Alla scoperta di Salonicco, una città gay-friendly di arte e cultura

Alla scoperta della destinazione LGBT+ emergente sul Mar Egeo che ospiterà l’Europride 2020: Salonicco!

Uno dei porti più grandi della Grecia. Un incredibile centro commerciale ed economico. Al suo interno troviamo modernità, storia, cultura e arte. E’ Salonicco, nella Grecia del Nord, all’interno del golfo Termaico del mar Egeo. Salonicco (o Thessaloniki) è la seconda città per numero di abitanti e dimensioni, e sta diventando sempre più una meta del turismo LGBT+. Una città tra l’altro che sarà un punto di riferimento per la comunità LGBT+ nel 2020, quando ospiterà uno degli appuntamenti più importanti: l’Europride. Gli organizzatori sono già a lavoro per realizzare un grande evento LGBT+. Non solo della Grecia, ma di tutta Europa

Qui, basta passeggiare per il centro per riconoscere il passaggio dei romani, dei bizantini e degli ottomani, che hanno lasciato tracce della loro arte e delle loro culture. Salonicco viene fondata tra il 316 e il 315 a.C. e prende il nome della sorella di Alessandro Magno, nonché figlia di Filippo II, re di Macedonia.

Passeggiando per la città, vivrete 2300 anni di storia. Le opere contemporanee e gli storici monumenti sono innumerevoli, e potrete trovarli praticamente ovunque. Salonicco infatti è un enorme museo a cielo aperto, dove si combinano modernità e storia. Un centro completo, fatto non solo di spiagge e mare. Volete una vacanza al mare ma senza rinunciare alla storia e all’arte? Eccovi accontentati.

Salonicco: unione tra storia e arte

Salonicco vede l’arrivo dei romani già nel 168 a.C. con la sconfitta del re Perseo. Grazie alla sua posizione, diventa il quartiere generale del governatore romano. Durante il V e VI secolo a. C. Salmonicco deve continuamente difendersi dagli attacchi di altri imperi, attirati dalle sue ricchezze. Sotto l’impero bizantino, la città è cresciuta, tanto da diventare un centro nevralgico. Almeno, fino al 1430, quando gli ottomani prevalsero.

La città, sotto l’impero ottomano, si svuota. Molti fuggono prima di essere uccisi, altri vengono venduti come schiavi. Le chiese cristiane diventano moschee, mentre vengono costruiti altri edifici, oggi monumenti che testimoniano il passaggio di questo impero. Quando arrivano, nel 1492, circa 20.000 ebrei espulsi dalla Spagna, la città cambia nuovamente. E continua a cambiare fino a prima della Grande Guerra, modernizzandosi e diventando una città cosmopolita e centro economico della Grecia del Nord.

Musei, monumenti, opere d’arte e teatri. Salonicco si rivelerà una meta incredibile per le vostre vacanze.

I più grandi musei

  • Il Museo Archeologico: mostre di epoche antiche e contemporanee, conferenze e seminari: questo museo custodisce reperti di Salonicco dal 1912 fino ai giorni nostri, raccontando parte della sua storia.
  • Museo della Cultura Bizantina: le sue 11 gallerie di mostra permanente sono ospitate all’interno di un edifico storico, con antichi manufatti risalenti all’epoca bizantina.
  • Museo Olimpico: un luogo unico nel suo genere, come riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale. Con mostre periodiche e permanenti, si scopriranno i giochi olimpici di un tempo e i campioni più celebri delle gare. E si metteranno alla prova le proprie abilità con applicazioni interattive.
  • Museo dei vino Gerovassiliou: il museo si trova all’interno dell’azienda. Si potrà conoscere la storia di questo vino con un collezione di cavatappi e degli antichi strumenti per la produzione, oltre naturalmente alla degustazione di alcuni calici.
  • Casts Museum della Facoltà di Filosofia (Università Aristotele): con una collezione di 700 calchi in gesso, riproduce delle antiche sculture greche esposte nei musei di tutto il mondo e offre dei reperti rinvenuti duranti gli scavi in Macedonia. Si trova alla facoltà di Filosofia, un punto di ritrovo per gli studenti di archeologia.
  • Museo della Torre Bianca: salendo per la torre, scoprirai la storia di Salonicco e in cima rimarrai estasiato dalla vista su tutta la città. I reperti e le applicazioni interattive mostreranno come la città è cambiata dal giorno della sua nascita.
  • Museo Ferroviario: qui si trova il vagone-ristorante dell’Orient Express che viaggiò da Parigi a Costantinopoli. Passeggera illustre: Agatha Christie. Durante la corsa si dedicò alla scrittura di alcuni dei suoi romanzi. Il museo è ospitato all’interno di una storica stazione militare, e offre ai suoi visitatori anche dei vecchi reperti utilizzati nelle stazioni e alcuni vagoni del treno imperiale.
Ti suggeriamo anche  La Zurigo gay-friendly ti aspetta: i principali eventi 2019 da non perdere

I monumenti e le sculture lungo tutta Salonicco

  • Medaglia: posta fuori dal museo olimpico, è costituita da 3 cerchi che sostengono una figura rossa, ovvero un traguardo.
  • Busto di Atanasio Diakos: il busto è in ricordo del comandante Diakos, eroe delle armate greche durante la rivoluzione del 1821.
  • Busto di Sophia Vembo: conosciuta come “Songstress of Victory“, è stata una cantante che con le sue opere spesso satiriche e patriottiche ha incoraggiato l’esercito greco durante la guerra contro l’Italia del 1940.
  • Memoriale nazionale della Resistenza: monumento dedicato ai soldati greci caduti durante la II Guerra Mondiale.
  • Memoriale dell’Olocausto: in ricordo degli ebrei trucidati durante il periodo nazista, rappresenta un candelabro a sette rami, le fiamme sono costitute invece da corpi umani. E’ posizionato nel luogo in cui gli ebrei vennero radunati per essere eliminati.
  • Sega: è appunto un’enorme sega in acciaio, che simboleggia la divisione tra gli essere umani, le percezioni e le culture che distruggono i collegamenti per comunicare.
  • Gli Ombrelli: posizionata sul lungomare, è la meta di numerosi turisti, a piedi o in bici. Uno dei posti più belli e immortalati di Salonicco.
  • Scultura Commemorativa Gregorio Lambrakis: un volto e due braccia alzate verso il cielo, in ricordo del combattente politico Gregory Lambrakis.
  • Memoriale del Genocidio dei Greci di Pontian: in quel luogo, la scultura della donna seduta disperata ricorda il genocidio dei greci di Pontian.
  • Statua di Alessandro Magno: sul lungomare di Salonicco, è la statua di Alessandro Magno più grande di tutta la Grecia.
Ti suggeriamo anche  Salonicco: i locali gay friendly e il miglior cibo di tutta la Grecia

Conferenze, spettacoli teatrali, lirici, balli e concerti: gli eventi più importanti vengono organizzati alla Salonicco Concert Hall, un edificio che unisce la modernità della città con la sua storia bizantina, presentando così aree molto spaziose illuminate da luce naturale e in grado di ospitare più eventi anche contemporaneamente.

I più bei teatri 

  • Teatro Nazionale della Grecia del Nord
  • Teatro Reale
  • Teatro della Società degli studi Macedoniani
  • Teatro Dasosus
  • Teatro Kipoy
  • Teatro Gis Damari
  • Teatro Politeia
  • Teatro aperto di Vyzantinon Neromylon

I siti Unesco da visitare

Molte delle chiese, dei monasteri, delle mure e delle terme bizantino presenti a Salonicco sono state dichiarate patrimonio dell’Unesco. Ecco alcune delle chiese più belle:

  • Santa Sofia: una chiesa costruita alla fine del VII secolo, molto simile all’omonima chiesa di Istanbul. Col passare degli anni, divenne anche una moschea.
  • Chiesa di Sant’Aikaterini: un antico monastero cattolico-bizantino, realizzato tra il XIII e il XIV secolo.
  • Chiesa di Panya Chalkeon: denominata anche Chiesa Rossa per il suo colore, rappresenta alla perfezione lo stile bizantino.
  • San Nicola Orphanos: monastero bizantino del XIV secolo, gli affreschi che abbelliscono le pareti sono i migliori di tutta Salonicco.
  • Rotonda: uno de monumenti più grandi della città, è l’unione tra pagano e cristiano con mosaici particolari dalla bellezza incredibile. Realizzata nel IV secolo, fu convertita a moschea dall’impero ottomano.
  • Le mura: ancora oggi, le mura che proteggevano Salonicco sono in piedi. Una protezioni lunga 8 chilometri, dove si trova anche la zona chiamata Salonicco delle Mura, con quartiere antichi che non sono stati intaccati dallo scorrere del tempo.
  • Monastero di Vlatadon: unico monastero di origine bizantina ancora attivo. Un luogo importante, in quanto costruito nel luogo dove San Paolo (ancora apostolo) insegnò durante il suo soggiorno.

Gli itinerari della città di Salonicco

  • Romano: basta ricordare lo stile romano per riconoscere i monumenti dell’epoca che inizia nel 168 a. C. Salonicco ha preservato i punti più importanti dell’impero romano, offrendo un itinerario con il foro, l’arco trionfale di Cesare Galerio e gli antichi Palazzi dei governatori.
  • Bizantino e Cristiano: l’itinerario bizantino e cristiano è caratterizzato da chiese, monasteri e bagni realizzati durante l’impero bizantino, che ha portato a Salonicco anche la religione cristiana. Un’incredibile viaggio che accomuna religione, storia e arte.
  • Ebraico: dal 1492, gli ebrei popolarono Salonicco facendola crescere dal punto di vista economico. Nel corso di pochi anni, erano il 56% della popolazione e costruirono ben 36 sinagoghe, oltre a porti, ospedali e alcune delle più belle dimore della città.
  • Ottomano: Dal 1430 al 1912 la città è sotto l’impero ottomano. Nascono così molte ville e abitazioni lussuose, oltre a far diventare Salonicco multiculturale. In città coesistevano greci, turchi ed ebrei, segnando un’epoca particolare che si ripercuote poi nell’architettura del centro.
Ti suggeriamo anche  Zurigo da vivere: musica e teatro per tutta l'estate

Gli eventi da non perdere

  • Forest Festival: da giugno a settembre, quest’anno il festival ha aperto la quinta edizione. 4 mesi di esibizioni teatrali, musicali e di danza realizzati da grandi nomi dello spettacolo greco.
  • Salonicco Beer Festival: dal 29 agosto al 1 settembre, un’infinita selezione di birre verrà proposta agli amanti, nel più grande festival del Paese.
  • Festival di Voroina: un grande festival che si svolge a settembre, dove si potranno degustare vini di produzioni locale, provando bevande alcoliche della tradizione e realizzate con tecniche innovative.
  • Mysticon: il modo più divertente per scoprire Salonicco e i suoi misteri, nel mese di settembre. Cacce al tesoro, escape room, tour misteriosi e delitti irrisolti per chi ama i giochi esperienziali lungo tutta la città.
  • 22° Festival Internazionale della Banda Giovanile: dal 28 al 31 agosto, il festival accoglie giovani di tutte le età e da tutto il mondo per suonare e divertirsi, usando la musica come mezzo di comunicazione.
  • Salonicco Food Festival: degustazioni, consigli per ricette direttamente nei mercati, visita guidata della città e lezioni di street food. Il festival gastronomico più importante e imperdibile della Grecia è qui a Salonicco.
  • Reworks: il festival internazionale della musica, che va dalla musica classica a quella elettronica, diventando un evento musicale conosciuto in tutto il mondo. Gli amanti della musica, nelle date ufficiali, assalteranno Salonicco per cinque giorni di divertimento e scoperte musicali.
  • Taratsa International Film Festival: ad agosto, le terrazze più belle di Salonicco diventano dei cinema all’aperto. Ogni persone potrà partecipare a queste evento tanto atteso, che vedrà registi internazionali presentare i loro film e cortometraggi.
  • Fiera internazionale del Libro: 500 autori da 20 paesi incontrano gli amanti della lettura ogni primavera per una delle più grandi fiere d’Europa.
  • Salonicco Dance Festival: il festival del ballo che 1500 ballerini aspettano con ansia, per incontrare  i loro maestri e imparare l’arte della danza, da quella classica ai balli più stravaganti.
  • Festival Internazionale dei Film di Salonicco: L’Europa sud-orientale conosce solo un festival, quello di Salonicco. Una carrellata di film, in concorso e fuori, greci e internazionali, di registi emergenti e conosciuti.

In collaborazione con l’Organizzazione di Turismo di Salonicco.
Per informazioni visita il sito.