina Di Biase 28.3.24
uganda legge anti gay

Attivisti LGBTQIA+ trascinano l’Uganda in tribunale per la legge “Kill the Gays”

News - Redazione 21.12.23
kenya-divieto-incitamento-violenza-lgbt

Kenya, la Corte Suprema vieta l’incitamento alla violenza contro la comunità LGBTQIA+. Ma è solo una misura temporanea

News - Francesca Di Feo 3.5.24